Utente 138XXX
Buongiorno Dottori,
tempo fa ho avuto diversi episodi sincopali ed il mio medico di base mi ha prescritto degli accertamenti ematologici,cardiologici e neurologici (finora non hanno confermato nessuna carenza). Dagli episodi accaduti tutt'ora la mia pressione è diminuita ed è di 100/60. Ora avverto episodi di ipotensione ortostatica (passaggio clinostatismo o fowler a ortostatismo) e vertigini durante l'atto della minzione. Volevo chiederVi il vostro parere al riguardo di provare, attraverso la fitoterapia con la liquirizia, ad alzare un po' la pressione.Al riguardo volevo chiederVi:
1) secondo Voi un aumento pressorio di 10 mm Hg potrebbe risolvere il mio problema? In questo quanto potrebbe essere un dosaggio di liquirizia da assumere? Sono al corrente che la dose massima consigliata è 3 g/die
2) Trattenendo il sodio e non risparmiando il potassio quali potrebbero essere gli effetti collaterali? E quelli a lungo termine?
3) Avete qualche altro suggerimento per risolvere il mio problema con altri prodotti non farmaceutici? Io sono vegetariano ed assumo molti sali minerali e vitamine

Grazie mille Dottori,attendo una vostra risposta
Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, l'assunzione di liquirizia può variare di qualche millimetro di mercurio la sua pressione e di certo non può essere usata per cure a lungo termine. E' bene che ne riparli con il cardiologo per verificare se esiste l'indicazione all'assunzione di farmaci che aumentino la pressione arteriosa da prendersi eventualmente anche al bisogno.
[#2] dopo  
Utente 138XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno Dottore,ho già eseguito la visita cardiologica e dal tracciato mi ha detto che il mio cuore e la pressione a riposo sono perfetti,non ho effettuato però una prova da sforzo. Dimenticavo di farvi notare che prima degli episodi sincopali che mi sono successi facevo un po' di corsa amatoriale (6km/h) e il mio pulsossimetro segnava 140-150bmp max, ora solo a fare le scale di casa mia (1 piano) arrivo a 150-160bpm! Per questo volevo non affidarmi a farmaci
[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
E' ovvio che una terapia farmacologica si avvia solo se si individua la causa e ce n'è realmente bisogno.