Utente 497XXX
Buonasera,
Premetto che normalmente non sono ipocondriaco, ma, comprenderete, quando qualcosa capita a te un po’ di ansia ti sale.

Tutto è iniziato nei primi di maggio, quando iniziò a darmi fastidio il testicolo. Si gonfiò in pochi giorni, dando fastidio e pesantezza (si gonfiava sopratutto la sera). Toccando notai qualcosa di sporgente e duro, che mi pareva (sbagliando probabilmente) fosse attaccato al testicolo. Questa “cosa” però veniva e andava: quando mi dava meno fastidio il testicolo, la protuberanza non la percepivo. Quando si gonfiava e mi pesava di più, la percepivo. Andai così al pronto soccorso, dove il dottore mi disse che probabilmente non era nulla di che, ma, per sicurezza, mi mandò da un urologo, lo stesso giorno, che non rivelò nulla se non una piccola infiammazione. Mi disse di fare più avanti un’ecografia.
Il dolore e il fastidio passarono per circa 3 settimane. Ritornò più lieve ma comunque presente per qualche altro giorno, per poi scomparire. Sempre con i soliti sintomi, anche quella “protuberanza” che mi sembra venire e andare. Anche questa volta in pochi giorni scomparì.
Così prenotai l’ecografia, nonostante non avessi più sintomi ormai da una settimana, accompagnata da una visita andrologica.
Il referto sostanzialmente non rivelò nulla di nulla. Tutto perfetto, così come la visita.
Questi giorni mi è tornato, ormai dopo un mese di nulla, sempre con i soliti sintomi e quella piccola protuberanza che va e che viene.

Volevo chiedervi cosa può essere? È possibile che nessuno (nemmeno i primi due consulti durante l’infiammazione) si siano accorti di quella protuberanza, facile da toccare visto che io non sono esperto in palpazione e la percepivo chiaramente? O semplicemente hanno pensato non fosse nulla di grave? Cosa può essere?
Con i risultati dell’ecografia posso star tranquillo o meglio rifare tutto?
Il fatto che vada e vanga scongiura problemi più gravi?

Grazie
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la visita specialistica e l'apporfondimento ecografico hanno dato un esito negativo,per cui escluderei qualsiesi forma di patologia tumorale,fomite di ansia,ed ipotizzerei la presenza di un modico idrocele,raccolta liquidia intrscrotale o peri testicolare.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2] dopo  
Utente 497XXX

Grazie per la rassicurazione.
Secondo lei, perché si ripresenta dopo tempi così “lunghi” ma costanti?
Non è nulla di grave quella cosa
Che sento?

[#3] dopo  
Utente 497XXX

Buongiorno, aggiorno la mia situazione.
Ancora una volta, sembra che tutto sia quasi passato (il fastidio rimanente sembra dato più dalla mia attenzione che da un reale motivo).
Ho notato però una cosa. Quella “pallina” che percepisco ogni tanto (che va e viene), riemerge ogni volta che ho una eiaculazione. Ho controllato, e ogni volta che mi masturbo/che ho rapporti sessuali, se prima dell’atto non c’è nulla, dopo l’atto appare.
A cosa può essere dovuto?

Cordiali saluti