Utente 263XXX
Buonasera,
cortesemente vorrei chiedere a uno specialista di interpretare il referto di ESAME ENCEFALOGRAFICO effettuato a mio padre di 78 anni, in quanto non riusciamo a contatare il suo neurologo e vorremmo capire qualcosa dall'esame fatto.

riporto di seguito quanto scritto sul referto:

Attività di fondo alfa/theta a circa 8-7 hertz dominante sincrona simmetrica reattiva posteriore.
Non si registrano anomalie epilettiformi.
SLI inattiva, Hp non eseguita.
CONCLUSIONE: sofferenza elettrogenetica generalizzata in assenza di anomalie epilettiformi.

L'esame è stato eseguito su un paziente affetto da insufficienza vascolare cronica e parkinsonismo.

Grazie di cuore a chiunque di Voi Dottori voglia darmi spiegazioni!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il referto EEG indica una generica sofferenza dell'attività elettrica cerebrale compatibile con sofferenza vascolare cerebrale cronica.
Comunque in questi casi (vasculopatie cerebrali e parkinsonismi) l'EEG non ha nessun valore diagnostico non essendo specifico di tali forme. Oltre la fondamentale visita medica gli esami diagnostici indicati in questi casi sono la TC o la RM encefalica (quest'ultima preferibile).

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dott. Ferraloro,
la ringrazio per la sua celere e chiara spiegazione.
L'EEG non è stato prescritto come valore diagnostico, ma, presentandosi nella progressione della malattia problemi di memoria, allucinazioni e confusione mentale, il neurologo l'ha richiesta per capire se la fonte di tali problemi è dovuta all'insufficienza vascolare cronica, "all'età" o per capire se ci fosse altro...
Spero di aver usato termini esatti per spiegarmi.
Grazie ancora, cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ok, adesso capisco, si è spiegata benissimo.
I disturbi cognitivi potrebbero essere dovuti sia alla vasculopatia cerebrale sia ad involuzione neuronale.
Anche il parkinsonismo ed eventuali terapie ad esso associate possono causare i disturbi menzionati.

Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 263XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per il suo consulto: molto esaustivo!