Quando i linfonodi del collo e dell'inguine aumentano di volume

Dr. Luigi LainoData pubblicazione: 03 dicembre 2011Ultimo aggiornamento: 07 settembre 2017

Spesso mi capita di raccogliere dati anamnestico clinici in molti pazienti, i quali riferiscono di avere un "ingrossamento" non meglio definito dei linfonodi superficiali del collo e della regione inguinale.

Sovente, questa sensazione, viene confermata all'atto della palpazione dei linfonodi stessi da parte del medico.

La palpazione dei linfonodi superficiali è un atto medico molto importante:

Con una buona esperienza, la palpazione dei linfonodi superficiali, permette di "scremare" un semplice linfonodo lievemente reattivo, o ancora un linfonodo normale di un soggetto magro,o ancora un linfonodo ipetrofico per motivi infiammatori od infettivi (ricordo anche sessualmente trasmissibili) da un linfonodo che rappresenta invece una "sentinella" di una malattia più grave.

Anzitutto, perchè questi linfonodi si ingrossano?

I Linfonodi o linfoghandole rappresentano delle "stazioni di servizio" lungo il percorso "autostradale" linfonodale, che percorre, proprio come il torrente circolatorio artero-venoso, il nostro corpo.

E' evidente che in occasione di problemi in un distretto corporeo, questa stazione di servizio, dove sono parcheggiati i nostri "mezzi di soccorso" si attiva in modo frenetico.

In caso di infiammazione aspecifica o di infezioni, i linfonodi si "ipertrofizzano" per raggruppare ed inviare nella zona colpita, quelle cellule immunitarie (linfociti in primis) che caratterizzano la risposta "cellulo - mediata" del corpo umano ad alcuni tipo di infiammazione o di infezione.

Pertanto i linfonodi possono attivarsi in zona, oppure più raramente, in caso di particolari infezioni, più distretti possono essere interessati o addirittura la maggior parte di questi.

Purtroppo, non sempre i linfonodi si ingrandiscono per motivi infiammatori: i tumori maligni sono in grado di inviare le cellule neoplastiche all'interno del linfonodo stesso che diviene a quel punto metastatico (N1, secondo la stadiazione TNM).

Compito del medico internista e spessissimo, visto la contiguità con la superficie cutanea, anche del dermatologo,diviene l'esplorare queste aree cruciali.

Cosa deve ottenere una buona palpazione per essere efficace:

3 cose fondamentali a mio avviso:

1. differenziare un linfonodo da un'altra lesione nodulare (cisti, nodulo dermico)

2. differenziare un linfonodo in reattivo, quindi ipertrofico per motivi infiammatori

3. sospettare un linfonodo neoplastico, quindi metastatico

La consistenza e l'aderenza ai piani sottostanti diviene semeiotica fondante nel pratica della palpazione.

La seguente indagine che deve essere impostata - ma solo in caso di ulteriori approfondimenti - è l'ecografia cutanea, che ricordo però avere un potere specifico solo quando seguita da un chiaro motivo di indagine e non fatta a caso.

In caso di dubbio su un linfonodo consultare il medico di fiducia o lo specialista è prassi molto utile.

Autore

luigilaino
Dr. Luigi Laino Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2000 presso UNIVERSITA' LA SAPIENZA di ROMA.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 50938.

10 commenti

#1
Utente 241XXX
Utente 241XXX

salve,da piu di un paio di mesi ho notato che il linfonodo a destra dell inguine si è ingrossato..piu o meno ha una grandezza di 2cm..dalle ultime analisi del sangue nn è uscito nulla di sospetto...vorrei un consiglio sul cosa fare o a chi rivolgermi??se ad un ginecologo per un pap test o ad un altro specialista?
grazie

#2
Utente 779XXX
Utente 779XXX

A me nn sembra normale avere una serie di palle gonfie nel collo anche perche nn si tratta di piccole dimensioni.. una ha la dimensione di una biglia di vetro e l altra invece ha una forma piu allungata di circa 1'5 cm se non 2 o forse piu (nn trovo l'ecografia) ma cmq sn molto,evidenti e si notano ad occhio nudo. perche nn spariscono ancora? Ho avuto la mononucleosi nel 2008 e aggiungo anche che ho tanti altri linfonodi percebili al tatto nel collo sin da piccola infatti feci una tac gia allora ma i medici dissero che nn era niente. fatto sta che sn arrivata a quasi 27 anni con il collo pieno di palle palline ecc! sn preoccupata perche anche il mio ragazzo ebbe la mono ma lui nn ha alcun residuo! attendo una Sua risposta grazie! A presto

#3
Utente 343XXX
Utente 343XXX

Salve da più di 20 anni ho i linfonodi del collo e inguine ingrossati e a volte capita che mi diano un pò di dolore. Devo preoccuparmi ???

