Utente 469XXX
Buonasera,
sono Roberto Donati da Arezzo, 37 anni, di professione insegnante.

Le volevo chiedere un consiglio sul mio caso clinico: ho una ipermiopia congenita in entrambi gli occhi con lieve astigmatismo. Sono stato felicemente operato ad Arezzo nel 2009 per intervento di correzione mediante applicazione di IOL fachiche. Controlli annuali e finora tutto bene.

Quest’estate, a inizio agosto, ho avuto un serio e drammatico incidente stradale, un brusco frontale dall’impatto devastante che mi ha causato “solo” una forte contusione toracica da esplosione airbag, poi naturalmente risolta.

A metà ottobre, invece, ho avuto un imprevisto inaspettato: un improvviso e rapido distacco di retina dell’occhio destro, il più miope dei due. Operato d’urgenza sempre con la tecnica del cerchiaggio, a oggi la retina è stata riattaccata. L’occhio interessato però vede ancora molto appannato, anche per prese a di cataratta corticale posteriore in evoluzione. Mi è stato detto di farmi controllare di nuovo fra 3-4 mesi e poi valutare un nuovo intervento.

Consapevole che a distanza e senza conoscermi potrebbe essere difficile stabilire alcunché, le chiedo:
1) secondo lei l’incidente potrebbe aver causato un trauma corresponsabile del distacco di retina? La coincidenza sarebbe sospetta.
2) il decorso prospettatomi è per lei normale? Ovvero, dovrò davvero aspettare tre-quattro mesi, vedendo male nel frattempo, per poi operarmi di nuovo? La vista nel frattempo dovrebbe migliorare?
3) la futura operazione per risolvere la cataratta si può fare facilmente in presenza di iol fachica? E permetterà il recupero totale della vista senza dover ricorrere di nuovo agli occhiali?

Spero potrà darmi qualche indicazione anche di massima in merito e mi scuso per la modalità forse inusuale con cui l’ho contattata.

Grazie. Un cordiale saluto,
[#1] dopo  
Dr. Enzo D'Ambrosio
36% attività
16% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Buonasera,
nell'ordine, molto probabilmente il distacco è legato al trauma, ma rimane sempre difficile da dimostrare in ambito assicurativo, nei 3-4 mesi la vista dovrebbe peggiorare, è per quello che si aspetta per l'intervento. La lente deve essere prima rimossa chirurgicamente per poi fare la cataratta. In teoria tolta la lente faccia e la cataratta si dovrà vedere bene senza occhiali, dipende con che strumento viene fatto il calcolo, deve essere uno strumento di ultima generazione come lo IOL master 700 che fa i calcoli con una scansione OCT.

Lei comprende che un consulto online può essere solo indicativo non diagnostico e che pertanto le sue domande non possono che trovare risposta solamente dopo che uno Specialista l'abbia attentamente ascoltata e visitata. Se successivamente necessita di chiarimenti saremo a disposizione.

Mi faccia sapere eventuali novità.

Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 469XXX

Iscritto dal 2017
Salve!
Grazie del suo consulto e sì, naturalmente sono seguito da un - credo - bravo chirurgo, però poco esauriente in fatto di ascolto e comunicazione.

Da quello che capisco, l’intervento di cataratta in questo caso sarà più complesso di quello che normalmente si fa su un occhio “normale”, giusto?

Due ulteriori domande, se non la disturbo:
1) lei sa se all’ospedale di Arezzo hanno gli strumenti di ultima generazione di cui parla?
2) c’è qualche modo per determinare, a fini assicurativi, che il trauma da incidente ha inciso sul distacco di retina? Siccome ho avuto il 100% di ragione, dato che l’incidente è stato causato interamente dalla controparte che nemmeno era assicurata (e siamo dovuti andare per avvocati), nella disgraziatamente quantomeno mi potrebbero forse essere corrisposti dei ragionevoli rimborsi per danni fusici. La questione è insomma è importante.

Grazie di tutto. Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Dr. Enzo D'Ambrosio
36% attività
16% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Buongiorno,

non conosco le attrezzature dell'ospedale di Arezzo, come già detto è difficile determinare la causalità, dovrebbe affidarsi ad un medico legale, meglio se oculista.

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 469XXX

Iscritto dal 2017
D’accordo, la ringrazio di cuore per gentilezza e pazienza.
Un ultimo consiglio: questi integratori di leutina sono conosciuti dagli oculisti e, secondo lei, sono validi e funzionali? Come integratori, intendo, non certo come farmaci.

BlueBerry
https://www.farmae.it/blue-berry-120cpr.html?gclid=EAIaIQobChMI3bS9zNez1wIVD9wZCh13MwMVEAQYASABEgKzE_D_BwE

Grazie ancora. Buona giornata!
[#5] dopo  
Dr. Enzo D'Ambrosio
36% attività
16% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
anche la prescrizione di integratori va effettuata direttamente da un medico dopo una visita accurata.