Utente 464XXX
Buongiorno,vorrei sapere ,avendo un curvatura peniena con DE se attraverso l imnovativo sistema d iniezione di cellule staminali (PRP stem cell) possp ottenere sognificativi risultati di miglioramento di ambedue o problemi che ho.
La mia é una curvatura congenita che gia da qualche tempo data la presenza di DE mi rende difficile il rapporto sessuale.Ho 51 anni e prima di ricorrere ad interventi chirurgico vorrei provare questa nuova terapia.
Risiedo in toscana ed eventualmente borrei sapere se posso effettuare questa terapia nella mia regione .Grazie

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non si pasticci e prima di decidere quale strada percorrere bene sentire o risentire in diretta il suo andrologo di fiducia.

Detto questo poi la strategia terapeutica, da lei pensata, non è comunque indicata in presenza di una curvatura congenita del pene.

Se desidera comunque avere più informazioni dettagliate su questo problema, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/227-pene-curvo-valuta-fa.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 464XXX

Grazie dottore ,é stato esaustivo avevo gia in programma una visita andrologica tuttavia i tempi sono abbastanza lunghi attraverso il SSN nel frattempo ho scritto su questo sito per avere comunque dei responsi anche da piu professionisti come di solito faccio.Nel mio caso l uso di pillole
Per la DE nn portano un grande beneficio per questo cerco vie alternative.
In ogni caso la ringrazio intanto per la sua cortese attenzione.

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
naturalmente il suo caso va valutato direttamente, ma di principio se lei ha una difficoltà erettile che non risponde ai farmaci orali per l'erezione e a ciò si associa una significativa curvatura peniena, la strategia terapeutica in grado di risolvere entrambi i problemi è la chirurgia protesica peniena.
Cordialmente,

Dott. Edoardo Pescatori
www.andrologiapescatori.it

[#4] dopo  
Utente 464XXX

Grazie per la risposta dottore,il fatto é che mi é stata sconsigliata dal mio medico curante adducendo varie possibili problematiche che potrebbero insorgere, tuttavia mi sto acculturando un po su questa possibile soluzione e lei mi é di aiuto come del resto chi vorra indicarmi soluzioni migliori al caso mio.Come ben sa questa é una fase dove nel caso come il mio s cercano soluzioni e si ascoltano pareri da piu esperti o si vedono pubblicazioni che ci diamo un idea sul da farsi.Quello che ho trovato sulle staminali o per meglio dire sulle terapie con staminali che potrebbero riguardare il mio caso sembrerebbero promettenti per questo ho chiesto a voi esperti in questo sito piu chiarimenti possibili.
Detto questo una passata visita andrologica aveva evidenziato una corretta risposta ad iniezioni cavernosa ed una curvatura peniena che rientra neo limiti tuttavia non effettuando le intracavernose personalmente le pillole mi creano effetti collaterali poco piacevoli.DA qui la ricerca di altre soluzioni...Attendo comunque una nuova visita andrologica prpssimamente . Sulle protesi peniene ho letto che ultimamente l invasivita é stata notevolmente ridotta come del resto il rischio di infezioni per quello che riguarda la casistica di questo tipo di operazioni mi sa dAre indicazioni dottore? NEl frattempo ringrazio anche lei per la sua cortese attenzione e la saluto

[#5] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Di che casistica desidera informazioni? Se fa riferimento al rischio di infezione dopo protesi idraulica, in soggetti non a rischio (cioè senza diabete scompensato) il rischio di infezione è di circa l'1%.
Cordialmente,

Dott. Edoardo Pescatori
www.andrologiapescatori.it

[#6] dopo  
Utente 464XXX

Si certo la mia domanda riguardava sopratutto il rischio infezioni ma anche la casistica della buona riuscita dell operazione nel tempo e del grado di soddisfazione di chi é dovuto ricorrere a questa soluzione. Grazie dottore

[#7] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Buona riuscita dell' operazione nel tempo= la protesi peniena generalmente dà ottimi risultati l'impianto è affidabile per circa 10-15 anni (come altre protesi, tipo di anca eccetera). poi se un qualche elemento della protesi si rompe è possibile sostituire la protesi con un nuovo modello, e ad oggi la nuova protesi per sostituire un malfunzionamento meccanico viene fornita a titolo gratuito dalle Aziende.
-Grado di soddisfazione di chi é dovuto ricorrere a questa soluzione= elevato sia per il paziente che per la partner.
Cordialmente,

Dott. Edoardo Pescatori
www.andrologiapescatori.it

[#8] dopo  
Utente 464XXX

Oggi visita andrologica con scoperta di infezione prostatica che a detta dell andrologo inibisce l azione dei farmaci per l erezione ...quindi ,7 giorni di assunzione di Bassado 100 mg e di Betotal sempre in compresse, con ecocolor doppler scroto e prostata nonche visita cardiologica...massima convinzione da parte dell andrologo che l infezione crei perdita di rigidita.Valorizzate questa ipotesi diagnostica?