#4
Utente 339XXX
Utente 339XXX

Salve
Che deve fare una persona con quattro linfonodi papabili da 0,90a 1,33
Mononucleosi pregressa
Cmv neg
Tbc neg
Toxo neg
Hiv ripetuta in un anno cinque volte neg
Epatite b c neg
Ana fattore reumatoide neg
Gastroscopia neg
Sifilide neg
Ortopanoramica dentaria neg
Marcatori tumorali neg
Rosolia neg
Ma linfonodi presenti al collo laterocervicali da un anno
Sto male non vivo piu
Perche nessuno sa dirmi che ho aiutatemi vi prego

#5
Utente 426XXX
Utente 426XXX

Salve dottore ho una bambina di 12anni qualche giorno fa mi ha fatto notare un linfonodo lato dx a metà collo ingrossato non dolente...l ho portata dalla pediatra premetto non ha febbre tosse ma solo un Po naso chiuso e un Po di catarro nelle orecchie...ha controllato in seguito linfonodi ascelle e inguine tutto nella norma anche fegato e milza...mi ha prescritto un antiffiammatorio oggi è il terzo giono che lo prende ma non vedo risultati...devo preoccuparmi?grazie in anticipo

#6
Utente 427XXX
Utente 427XXX

Salve dottori! Mi presento, sono Martina e ho 19 anni. Da mesi (circa fine giugno) ho toccato un linfonodo gonfio nel collo dalla parte sinistra. Essendo una persona ipocondriaca, mi sono subito allarmata e sono andata dal medico di base, il quale toccandolo, ha detto che era davvero poco notevole. Però, a fine agosto, non convinta, ho deciso di fare un'eco al collo e ai linfonodi è il medico specialista mi ha detto che in noi giovani era normale che i linfonodi si ingrossassero e che a seguito delle numerosi faringiti avute quest'anno potesse essere sicuramente dovuto a questo. Inoltre ha aggiunto che non c'era nulla che potesse condurre ad un male. Che cosa posso fare per tranquillizzarmi? Purtroppo la mia fobia di avere un male.. è dovuta alla perdita di mio nonno il quale ha avuto un male ai polmoni e ci ha lasciato in pochi mesi. Inoltre aggiunto che recentemente ho scoperto di avere tre carie e due denti del giudizio. Spero presto di ricevere vostre notizie. Cordiali saluti, Martina.

#7
Utente 444XXX
Utente 444XXX

Salve da qualche giorno ho un linfanodo ingrossatissimo e chei porta bruciore in tutta la gamba dx. E continua anche sotto il ventre.Vorei sapere cosa fare grz.

#8
Utente 450XXX
Utente 450XXX

Salve,ho un linfonodo collo sx zona laterocervicale mm22x10.5,ormai da 4 settimane.Ho fatto eco tiroide e addome ed è tutto nella norma.Con l'emocromo solo MCHC 36.3 su 36 max.Ves 4,ho eseguito Anti Toxoplasma
e Ab Citomegalovirus e tutto ok.Striscio al microscopio ha dato:presenza piccola popolazione di sferociti.Lieve aumento linfociti LGL.Alcuni linfociti attivati,qualche sfrangiato.Utile controllo.Lo specialista mi dice chè una infiammazione,ma ho solo torpore alle dita mano sx da mesi.Come cura FLOGERIL FORTE.Ripetere emocromo tra un mese e misurare febbre tt le sere.Cosa mi consigliate?Grazie anticipatamente.

#9
Utente 454XXX
Utente 454XXX

Salve Dottore Vorrei avere una informazione se possibile...soffro di cervicale specialmente nella parte sx del collo dove tra l altro mi sono apparse due ghiandoline..può il dolore alla cervicale farle infiammare?Non provocano dolore ma al tatto si sentono. ..premetto di aver eseguito una lastra cervicale dorsale lombare dove risultano appunto schiacciamento di due vertebre nella zona lombare artrosi nella sacrale e calcificazione piccola nella cervicale e dopo visita ortopedico il medico minha dato da prendere flexart plus per sei settimane.grazie mille in anticipo

#10
Utente 479XXX
Utente 479XXX

Salve qualche mese fa mi sono accorta di avere dei linfonodi dolenti alle ascelle e al collo e su richiesta del medico ho fatto gli esami del sangue dove risultava solo il valore del virus da mononucleosi leggermente ad di sopra del normale. Dopo qualche settimana i linfonodi sono tornati nella norma e ripetuti gli esami tutto risulta normale. Da qualche giorno mi è spuntato un altro linfonodo al collo,vicino l'orecchio non dolente e poco mobile...ho anche un fastidio/dolore alla schiena,al di sotto della scapola. Soffro di masteopatia fibrocistica al seno da anni.. inoltre mi sono accorta che la mia temperatura si aggira sempre tra i 36,9 e 37,2 centigradi. Sono preoccupata.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: chiusi!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche linfonodi 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Dermatologia e venereologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati