Utente 487XXX
Buonasera,
da un anno e mezzo cerchiamo una gravidanza. Il mio compagno ha da poco ritirato i risultati delle analisi che hanno evidenziato un'infezione da Urea Parvum e una modesta Teratozoospermia.

Elenco i valori:
Volume: 1
Concentrazione: 77
PH:8
totale Mobili: 42% (rapidi 14%, lenti 28% immobili 58%)
morfologia: normali 2% anomali 98%

Abbiamo possibilità di un concepimento naturale? puo' l'urea parvum aver generato la teratozoospermia?

Ringrazio tutti voi

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

se "77" significa 77 milioni di spermatozoi per ml potreste anche avere la "possibilità di un concepimento naturale", ma si ricordi che l'infertilità di coppia non dipende solo da un esame del liquido seminale.

Bene ora sentire in diretta il vostro andrologo di fiducia e con lui impostare una strategia diagnostica e poi terapeutica mirata e corretta.

Si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione precisa e poi eventualmente una terapia corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 487XXX

Si sono 77 mio/ml
Attualmente l'andrologo ha prescritto un antibiotico x combattere l'urea parvum, però circa l'infertilitá non si è espresso in modo chiaro.. non abbiamo quindi capito come muoverci :(

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene allora risentirlo in diretta; infatti solo lui, che conosce nei dettagli la sua reale situazione clinica, potrà darle l'indicazione terapeutica corretta.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com