Utente 221XXX
Buongiorno,
Volevo chiedere se diluenti e sgrassatori industriali possono creare problemi per la fertilità.
Ho deciso con mia moglie d’avere un figlio, ed al primo tentavo in questo mese di giugno mia moglie è rimasta incinta.
Sono un impiegato tecnico e saltuariamente ho a che fare con la produzione, quindi mi capita di poter sporcarmi le mani con olii vari (uso quasi sempre i guanti).
Nel mese di aprile per un emergenza in produzione ho dato una mano nella riparazione di alcuni prodotti per una decina di giorni.
In quel periodo abbiamo usato degli sgrassatori, diluenti per ripulire dallo sporco i componenti da riparare. Ho ricordo in alcuni casi d’aver toccato lo straccio del diluente senza guanti contaminando i polpastrelli. Da lì nasce la mia paura di aver danneggiato lo sperma e di creare problemi futuri a questa gravidanza. Poiché questo è capitato due mesi fa e in un altro momento in questo mese.
L’ambiente era comunque areato e l’uso del diluente non è stato eccessivo, saltuariamente durante la giornata. Usavo solo maschere per la polvere
Lavoro in Cina e le mie paure per l’ambiente inquinato e i prodotti in commercio sono tante, il che mi rende paranoico.
Non fumo, e sono in salute.
Bevo solitamente una birra alla sera, o un bicchiere di vino.

Spero in una vostra risposta, grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

quello che ci scrive non sembra delineare una problema drammatico ed anche le saltuarie esposizioni a fattori spermiotossici sembrerebbero non significative; moglie gravida, da quello che ci scrive, ed allora bene seguire la gravidanza come usualmente si fa.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione mirata e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 221XXX

La ringrazio per la pronta risposta Dottor Beretta, che mi ha tranquillizzato.
Mi ero dimenticato di dire che circa cinque anni fa avevo eseguito un controllo per un varicocele, ma viste le dimensioni dello stesso (non eccessive) e delle analisi dello sperma (regolari) il Medico specialista mi aveva indicato che non era da operare.
Seguiremo la gravidanza come da prassi.

La ringrazio ancora per la gentile risposta.
Buon fine settimana
Un lettore

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene ; anche sul varicocele mi sembra che per lei sia un “non problema”; comunque, se desidera avere informazioni più dettagliate anche su questo particolare ma complesso tema andrologico, le consiglio di consultare l’articolo da me pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-fare-problemi.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 221XXX

Ancora grazie per la pronta risposta Dottore.
Ho letto l’articolo che mi ha indicato, veramente utile.
Nel mio caso la ecocolordoppler delle vene spermatiche e l’analisi dello sperma avevano portato il medico a indicare la seconda categoria, la non operabile.
Il controllo era nato per un dolore al testicolo, dolore che saltuariamente si è ripetuto negli anni.
Dolore molto blando, che con uso di indumenti più confortevoli per le parti, non ho quasi più avuto ( forse qualche giorno durante un anno).
Il medico mi aveva dato le stesse informazioni indicate nel suo articolo, l’operazione non era consigliata nel mio caso.
Fatto curioso, in quell’occasione avevo ripetuto l’analisi dello sperma due volte, la prima era andata male poiché a detta del medico i tempi tra prelievo e consegna dell’ospedale avevano inciso molto.
La seconda analisi fatta su un centro dove il prelievo era fatto in sede, le cose si erano normalizzate.
Il medico mi disse che lui sconsigliava sempre di fare il prelievo in casa proprio per evitare i tempi medio lunghi di consegna in ospedale.
Ancora grazie per le sue risposte che mi hanno molto tranquillizzato.
Buona domenica

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Anche a lei una buona domenica.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com