Utente cancellato
Salve, non so se questa sia la sezione giusta: dopo l'applicazione di Reparil Gel per 15gg sulla cute del pene (per una soffusione emorragica "superficiale" della cute) e nel contempo mi masturbavo segnalando dopo 8gg un bruciore intenso interno e intorpidimento ho perso alla fine quasi la totale sensibilità di tutto il pene dal pube al glande! Sono così da un mese! Non è cambiato nulla minimamente. Non ho alcuna sensibilità al tatto, nè agli spilli, nè al ghiaccio. Il mio pene ha perso anche una notevole corposità da flaccido, appare totalmente atrofizzato, mollissimo, sottile e appiattito, decadente a peso morto a terra, di consistanza molto strana come se fosse gomma piuma. Quel che è peggio è che da allora non ho più avuto erezioni (ed io non ho MAI avuto di sti problemi) nonostante sto ora assumento 25mg e 50mg di Rabestrom su consiglio del medico! Nessuna erezione! Ho provato anche 100mg ho raggiunto un mezza erezione ma è rimasto mollissimo e piatto nei corpi cavernosi, assottigliato in modo impressionante. Non è più il mio pene! Ho applicato su consiglio del medico anche Balanil Gel, per la sensibilità, ho dovuto interrompere perchè diventato di un colore viola perdendo unteriore sensibilità. Che cosa mi è successo? Temo che la pomata e la masturbazione insieme ha creato delle lezioni ai nervi. Forse la pomata è andata sul glande, o mi sono masturbato con ancora la pomata sulla cute? Mi è stato detto che la tunica albugia fa alla pomata da ostacolo ai corpi cavernosi, allora perchè mi è successo tutto questo? Forse i nervi sono rimasti anestetizzati e la masturbazione li ha lesionati? I sintomi che ho fanno pensare ad una lesione dei nervi. Una neuropatia? Segnalo che vedo il nervo dorsale del pene "ondulato" che prima non si notava così. Questo spiegherebbe tutto anche la ipotrofia del pene dato che i nervi si distribuiscono sul glande, corpi cavenosi (nervi cavernosi) e sulla cute. Cosa ne pensate e cosa posso fare soprattutto? E' una cosa temporanea, irreversibile, tornerò a posto? Devo fare una visita neurologica? Grazie a chiunque mi risponde! Cordiali saluti

[#1] dopo  
Prof. Vincenzo Rossi

40% attività
4% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Gentile Utente credo che prima del Neurologo debba consultare un Andrologo.Ci sono molti aspetti da chiarire e non è possibile farlo a distanza.Sarà l andrologo a chiederle eventualmente indagini specifiche.
Cordialmente
Prof. VINCENZO ROSSI

[#2] dopo  
471987

dal 2018

Grazie per la sua risposta Dott, può scrivermi gentilmente al mio indirizzo e-mail? Vorrei spiegarle meglio la situazione anche perchè da un Andrologo ci sono stato,

Graziee cordiali saluti

[#3] dopo  
471987

dal 2018
Comunque questa storia è molto strana poichè io mi sono sempre masturbato e non avevo problemi! E’ proprio da quando ho iniziato quella pomata che sono sorti questi problemi e forse la masturbazione in concomitanza ha peggiorato le cose…

Quella pomata, Reparil Gel ho letto che…

“Questo farmaco per la cura di dolori articolari si caratterizza per essere un gel alcolico che presenta al suo interno tre principi attivi. Si tratta dell’escina, dell’eparina e del dietilamina salicilato. Questi tre principi attivi sono in grado di concorrere in maniera differente all’azione benefica complessiva. Tale medicinale ha essenzialmente un’efficacia antiflogistica, risolvente e che rende più semplice il riassorbimento degli ematomi. L’ESCINA SI PUÒ CONSIDERARE UN ANTI-INFIAMMATORIO DALL’EFFETTO PARTICOLARMENTE INTENSO. INFATTI, È IN GRADO DI ABBASSARE NOTEVOLMENTE LA PERMEABILITÀ VASALE, PORTANDO SUCCESSIVAMENTE AD UN EFFETTO DETUMEFACENTE. ” (https://www.inran.it/reparil-gel/26785/)

Può essere che mi abbia detumefatto i corpi cavernosi essendo magari infiammati o danneggaito la permeabilità vascolare ciop le vene del pene? Mi è stato detto che la pomata non raggiunge i corpi cavernosi, che fa da ostacolo la tunica albuginea, ma pare non sia vero.

Ho avuto modo di contattare un dottore via email e la sua risposta è inequivocabile...

