Dello spermiogramma del mio fidanzato

Buonasera,
potrei avere un parere sull'esito dello spermiogramma del mio fidanzato?
Io ho 33 anni, lui 28 e proviamo ad avere un bimbo da 6 mesi di rapporti mirati.

Mi lascia perplessa il valore dello zinco... può compromettere la fecondazione?

Volume 4.0 (valori normali >1,5 ml)
Ph 7.2 (valori normali >/uguale 7.2)
Liquefazione Completa
Viscosità Normale

Zinco 208 (valori normali 20-100)
Alfa glucosidasi neutra 58 (valori normali >20 mU/eiaculato)
Fruttosio 4.1 (valori normali 2-5 mg/ml)

Concentrazione spermatozoi 36.0 (valori normali >15 milioni/ml)
Motilità 64 (valori normali >40%)
Motilità progressiva 53 (valori normali >32%)
Motilità non progressiva 11
Spermatozoi immobili 36
Concentrazione spermatozoi a motilità progressiva 19.1 (valori normali >5 milioni/ml)
Concentrazione spermatozoi funzionali 6.6
Velocità 13
Indice di motilità spermatica 185 (valori normali >80)
Numero totale di spermatozoi/eiaculato 144.0 (valori normali >39 milioni)
Spermatozi progressivi/eiaculato 76.4 (valori normali >12 milioni)
Numero totale spermatozoi funzionali/eiaculato 26.4

Morfologia 17 (valori normali >4%)
Anomalie testa 50
Anomalie collo 1
Anomalie coda 32

Testa a testa Nessuna
Coda a coda Nessuna
Miste Nessuna
Pseudoagglutinazioni Nessuna

Cellule rotonde 0.6 (valori normali < 5 milioni(ml)
Leucociti <1 (valori normali <1)

Test di vitalità 68 (valori normali > 58%)
MAR test IgC 0

Conclusioni: NORMOZOOSPERMIA

Grazie,
cordialmente.
N
[#1]
Attivo dal 2016 al 2018
Andrologo, Urologo, Chirurgo generale
Lo zinco in sé non è un problema. I dati dello spermiogramma dimostrano la presenza di qualche problema che merita di essere valutato. Manca il tempo in ore di astinenza che consente di determinare la produzione oraria, più significativa della concentrazione ai fini della comprensione dei dati e manca la sede della raccolta. E' vero che la mobilità progressiva è al 53%, ma la integrità degli spermatozoi è solo al 17% che è un valore limite per la fecondazione spontanea (quel 4% è riferito al 5% della popolazione e può essere impiegato solo per la fecondazione assistita). I due dati integrati danno luogo, come riportato, solo a 6.6 mil/ml (ovvero al 18%) di spermatozoi funzionali o efficaci, che è un valore modesto e sufficiente a spiegare la difficoltà ad indurre una gravidanza cercata in modo mirato. Un aspetto utile da valutare nella esecuzione di un necessario spermiogramma di controllo è il DFI (indice di integrità del DNA) è il HBA (indice di capacità di aggancio all'ovocito). Altro parametro utile a cercare di capire la ragione della modesta integrità è il s-ORP che misura lo stato ossidativo dello sperma.
[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la risposta.
Dottore ci dobbiamo preoccupare? Sarebbe meglio rivolgersi ad un centro Pma?
La sede della raccolta è il laboratorio, CDI Milano (zona Inganni). Tempo di astinenza 3 giorni.
Io sono giovane, ma non giovanissima. Ho cicli di 35 giorni. Ovaio micropolicistico, ma ovulazioni accertate da misurazioni Tb associati a Stick ovulatori. Assumo inositolo è acido folico da luglio. Dosaggi ormonali nella norma, con tsh a 1,98.
Sono un po' demoralizzata.
Possiamo nel frattempo acquistare qualche integratore specifico? Al momento assume magnesio supremo.
Grazie per la pazienza.
[#3]
Attivo dal 2016 al 2018
Andrologo, Urologo, Chirurgo generale
Nel medio periodo non serve un centro PMA perché ci sono buoni presupposti per una fecondazione naturale, ma serve rilassamento (lo stress è nemico della fecondazione) e buona e felice sessualità nei giorni chiave. Inutile assumere integratori vari che sovraccaricano solo l'organismo se non è stata individuata una condizione da riequilibrare e con i dati di questo spermiogramma non si possono dare indicazioni nel merito. Poiché comunque qualche problema esiste altrimenti non si arriverebbe a solo il 18% di spermatozoi efficaci, è utile ripetere lo spermiogramma con le valutazioni aggiunte che le ho citato e magari eseguire le due ecografie doppler chiave (pelvico-prostatica e scroto-testicolare) per verificare lo stato complessivo genitale del suo partner, ovviamente sotto la guida di un andrologo, anche ove andasse in porto nel frattempo il concepimento.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Buonasera Dottore,
la visita andrologica è andata bene.
Abbiamo però ritirato le analisi del sangue e gli esiti sono:

