Utente 258XXX
Gentili Dottori,
sono una ragazza di 23 anni che non soffre di particolari patologie,oggi sono andata dal mio nuovo medico (a causa del cambio di domicilio effettuato da poco), per lamentare un fastidio agli occhi che ho da qualche giorno. premetto di essere portatrice di lenti a contatto che metto abitualmente ogni giorno,tranne quando le esigenze mi pemettono di evitarlo. Il mio problema è un leggero fastidio all'interno dell'occhio come se avessi un corpo estraneo anche dopo l'uso di un normale collirio alla camomilla, non vi è particolare rossore all'occhio ma sono molto sensibile alla luce solare e ho forte lacrimazione. i sintomi persistono con il costante uso di collirio calmante suddetto e l'astensione dalle lenti a contatto. Mi è stata prescritta come cura un cucchiaino di bicarbonato di sodio disciolto in acqua tutte le sere per 15 giorni. Visto che tale decisione mi risulta strana senza un approfondimento dei sintomi, e visto che sempre secondo me 15 giorni di bicarbonato potrebbero bastare ad alterare i miei equilibri vi domando: 1- se effettivamente è una cura alla mia problematica. 2- se ha controindicazioni visto che essendo mio medico da poco non possiede nessuna informazione sul mio stato di salute.
Ringraziandovi in anticipo per la cortese attenzione,porgo distinti saluti
[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
Il bicarbonato e la camomilla nel 700 erano cure desuete per gli occhi si figuri nel 2012
Una ragazza in gamba come lei deve recarsi dal medico oculista
Buttare via le lenti a contatto contaminate che ha
Ed arrivare ad una giusta diagnosi ed ad una appropriata terapia....
[#2] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
le allego un mio appunto

Come utilizzare senza problemi le lenti a contatto



1) Si possono applicare ed usare le lenti a contatto solo quando le condizioni anatomiche e funzionali dell'occhio lo consentono

2) Esistono dei fattori di riscchio, rilevabili dal medico specialista in oculistica, che possono essere causa di complicanze anche gravi e di fenomeni di intolleranza allergici.

3) Il medico specialista oculista è perfetamente consapevole di questi fenomeni e solo dopo un' accurata valutazione clinica e diagnostica potrà indicare e prescrivere l'uso di una lente a contatto. il paziente a questo punto si recherà dall'ottico per l'aplicazione della lente.

4) Per utilizzare correttamente le lenti a contatto sono necessari

molta igiene delle mani e dell'occhio (occhio e zona peri oculare)
una appropriata applicazione, una corretta rimozione
una perfetta pulizia
l'uso di ottimi liquidi e sistemi di conservazione
una precisa manutenzione

5) Sottoporsi periodicamente e frequentemente a controlli medico specialistici oculistici

6) Utilizzare sempre lenti a contatto sterili e mai oltre il periodo raccomandato

7) Sempre al termine di utilizzo raccomandato (giornaliero, settimanale, mensile) le lenti dovranno essere cestinate e sostituite con lenti nuove.

8) Ogni qual volta si verificano arrossamenti, bruciori, senzsazione di corpo estraneo, fotofobia, eccessiva lacrimazione, calo del visus, appannamenti, disturbi o anomalie della visione bisogna recarsi immediatalente dal Medico Oculista o al Pronto Soccorso.

9) L'uso di alcuni farmaci a esempio i diuretici, gli antistaminici, i decongestionanti, gli estro progestinici (pillola) i vaso costrittori, gli ansiolotici ed i tranquillanti riducono drastivcamente la secrezione di film lacrimale dando un quadro noto come Dry Eye o Occhio Secco, in questo caso l'uso delle lenti acontatto deve essere limitato ed effettuato se possibile sotto la guida e i controlli periodici del Medico Oculista.

10) se accidentalmente una sostanza chimica viene a contatto con gli occhi sciaccuare abbondantemente con acqua (meglio se zuccherata) e recarsi immediatamente dal Medico Oculista o al Pronto Soccorso.

11) Durante l'utilizzo di lenti a contatto evitare l'esposizione a vapori nocivi, profumi abbondanti, lacche per capelli

12) Utilizzare sempre soluzioni per lenti a contatto perfettamente conservate in luoghi idonei e (non scadute),

13) Non usare mai acqua corrente per lavare o sciacquare le lenti, è buona norma lavare sempre bene le mani con sapone battericida prima della manipolazione delle lenti a contatto, come buona norma sarebbe pulire bene la superficie del lavandino ed i rubinetti prima della loro manipolazione ed applicazione

14) Non mettere mai le lenti a contatto in bocca per umidificarle

15) Consultare sempre il Medico Oculista per le modilità di utilizzo di lenti a contatto durante una attività sportiva

16) Evitare l'uso di lenti a contatto durante il bagno in mare, nei laghi, in piscina . in terme, di docce di luoghi pubblici

17) evitare l'uso di saponi, creme, lozioni, profumi, deodoranti, o cosmetici prima di applicare le lenti a contatto

18) L'inosservanza delle norme di una corretta utilizzazione di lenti a contatto può provocare gravissimi danni all'occhio (sino al trapianto di cornea = cheratoplastica perforante)

19) Con l'abuso di lenti a contatto si possono creare abrasioni o ulcere corneali

20) Il rischio di contarre patologie corneali : abrasioni, ulcere, cheratiti, ascessi, aumenta drammaticamente quando non si osservano le comuni norme igieniche e quelle specifiche sull'uso delle lenti a contatto.

21) Altresì è drammaticamente dannoso utilizzare le lenti a contatto per un tempo superiore a quello indicato e raccomandato dal medico oculista

22) Il rischio di lesioni cornealida lenti a contatto aumenta notevolmente nei Fumatori

23) Le lenti ac ontatto con protezione UV non sostituiscono gli occhiali da sole, che vanno sempre utilizzati (anche con cappellino a tesa lunga tipo baseball nei bambini e nei soggetti sottoposta a chirurgia rifrattiva o della cataratta)

24) Per qulasiasi problema o consiglio rivolgetevi sempre al vostro Medico Oculista

[#3] dopo  
Utente 258XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dottore,
la ringrazio per la tempestiva ed esauriente risposta,potrà comprendere il mio disagio nel mettere in dubbio la diagnosi di un medico. Sono favorevole alle cure naturali per i piccoli fastidi come questo,a patto che non guastino il mio attuale stato di salute. Chiaramente sarebbe una cura temporanea che se non dovesse portare a miglioramenti non esiterei a consultare uno specialista. Porgo molta attenzione al buon uso delle lenti a contatto come da lei consigliatomi e sicuramente grazie a questo non ho grossi problemi essendo io un soggetto sensibile alle allergie. La mia domanda è appunto se a saper suo il bicarbonato assunto nelle dosi di un cucchiaino per due settimane possa causare problemi agli occhi e all'organismo,oppure è semplicemente "non soluzione" al mio problema?
Colgo occasione per ringraziare vivamente lei ed altri medici che offrono il proprio consulto gratuitamente su questo sito,anche da queste cose a parer mio si denota grande professionalità. :)
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
il bicarbonato
"è semplicemente "non soluzione" al mio problema"
buona serata