"Il reparyl è un ottimo prodotto ed è sempre abbastanza efficace nel trattamento degli ematomi per l’azione combinata dei suoi principi attivi, tuttavia per la soffusione che lei ha avuto non penso fosse il prodotto meglio indicato per azione abbastanza intensa che produce sui fattori infiammatori e sulla permeabilità vascolare.
Era meglio non applicare nulla e lasciare risolvere spontaneamente la soffusione…. Poi le masturbazioni e i vasodilatatori hanno fatto il resto (ci vuole una testa per prescrivere quei vasodilatatori in quelle condizioni…. Ma tant’è.
L’albuginea è sì una membrana connettivale consistente, ma non è un muro di acciaio e la rete vascolare consente il passaggio di qualunque cosa…. Tanto è che l’applicazione dei farmaci per l’azione locale nei corpi cavernosi la si fa e viene potenziata con lo specifico campo elettrico (conto-foresi locale)… quindi che sia una barriera farmacologica è una solenne stupidaggine."

Tengo a precisare che la applicavo su tutta la cute del pene (e prendevo anche Veronuton) e sulla cute avevo tante vene che ora nemmeno si vedono più.

In altre parole è stato distrutto il mio pene?

[#4] dopo  
471987

dal 2018
Se la masturbazione non può comportare la sintomatologia che presento e cioè: atrofizzazione, flaccidità anomala del pene come se fosse vuoto al suo interno, intorpidimento, perdità di sensibilità, pendente a peso morto con sensazione di distacco totale, ed è anche più freddo.. è stata la pomata o magari ambedue le cose? Ma soprattutto rimango così? Qualsiasi risposta verrà apprezzata
Grazie a tutti

[#5] dopo  
471987

dal 2018
In base alle vostre esperienze: cosa potete dirmi sulla sintomologia che prensento e della pomata (Reparil Gel) e masturbazione che me lo possono aver causato?

Grazie se mi rispondete

[#6] dopo  
471987

dal 2018
Grazie al neurologo Prof. Vincenzo Rossi per la gentile (parziale) risposta, ma nessun Uro-Andorlogo mi ha risposto o dato indicazioni o consigli sul mio problema.

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non ci pare che lei ci abbia riferito quale sia stata la causa di codesta "soffusione emorragica" che è stata trattata con l'applicazione dell'anti-edemigeno. Ci risulta assai difficile pensare che vi sia stata una azione così importante da parte di un farmaco tutto sommato molto maneggevole e di ampia prescrizione. D'ogni modo, la situazione che ci descrive merita certamente una valutazione diretta con esecuzione di eco-doppler del pene, basale e dopo stimolazione farmacologica. In base ai risultati si potrà ensare di fare un inimo di charezza, anche riguardo ala necessità di ulteriori accertamenti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
471987

dal 2018
La causa della soffusione emorragica era dovuta all'uso di una pompa a vuoto ma anche dovuto ad uno sfregamento (masturbatore) incluso.

Premetto che l'uso del dispositvio non mi ha dato alcun problema, se non locamente.

Io non capisco percè mi sia stata data quella pomata dato che io non avevo edemi-ematomi. Ho subito pensato alla pomata in quanto dopo dalla prima applicazione mi ha dato bruciore e una settimana dopo ho avuto tutto questo che ho segnalato. Prima della pomata avevo eseguito una Ecodopler basale seganlando che andava tutto bene, tra cui anche le erezioni. Durante la terapia e masturbazione è successo sto disastro immenso. Il pene si è atrofizzato di almeno il 70%, da riposo misurava 15cm in lunghezza e 12cm in circonferenza, adesso 10,5cm e 10cm in circonferenza. E' mollissimo, come se al suo interno fosse vuoto, tanto da risultare leggero e anche piatto, ho perso la totale sensibilità di tutto il pene, è pendente a peso morto come se non fosse sorretto con sensazione di distacco totale ed ho perso nel modo più totale l'erezione. In un mese non è cambiata la situazione ed è terribile. Le sto pensando tutte ma non riesco a venirne a capo!

∎ Io ho pensato subito alla pomata e masturbazione, dal momento che penetra nella rete vascolare e che quindi ha raggiuto i corpi cavernosi e in particolare quello spungioso che non si vede più come anche le mie vene sul pene.

∎ Ho pensato ad un danno-lesione dei nervi, dovuta sempre allo stesso motivo, motivo del qualche ho perso la totale sensorialetà del pene e mi creda è spaventoso!

∎ Ho pensato ad un improvviso-brusco squilibrio ormonale DHEA-S, DHEA, DHT, SHBG? Esami che, tra l'altro non mi ha fatto nemmeno fare! Avevo eseguito prima della pomata esami del Testosterone Totale (4.59 ng/ml); Estradiolo (29, pg/ml); PRL (11,79 ng/ml); FSH (5,6 mUI/ml); LH (5,0 mUI/ml) e infine testosterone Libero (17,00 pg/ml).

∎ Ho infine pensato ad una placca nei vasi sanguigni o nei corpi cavernosi, ma mi viene dfificile da crederlo.

Non ho nessuna libido e desiderio e nessunissima erezione! E Il Rabestrom (Sildenafil Citrato) non mi ha fatto nulla ed è preoccupante da matti! Tutto fa pensare alla pomata, ma anche ad un danno neurologico-chimico. Assurdo che una pomata e/o anche masturbazione mi abbia distrutto il pene!

