Utente 206XXX
Buongiorno,
ho 66 anni e soffro di mal di schiena già da diversi anni. Ho fatto pochi giorni fa l'esame di RX COLONNA LOMBOSACRALE con il seguente referto:

Artrosi osteofitica. Discopatia in L1-L2, L2-L3, L3-L4, L4-L5, L5-S1. Ateromasia dei vasi addominali.

La voce che mi ha spaventato è "Ateromasia dei vasi addominali".
Mi può spiegare il significato e se è qualcosa di importante e a rischio?

No so se questo che le sto per dire ha legame con l'esame svolto; la settimana scorsa ho fatto l'ecocolordoppler dei tronchi sovraortici alla carotide, ed è risultato tutto nella norma, senza alcuna alterazione.

Per sua conoscenza le volevo segnalare, che fortunatamente non sono iperteso, i valori del colesterolo sono buoni, non fumo, il valore della glicemia è nella norma e il mio peso e nella norma (sono alto 1.81 e peso 78 kg.)
Le volevo dire inoltre se ritiene necessario effettuare, in ogni caso, l'esame dell' ecocolordoppler dei vasi addominali.

Resto in attesa di un suo riscontro e ringraziandola anticipatemente per la sua disponibilità, invio cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Ugo Bertoldo
24% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Buona sera,

il riscontro occasionale di ateromasia dei vasi addominali non è di per sè un segno di patologia.
Non è altro che un segno radiologico di "invecchiamento" delle arterie, e quelle che si vedono facendo una radiografia della colonna vertebrale, sono le calcificazioni dell'aorta addominale e le arterie iliache.
Quindi non è espressione di patologia, ma ritengo utile farle visionare ad un chirurgo vascolare che, contestualmente alla visita le saprà essere più preciso ed eventualmente richiedere approfondimenti diagnostici, pur non essendo lei un soggetto che presenta fattori di rischio per patologie vascolari.

Un cordiale saluto


[#2] dopo  
Utente 206XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dott. Bertoldo,
la ringrazio per la sollecita risposta. Le volevo chiedere se ritiene necessario eseguire, in ogni caso, l'ecocolordoppler dei vasi addominali.
Con cordialità.
[#3] dopo  
Prof. Ugo Bertoldo
24% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Non in prima istanza, se necessario lo richiederà il chirurgo vascolare vedendo le radiografie e visitandola.

Cordialità
[#4] dopo  
Utente 206XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dott. Bertoldo,
seguirò il suo consiglio.
La saluto cordialmente.