Adriana Paolicchi, presidente della Società italiana di anestesia e rianimazione di emergenza e dolore, dichiara che un tatuaggio in zona lombare potrebbe creare seri problemi alle donne che desiderano partorire senza dolore con l'aiuto dell'anestesia epidurale se il tatuaggio coincide con la zona della puntura attraverso la quale si esegue l'analgesia con tecnica EPIDURALE nelle partorienti.

"Nel momento in cui viene  effettuata la puntura c'è il rischio che l'ago possa veicolare con la tecnica epidurale, alcune particelle del pigmento all'interno del canale vertebrale, che porterebbe danni da irritazione, infiammazione o infezione dei rami nervosi che partendo dal midollo spinale, decorrono in questo canale."

Quindi evitare tatuaggi nella zona lombare può essere una forma di prevenzione. Il medico Anestesista in presenza di tatuaggi in questa zona dovrà ricercare zone di cute libera da pigmento.

Per ora non è stato riportato nessun danno come certamente dovuto a questo rischio specifico, afferma la Paolicchi.

È importante sottolineare che questa tecnica di analgesia è ormai adottata per altri tipi di interventi chirurgici, e quindi bisogna fare attenzione alla topografia dei "TATTOO".

 

Fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/Epidurale-e-tatuaggi-un-mix-pericoloso-per-il-rischio-di-infezioni_32539953734.html