Utente 332XXX
Gentili medici,
Durante una procedura endovascolare mi sono ferito con uno strumento tagliente poco prima utilizzato sulle vie biliari di un paziente. Premetto che indossavo i guanti, perció il taglio è stato abbastanza superficiale. Ho fatto regolare denuncia e, al controllo sierologico, il paziente 65enne è risultato negativo a hbv, hcv e hiv. Vorrei sapere se è elevata la possibilità che costui si trovasse in un eventuale periodo finestra e, di conseguenza, se ho corso comunque rischi concreti. Il paziente era ricoverato già da un mese e aveva transaminasi perfettamente nella norma (aveva solo un'alterazione degli indici di colestasi a causa della patologia che aveva comportato la necessità della procedura). Il fatto di dover aspettare 6 mesi per concludere il follow up e archiviare la faccenda mi mette non poca ansia, vista la mia personalità, perció vorrei una sua risposta per sapere quanto dovrei essere preoccupato nel corso di questi mesi di attesa. Grazie mille per l'attenzione
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
il suo incidente rientra nella routine di chi lavora a contatto con i Pazienti.
O se ne fa una ragione o cambi mestiere perchè quello che le è occorso potrebbe accaderle ancora.
Pensi ai chirurghi.....
Comunque stante la negatività sierologica del Paziente all'HCV, all'HBV (anche se lei dovrebbe essere vaccinato) e all'HIV credo che possa ragionevolmente stare tranquillo.
Da quanto ho capito lei ha aperto l'infortunio sul lavoro: quindi obtorto collo dovrà essere seguito per il tempo che la legge prevede.
Io al posto suo non sarei affatto preoccupato e affronterei i controlli con assoluta serenità.
E' tutto quello che le posso dire.

Cordialità,
Dott. Caldarola.