TSH 1.64
PROLATTINA 12.5
LH 2.2
FSH 2.6
TESTOSTERONE 2.75

Mi preoccupa il testosterone visto che si tratta di un uomo di soli 28 anni, normopeso e con uno stile di vita sano.
Attendo sue,
grazie mille!
[#5]
Attivo dal 2016 al 2018
Andrologo, Urologo, Chirurgo generale
Non capisco cosa sia andato bene, visti i dati dello spermiogramma (comunque come detto da rifare con i parametri indicati) ed ora i dati ormonali (incompleti per dare una corretta valutazione: manca Inibina B, AMH, DHT, Estradiolo) da cui comunque emerge una modesta produzione di testosterone senza che LH dia stimolo adeguato (il loro rapporto è pari 4.3 e non deve scendere sotto 5). Vanno adeguatamente completati gli esami sul piano metabolico-ossidativo e ormonale (vanno fatti tutti, quelli già fatti e quelli che mancano per poterli rapportare), nonché ecografico come già detto. Ribadisco che con 6.6 mil/ml un concepimento in condizioni ottimali può sempre avvenire, ma restano i problemi che sottostanno a tale modesto livello di spermatozoi efficaci. Non si deve preoccupare di singoli elementi ma dell'insieme del quadro che non è in equilibrio.
[#6]
dopo
Utente
Utente
È stato sottoposto ad ecografia testicolare + controllo della prostata.
Posso chiederle in che senso il rapporto tra LH e testosterone è 4.3?
Grazie mille,
Cordialmente
[#7]
Attivo dal 2016 al 2018
Andrologo, Urologo, Chirurgo generale
E' stata eseguita anche l'ecografia doppler dell'area pelvico-prostatica o la sola valutazione digitale? Meglio se l'ecografia testicolare (mi auguro con la fase doppler) non ha evidenziato nulla di importante... significa che le questioni sono ancora solo disfunzionali e quindi più semplici da mettere a posto. Nella letteratura andrologica ci sono diversi studi, da alcuni anni, che hanno verificato il rapporto (è il rapporto tra moli di testosterone e unità di LH) tra i due parametri come molto più significativo nella definizione dell'equilibrio ormonale, rispetto ai due valori assoluti (espressi per T in ng/ml e per LH mUI/ml) e nelle diverse condizioni è stato stabilito un limite di utile rapporto almeno 5:1 ovvero, se LH stimola adeguatamente i testicoli e questi rispondono adeguatamente devono essere secrete almeno 5 nM di T per ogni UI di LH... un concetto tecnico un po' complesso ma molto utile per definire lo stato funzionale testicolare, ovviamente nel contesto degli altri ormoni già citati e da valutare nei loro rapporti. Il valore 4.3 indica che sussiste un modesto deficit di risposta testicolare, dettato da ragioni da verificare, ad un adeguato livello di LH.
[#8]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,5k 420 2
cara lettrice,

dopo i 30 anni, con una microipolicistosi ovarica e con un lqiquido seminale con prametri sostanzialmente normali , prima di rigirare il maschio con una serie di esami, magari utili, ma che non è detto possano concretamente aiutare ad ottenere una gravidanza ( i figli si fanno in due, con rapporti abbastanza frequenti) ripeterei semplicemente l'esame seminale per vedere se le piccole alterazioni siano confermate o smentite, valuterei con il ginecologo lo stato della sua ovulazione ed eviterei, per il momento, di entrare nel panico .di cominciare perorsi complessi ed ansiogeni
cari saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio