#nonstiamozitti: contro il bullismo

Dr.ssa Valentina NappoData pubblicazione: 16 aprile 2015

Il 18-19 aprile nelle principali piazze italiane sarà possibile acquistare un "fiore d'azzurro" per esprimere simbolicamente il proprio impegno nella lotta contro una forma di violenza e di prevaricazione, il bullismo, diffusa e spesso ancora ignorata. Si tratta di un'iniziativa chiamata #nonstiamozitti voluta dal Telefono Azzurro, da sempre in prima linea nella tutela dei minori, che parte da un dato importante: circa il 23% dei ragazzi aggrediti non lo ha mai detto a nessuno per il timore di possibili ritorsioni o per la vergogna e la paura di essere giudicati male perchè incapaci di difendersi.

Il bullismo non è un gioco innocuo nè un ordinario litigio fra coetanei e rischia di pregiudicare seriamente la salute psicofisica della persona che ne è vittima. 

Che adulto sarà quel bambino che un tempo è stato deriso, vessato, sbeffeggiato dai suoi compagni di classe, che sa di non aver voluto/saputo difendersi?

Tra le conseguenze a lungo termine, accanto alla svalutazione di sè e delle proprie capacità, accanto alle difficoltà relazionali e alla paura di fidarsi e affidarsi all'altro, è possibile che si sviluppino patologie di tipo ansioso o depressivo.

Basta, dunque, con l'indifferenza: il bullismo è una gravissima forma di violenza e spetta agli adulti, genitori, insegnanti, educatori, ecc., e alle istituzioni occuparsene... subito.

Autore

valentinanappo
Dr.ssa Valentina Nappo Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo

Laureata in Psicologia nel 2008 presso La Sapienza.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Campania tesserino n° 4175.

4 commenti

#1

Brava Valentina, riflettere e intervenire nei casi di bullismo, prevaricazione e silenzio, è molto importante, rafforzare l'autostima degli adolescenti, motivarli a ideali, progetti, colpi d'ala , secondo me è fondamentale.. Complimenti.. !

#2
Dr. Alessandro Raggi
Dr. Alessandro Raggi

Il bullismo è un fenomeno molto sottovalutato, bene fa la Dottoressa Nappo a ricordarci che occorre intervenire per riparare ai danni ma ancor prima conoscere e prevenire.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche bullismo 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa

Contenuti correlati