Utente 334XXX
Sei mesi fà mi sono rivolta ad un chiropratico perchè soffrivo sporadicamente (più o meno una volta al mese ) di dolori intensi e lancinanti che partivano dal collo sino al braccio sinistro con a volte formicolio sulla mano,prendendo però un antinfiammatorio il dolore regrediva piano piano sino a scomparire in giornata.
Vi scrivo perchè, in seguito a queste sedute di chiropratica, che consistevano in trust cervicali, sono iniziati dei dolori di cui non avevo mai sofferti e che da sei mesi non mi danno tregua. Sono dolori continui e persistenti (H24) al collo, spalle, braccia e tutta la testa. Oltre al dolore sulla faccia e sulla testa sento costantemente stringere e tirare. Inoltre soprattutto nella zona occipitale (nei punti di inserzione dei muscoli) avverto un estrema irritazione e sensazione di avere all'interno una ferita aperta. Aggiungo che tutti i sintomi di cui ho parlato sono spontanei, fermi e insistenti. Non mancano nausea e senso di instabilità. I vari specialisti che ho consultato (ortopedici, neurologi, neurochirurghi, fisiatri) mi hanno prescritto diverse tipologie di farmaci (punture di cortisone, anti-infiammatori e miorilassanti, tachipirina, brufen, fortradol, lyrica (per 2 mesi), laroxyl, cymbalta) che però non sono riusciti ad alleviarmi i sintomi neanche per qualche minuto. Le diagnosi che mi hanno fatto sono state nevralgia di arnold, cefalea muscolo tensiva, cervicalgia acuta.
L'unico esame diagnostico che mi avevano indicato di effettuare gli specialisti consultati è stata una RMN Cervicale e radiografia cervicale in flesso-estensione entrambe negative a meno di una riduzione della fisiologica lordosi cervicale.
Qualche settimana fa,dopo tanta disperazione e continue ricerche mi sono confrontata con un neuroradiologo e siamo riusciti a fare una TC Cervicale e un ecografia ai muscoli paravertebrali di cui riporto di seguito i referti.
TC della colonna cervicale da ricostruzioni multiplanari.
Verticalizzazione del tratto in esame in rapporto a completa abolizione della fisiologica lordosi come da contrattura muscolare antalgica.
A livello del rachide cervicale superiore si evidenzia un'asimmetria degli spazi laterodentali per riduzione del sinistro e relativo ampiamento del controlaterale in rapporto a rotazione atlanto-assiale trasversa; si associa rotazione posteriore destra dei metameri del rachide cervicale superiore (le apofisi spinose prevalentemente di C2, C3, C4 si localizzano a destra della linea mediana).
Si evidenzia inoltre una minima riduzione di spessore del legamento alare di sinistra in corrispondenza del profilo posteriore, rispetto al controlato, in possibile rapporto con pregressa lesione legamentosa distrattiva, peraltro parziale in assenza di discontinuità a tutto spessore del contingente fibroso.
Per quanto riguarda l ecografia non riesco ad inviarvela per motivi di spazio.
Aspetto con ansia una vostra risposta
Grazie tante

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Alessandro Caruso
40% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile signora solamente un accurato consulto specialistico ortopedico puo' fare luce completa sul suo rachide cervicale.
Nell'articolo " colpo di frusta cervicale " http://www.medicitalia.it/minforma/ortopedia/217-colpo-frusta-cervicale.html
che ho pubblicato nel link minforma qui in medicitalia , troverà tanti dettagli tecnici per il suo caso clinico.

Verosimilmente lei ha subito un trauma distrattivo capsulo legamentoso, che va ben curato da Specialisti del settore: ovvero ortopedici e fisiatri.
Mai , mai , mai fare manipolazioni vertebrali senza il parere di uno specialista Fisiatra, mai senza il parere di un ortopedico.
E poi sono tecniche mediche che devono essere eseguite dallo Specialista Fisiatra o Ortopedico, esperti in medicina manuale .
Adesso deve curare il tutto facendo della terapia farmacologica idonea , dopo il parere dell'ortopedico , e della fisiochinesiterapia specifica: sia massoterapia che sedute di terapia fisica strumentale, ( come termoterapia endogena, ionoforesi, tens , ) rivolgendosi ad un medico Fisiatra.
Cordiali saluti



[#2] dopo  
Utente 334XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dott.Caruso,
Grazie mille per i suoi suggerimenti.A proposito Le voglio far presente che in questi mesi ho già fatto due cicli da 10 di fisioterapia :la prima con tecar,tens e massoterapia e la seconda con laser terapia alta potenza,tecar,massoterapia e diadinamica antalgica. Con entrambe il massaggio peggiorava tantissimo i miei dolori e mi sentivo spossata e con stato febbrile.ora su consiglio della nuova fisiatra che mi segue sto facendo magnetoterapia e laser terapia per riparare i tessuti lesi.Lei che ne pensa e può suggerirmi altro su quale terapia potrebbe aiutarmi?Per quanto riguarda i farmaci ho provato oramai,come descrivevo sopra, tantissime cose senza beneficio neanche momentaneo,mi saprebbe dire se c'è qualcosa che può aiutarmi a soffrire un po' meno?
Aggiungo anche che da risonanza magnetica risultano lesioni e compromissioni muscolari a livello della cerniera alto-occipitale.grazie ancora
[#3] dopo  
Prof. Alessandro Caruso
40% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
La magnetoterapia non serve al caso clinico suo, in quanto non si deve rigenerare alcun tessuto .
Ma nel caso fosse necessaria, ogni seduta di magnetoterapia deve durare 7-8 h.
Senza un accurato esame clinico , senza la valutazione diretta della rmn e di quant'altro, nessuno è in grado di entrare in particolari cosi specifici e profondi, gentile signora.
La terapia che sta facendo dovrebbe avere dei risultati positivi, continui così.
Si faccia seguire da bravi ortopedici e fisiatri e perfezioni la terapia farmacologica .
Cordiali saluti