Utente 343XXX
Salve ho quasi 42 anni , ultimamente sono un pò preoccupato perchè ho i linfonodi collo , laterocervicali , ascellari ed inguinali dolenti. Premetto che ha dall'età di 18 anni che gli stessi linfonodi sono sempre stati ingrossati senza che però mi facessero male. Adesso da poco più di un mese sento questo fastidio continuo e questa situazione mi mette parecchia ansia, Ho fatto ecografia ed il referto è stato di linfonodi reattivi ma benigni , secondo il medico nulla di preoccupante. Inoltre ho fatto esami del sangue con questi valori .

globuli rossi 5.280.000
globuli bianchi 6.200
emoglobina 15.3 g/dl
ematocrito 43.6 %
MCV 82.6
MCH 29.0
MCHC 35.1

FORMULA LEUCOCITARIA

neutrofili 59.7
eosinofili 3.5
basofili 0.2
linfociti 30.3
monociti 6.3

piastrine 175.000 xmmc

Transaminasi e Trigliceridi nella norma.

Ho anche fatto eco della tiroide con la presenza di diversi noduli .

Esami Tiroide :

Anticorpi Anti Perossidasi 97.20 valore max fino a 35
FT3 3.10 valori da 1-4
FT4 16.24 valori da 6-19
TSH 1.357 valori da 0.300 - 4.000

Inoltre ci sono giorni che accuso un pò di stanchezza sopratutto la sera e da un mesetto la consistenza della feci è molle . Ho spesso la stimolo di defecazione e falutolenze e rumori allo stomaco. Premetto che è un periodo molto difficile a livello personale e lavorativo e sto vivendo un momento di forte stress e tensione nervosa.
Vi sarei grato se potessi venire a capo di questi disturbi che mi stanno condizionando grazie .

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Un giudizio su una linfoadenopatia «reattiva» generalizzata nell'ambito di un quadro sintomatologico del tutto aspecifico è già difficile in condizioni normali: con questi mezzi è assolutamente impossibile.
Poiché che la situazione si è fatta particolarmente provante, soprattutto dal punto di vista psicologico, forse sarebbe utile un approccio multidisciplinare in modo da poter valutare ogni possibilità.
Potrebbe quindi cominciare chiedendo un consulto "reale" endocrinologico (l'unica cosa che sembra emergere dagli accertamenti già fatti è la presenza di una tiroidite cronica autoimmune) oppure ematologico/immunologico/infettivologico per quanto riguarda i linfonodi.
Ci aggiorni, se vuole.
Saluti,