Utente 459XXX
Salve ho 30 anni, il 7 di luglio purtroppo mi sono sottoposta ad Ivg con raschiamento ed anestesia totale (ero circa di 9 settimane) . Il decorso a dire del medico è stato regolare: ho effettuato un'ecografia a distanza di 10 gg circa e una visita ginecologica completa il 20 di luglio. Ho assunto nel frattempo antibiotici (Velamox due al giorno per 4 giorni) il Methergin (le compresse non erano disponibili e il ginecolo mi ha detto di sciogliere le fiale intramuscolo in due dita d'acqua assumendone una al giorno per 4 giorni per via orale) oltre ad antidolorifici e una lavanda vaginale ogni 4 gg. Perdite di sangue abbondanti per circa 6_7 giorni che poi sono continuate a intermittenza più scure e molto più scarse fino ad oggi (negli ultimi due giorni sono riprese e mi trovo spesso con gli slip sporchi di marrone). Dolori alle gambe soprattutto infracoscia che dopo 10 gg sono spariti e negli ultimi giorni sono ricominciati (e questo mi preoccupa molto!). Tutto regolare per il medico se non per un episodio lipotimico a fine luglio che sembra essere stato legato al caldo (ho fatto le analisi generali al Ps compresa ecografia addominale anche se non ho detto ai medici Dell Ivg lo ammetto) ma il ginecologo esclude ci siano legami con l Ivg. Ora durante una visita dal ginecologo (fatta mentre avevo ancora perdite) mi ha effettuato anche un pap test da cui ha evidenziato un Ascus. Dopo una microfotoscopia (e non colposcopia raccomandata invece dal laboratorio di analisi) mi ha detto che avrei dovuto sottopormi con urgenza a una causticazione perché avevo piccole lesioni sulla superficie della cervice nella sola parte centrale dovute a probabili infiammazioni ricorrenti mai curate a dovere. Parlando con un altro ginecologo invece(non ho potuto andare a visita) lo stesso mi ha raccomandato fortemente la colposcopia sconsigliandomi in modo categorico la causticazione perché a suo dire bisognerebbe capire prima la natura delle cellule anomale.
Non so che fare. Ho paura a rivolgermi ad altri medici e a riferire nuovamente dell Ivg che per me è stato un trauma e che vorrei non raccontare a nessuno. Quindi vi chiedevo che fare?
Se mi sottopongo ad altra visita ginecologica l'Ivg è rilevabile? Se si per quanto tempo?
È davvero necessaria la causticazione o devo sottopormi ad altre indagini?
È normale che abbia di nuovo dolori infracoscia e la pancia gonfia a distanza di un mese?
Scusate lo sproloquio ma sono in forte crisi e i medici che ho visto non mi danno tante spiegazioni e visto il periodo di ferragosto fatico a risentire pure loro
Attendo con ansia una risposta
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Mai eseguire una DIATERMOCOAGULAZIONE (causticazione in termini pratici ) senza aver eseguito una COLPOSCOPIA e la stessa va sempre eseguita sotto guida COLPOSCOPICA .
L' ASCUS va indagato escludendo qualsiasi tipo di infezione , per poi ripetere a distanza di 6 mesi il PAPTEST, previo esame colposcopico e HPV test.
SALUTI
[#2] dopo  
Utente 459XXX

Iscritto dal 2017
Posso chiedere invece per le perdite e il dolore alle gambe e oggi alla pancia se si tratta del normale ciclo che riprende dopo l Ivg del 7 luglio? O mi devo preoccupare? Ad oggi le perdite sono poche e marroni non come il flusso solito del mio ciclo.
Il ginecolo (che ha anche eseguito l'Ivg) insiste per la microfotoscopia e la causticazione dicendo che la colposcopia a suo parere è esagerata e che a seguito della causticazione devo ripetere semplicemente il pap test nel brevissimo periodo. Però non mi spiega le conseguenze della causticazione.
Inoltre mi chiedevo se l Ivg fosse visibile nei controlli successivi con altri medici.
Non so davvero cosa fare.
[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La IVG a distanza non è possibile diagnosticarla.
Per quanto riguarda il parere sulle modalità di gestione dell'ASCUS , io seguo le LINEE GUIDA della SOCIETA' Italiana di COLPOSCOPIA , il Collega ha un suo modo di gestione che non critico , ma non CONDIVIDO.
[#4] dopo  
Utente 459XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio. Quindi mi consiglia di prenotare la colposcopia altrove?
Per quanto riguarda invece il decorso Dell Ivg devo preoccuparmi? Soprattutto per i dolori alle gambe, le perdite anomale degli ultimi giorni e il gonfiore ancora non rientrato. Oggi è passato un mese dalla Ivg e sono molto in ansia: non so se sia andato tutto bene e se le due cose siano in qualche modo collegate. E purtroppo non so chi contattare in questi giorni per farmi spiegare nel dettaglio il decorso regolare. Sto soffrendo molto per questa cosa sul piano emotivo perché non ne ho parlato con nessuno e non so come affrontare i problemi fisici. Sto andando a dir poco in forte confusione
[#5] dopo  
Utente 459XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio. Quindi mi consiglia di prenotare la colposcopia altrove?
Per quanto riguarda invece il decorso dell'Ivg devo preoccuparmi? Soprattutto per i dolori alle gambe(nella zona inguinale e nella zona interna delle cosce che tra l'altro mi sento spesso bollente) , le perdite anomale degli ultimi giorni (marroni e a volte filamento) e il gonfiore della pancia ancora non rientrato dal 7 luglio. È il ciclo mestruale che sta riprendendo o indice di qualcosa che non va, ad es. un'infezione? Oggi è passato un mese dalla Ivg e sono molto in ansia: non so se sia andato tutto bene....
Ho il dubbio addirittura che l'intervento e l'ascus siano in qualche modo collegate. E purtroppo non so chi contattare in questi giorni per farmi spiegare nel dettaglio il decorso regolare. Sto soffrendo molto per questa cosa sul piano emotivo perché non ne ho parlato con nessuno e non so come affrontare e interpretare i problemi fisici. Sto andando a dir poco in forte confusione se non in panico