Utente 234XXX
Buongiorno Dottori,
sono una ragazza allergica alle proteine del latte. Quest'allergia mi è stata diagnosticata da 6 mesi ma, collegando vari sintomi e problematiche (prevalentemente respiratorie) avute nell'infanzia, il medico ha sostenuto che io sia affetta da questa problematica sin dal momento dello svezzamento.

Ho così iniziato a seguire le indicazioni del mio medico, eliminando non solo tutti gli alimenti contenenti latte, ma anche i prodotti da bagno, i detersivi, i cosmetici.
Così facendo però, il mio organismo è diventato sempre più sensibile anche alla minima introduzione di prodotti "dannosi" (sino a reagire anche solo al cambio di detersivo per i panni).

Il problema mi si è posto recentemente quando, avendo tolto praticamente ogni fonte di proteine del latte, il mio intestino e il mio corpo si erano finalmente stabilizzati, sino a che ho avuto rapporti sessuali con il mio moroso. Io prendo la pillola, quindi non abbiamo utilizzato preservativi e, il giorno dopo, sono stata male. Viste le coincidenze ripetute di sesso-crisi allergica, mi sono chiesta (magari è una cosa stupida!) se il fatto che lui mangi normalmente latte e derivati possa scatenare in me una reazione e se, quindi, sarebbe più opportuno utilizzare dei profilattici (a meno che anch'essi contengano questo maledettissimo allergene!)

Spero di essere stata chiara,
cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
non impedisca al suo fidanzato di assumere latte, poichè il suo sospetto non trova fondamento.

Saluti