Come eseguire in modo corretto il test di gravidanza: dove acquistarlo, come usarlo, e come leggere i risultati

Effettuare un test di gravidanza può essere causa di apprensione ed ansia, sia che ci si aspetti un risultato negativo, sia che invece la gravidanza sia attesa e desiderata. Vediamo insieme le modalità per una corretta esecuzione ed interpretazione del test.

 

Quando eseguirlo?

Il test va effettuato dopo i primi giorni di ritardo mestruale, oppure almeno due settimane dopo rispetto al rapporto a rischio. Non ha alcun senso farlo prima.

 

Come si esegue?

Il test più comune è lo stick urinario, che si può comprare in farmacia oppure al supermercato. Non occorre richiesta medica, il costo si aggira generalmente sui 10 euro per stick (nella confezione spesso se ne trovano due). Il test va eseguito preferibilmente con le urine del mattino, che sono più concentrate. Si dirige il getto urinario sul tampone, si chiude il tappo dello stick, e si mette in posizione orizzontale. Il test va letto dopo 2-3 minuti, se passa troppo tempo, il risultato può non essere attendibile.

Il risultato è negativo quando appare una sola linea (linea di controllo), è positivo se ne appaiono due. La seconda linea è relativa all’ormone betaHCG, l’ormone della gravidanza.

Un test positivo indica la presenza di gravidanza con una attendibilità prossima al 100%.

 

Se la seconda linea è tenue?

Se la seconda linea è tenue, ma persistente, il test è da considerarsi positivo. Un eventuale test ripetuto alcuni giorni più tardi potrà dare risultati più netti (seconda linea più intensa e demarcata).

 

Gli stick digitali sono migliori?

Non è dimostrata una superiorità degli stick digitali, che però possono aiutare l’interpretazione del test nei casi dubbi.

 

Quando eseguire il dosaggio ematico delle betaHCG?

Nei casi dubbi, o qualora si sospetti un aborto, o secondo il parere del medico. L’esame può essere prescritto dal ginecologo del consultorio giovani o dal medico curante, che sono tenuti al rispetto della riservatezza, come previsto dal codice deontologico medico. Nella maggior parte dei casi basta comunque il comune stick urinario.

 

Se il test è negativo, ma il ciclo non arriva?

Si consiglia di aspettare almeno 4-5 giorni e ripetere il test. Se il test è ancora negativo, occorre rivolgersi al ginecologo per gli accertamenti del caso.

 

Se il test è positivo, ma poi arriva la mestruazione?

Potrebbe trattarsi di gravidanza biochimica. Si tratta di una condizione in cui la gravidanza non ha fatto in tempo ad impiantarsi, è entrato in circolo l’ormone, ma l’impianto è fallito. Un’altra possibilità è la minaccia di aborto. In ogni caso è utile rivolgersi al medico per approfondimento.

 

Ti potrebbe interessare

Tutto sulla gravidanza