Utente 498XXX
Salve dottori, ho 27 anni e un problema molto fastidioso, dopo aver avuto rapporti non protetti con la mia ragazza quasi il giorno dopo dal rapporto ho iniziato ad avere prurito e rossore sul glande (con dei piccoli puntini rossi) questa condizione è durata circa 4/5 giorni. Dopodiché secchezza sul glande cattivo odore e una sostanza biancastra che ricopre tutto il glande e la parte di pelle che lo richiude (non sono circonciso). In questo arco di tempo dopo svariati rapporti non protetti mi è sembrato che questa condizione andasse sempre peggiorando. Infatti devo aspettare un bel po prima di sentirmi dinuovo operativo "sessualmente parlando". In queste ultime settimane con una visita ginecologica è venuto fuori che la mia ragazza ha la candida. La sua ginecologa le ha prescritto il diflucan compresse (5 pillole), che ho finito di prendere oggi anch'io. Ma non mi pare di vedere ancora risultati. Non contento ieri sono andato in farmacia e parlando del mio problema mi è stata data la fitostimoline crema vaginale. Da 2 giorni 2 volte al giorno mattina e sera la applico sul glande e sulla pelle che lo richiude. Ma la pelle secca e questa sostanza biancastra non sembra che voglia andar via? Cosa potrei fare di più per uscire da questo incubo?p.s. (Anche lo sperma non mi convince molto ultimamente è giallastro e non più bianco) Grazie per le future risposte

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la regola vorrebbe che,in presenza di una malattia contratta in corso di rapporti sessuali,qualsiesi essa sia,entrambi i partner della coppia dovrebbero essere visitati e andrebbe posta una diagnosi che monitorizzi una terapia.Nel suo caso,mi sembre che ciò non sia avvvenuto ed abbia,addirittura,accetato una crema...vaginale,che,ovviamente,prevede un'omologa per il maschio.La balanite,infiammazione della mucosa del glande,richiede l'esecuzione di un tampone balanico e,ovviamente,il sottoporsi ad una visita specialistica.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2] dopo  
Utente 498XXX

Salve dottore, io sono stato dal mio andrologo. Ma nel momento della visita e della spiegazione di ciò che accuso dopo i rapporti non ha individuato nulla di strano. Questa condizione come ho scritto dura qualche settimana al massimo e poi si ristabililisce. Il fatto è che in quest'ultimo mese (prurito, ghiandole inguinali gonfie sostanza biancastra sul glande e sul prepuzio) sembrano essere più forti e più durature. ( il mio andrologo è stato aggiornato dopo la visita ginecologica della mia partener con esito positivo alla candida) e mi ha detto di prendere questo diflucan consigliato dalla ginecoloca che ha consigliato di assumerlo entrmabi (io e la mia partener) ma come scritto ho finito la cura e non ho visto ancora migliorie. Cè magari qualche pomata applicabile sul pene diversa da quella che sto usando? Grazie ancora