Utente 472XXX
Salve a tutti i medici, sono lo stesso ragazzo di 18 anni che circa tre mesi fa ha scritto un consulto riguardo lo stesso argomento. Riporto brevemente i punti importanti del mio quadro clinico:
-emospermia caso isolato senza ripercussioni almeno apparenti (luglio 2016)
-apparizione di grumi gelatinosi nel liquido seminale (tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017 persistenti tutt'ora)
-scoperta di un varicocele di 3* grado (scala 1-5) al testicolo sx e spermiogramma nella norma eccetto liquefazione incompleta in 60''; nessuno ha suggerito di operarmi poiché non comporta variazioni rilevanti al liquido seminale
-esclusione di prostatiti e altre infezioni poiché esami del liquido seminale, urine e tampone uretrale nella norma
-tramite ecodoppler si nota una lieve infiammazione a una delle due vescicole seminali, per la quale il medico curante mi suggerisce prima Fortilase (2 cpr. al giorno per 10 gg) e poi due volte Viaflog (3 cpr. al giorno per 10gg).

Impressione mia ma dopo la prima ''ondata'' di Viaflog i grumi sembrano essere lievemente diminuiti. Quello che volevo chiedere è: vale la pena ritentare con Viaflog (magari più di una confezione e assunte consecutivamente, considerando che le due confezioni non le ho assunte in
maniera contigua) o esistono dei veri e propri antinfiammatori al posto di questi integratori alimentari?

Un'altra cosa (che vorrei sapere se possa influire) è una carenza di vitamina D per la quale sto seguendo una cura.

Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gent.mo utente

aumenti il numero delle cp di fortilase ed il numero dei giorni e probabilmente migliorerà ancora, ed infine cosa intende per carenza di viatamina D?

Cordiali saluti
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#2] dopo  
Utente 472XXX

Grazie dottor Maretti per la tempestiva risposta.
Con carenza di vitamina D intendo dire che tramite analisi e tampone uretrale si è rilevato un valore di vitamina D basso per il quale ho provato una cura di due mesi e ora devo fare le analisi per vedere se ci sono stati progressi.
Pongo altri due quesiti:
-sono sufficienti gli integratori alimentari a curare l'infiammazione e rimuovere i grumi?
-se sì, che conviene tra Fortilase e Viaflog?
Grazie nuovamente per la disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
volevo sapere il valore di vit D fatta attraverso esami ematici e non certo con tampone uretrale, inoltre le ho già consigliato visti i miglioramenti da lei espressi di aumentare la posologia di fortilase che contiene bromelina che è anche presente nel viaflog.

Ancora cordialità
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#4] dopo  
Utente 472XXX

Il medico curante era scettico al riguardo del valore basso di vitamina D rilevato con il tampone; proprio per questo mi ha consigliato di eseguire le analisi del sangue ed effettivamente c'è stato un riscontro positivo. Il valore di vitamina D rilevato con le analisi è pari a 9,8 ng/ml (nel referto c'è scritto <20 insufficiente).
Dato che su Internet c'è molta disinformazione, volevo ancora chiederle se possa in alcun modo influire sul liquido seminale.
E ancora una volta, in maniera indicativa, quante confezioni e per quanto tempo dovrei assumere Fortilase?
Grazie ancora una volta per la disponibilità.

[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
il cutoff di 12ng/ml è il limite per considerarlo deficit e questo potrebbe interferire con la qualità e la concentrazione spermatozoaria che andrebbe valutata attraverso un esame seminale e una visita specialistica per escludere altre cause potenziali. Sarà lo specialista a valutare quante confezioni e per quanto tempo procedere con la terapia anche in base ai sintomi e ai dati seminali.

Ancora cordialità
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it