Sto cercando dunque di capire cosa è successo, possibile che abbi messo anche troppa pomaat dato le dimensioni generose del mio pene. Io la mettevo sulla cute, come mi è stato detto, ma la pelle, scappellandosi copriva poi il glande quindi potrebbe anche essere andata sul glande. E mi masturbavo anche il pomeriggio, io la mettevo alla sera.

Il mio dott. è in ferie, aveva detto che avevo una "parestesia", senza farmi però esami specifici o preoccupato di derminare cosa avevo, e mi ha dato quel Balanil Gel ma immediatamente interrotto a casua di ulteriore perdita di sensibilità e glande di colore viola morto. Mi ha detto di applicare Fitostimoline liquido ma mi sono rifiutato.

Tornando alla Reparil gel che mi hanno detto non andava bene e che era meglio non metterci niente. Secondo il mio dott, sentito per telefono la pomata non può raggiungere i corpi cavernosi, nè crearmi problemi al pene.

Io il problema ce l'ho, e le foto parlano chiaro se possibile ve le mostro Dott, può darmi il suo indirizzo email?

Chiedo quindi a voi Dottori, può una pomata avere questi effetti a dir poco devastanti sul pene e la funzionalità erettile?

Mi è stato detto che la tunica Albuginea fa da ostacolo ai copri cavernosi, ma pare non sia vero come mi è sttao detto sopra da un dottore di Milano. E' penetrata infine nel corpo spugnoso dato che ho letto è costituito da tessuto muscolare liscio e fibre elastiche. Diversamente dai corpi cavernosi, il corpo spongioso è rivestito solo da una sottile fascia, che ricopre il tessuto sinusoidale, costituita da fibre elastiche e cellule muscolari lisce. Non è ricoperto quindi nemmeno dalla tunica albiguginea! Questo corpo spugnoso non lo vedo più e forse è il motivo per qui mi vedo anche il pene piatto.

Ho visto che in questo forum che la pomata è spesso pescritta per i noduli o placche al pene da IPP, a motivo e maggior ragione che penetra eccome nei corpi cavernosi e sopratatutto per flebite e vene a motivo che penetra nella rete vascolare e quindi intaccando il sistema erettile. Segnalo infatti, che le vene dorsali del pene di sinistra non mi si vedono neppure più.

Se la teoria è fondata è tutta colpa della pomata.

A sto punto io non so più cosa pensare.
Certo è che sono così da più di un mese e non accenna a migliorare.

Io sono distrutto vi prego qualcuno mi aiuti...!

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non possiamo ricevere ne tantomeno aprire allegati per ovvi motivi di sicurezza.
Per il reso, siamo assai poco convinti che una crema così banale e maneggevole possa averle causato tutto questo danno. Piuttosto, sospetteremmo che qualcosa possa essere andato storto nell'utilizzo del vacuum e dell'altro accrocchio di cui ci parla. A questo punto, l'unco in grado di giudicare è il nostro Collega che ne ha consigliato l'uso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
471987

dal 2018
E' assoluatmente impossibile, perchè il Vacuum l'ho usato nel mese di Aprile-Maggio (!!!) e mi ha dato solo un problema più che altro locale della pelle. Tuttavia, per sicurezza ho fatto una visita il 26 Giugno con l'Ecocolordopler Basale e il risultato era ottimo:

"Esame obiettivo: testicolo di normale consistenza con varicocele bilaterale a livello di entrambi i funicoli spermatici. Pelle del pene modestamente edematosa con iperemia venosa e vene dilatate Per questo stato della cute si preferisce eseguire doppler semplice e non dinamico dei corpi cavernosi. Ecodoppler del pene Normale morfologia dei corpi cavernosi e della tunica albuginea. Il flusso sistolico a livello delle due arterie dorsali e cavernose è risultato ottimo essendo rispettivamente 32 cm/sec (vn >15cm/sec).

Conclusioni cliniche diagnostiche: esiti di vacum device (utilizzato per quasi due mesi, 10 minuti, due volte al giorno)

Si Consiglia : Dosaggio dei seguenti ormoni:
LH, FSH, Prolattina, Testosterone libero,17 beta estradiolo.

Venoruton 1 cps ore 8 - 14 - 20 Una confezione -
Reparil gel 1 applicazione al di 15 giorni
Doppler dinamico dopo normalizzazione della cute.

26/06/2018”

Contento cher andava tutto bene e avevo le mie erezione riprendo la mia attività masturbatoria. Ho iniziato la terapia cioè Reparil Gel e Veronuton il 29 Giugno. Quì succede tutto, non prima! Tutti questi problemi sopra elencati sono comparsi il 4 Luglio, all'impovvivo appena mi sono svegliato alla mattina. Ho portato persino a fine trattamento la terapia avendo un peggioramento della situazione.

Seganlavo dal primo utilizzo che la pomata mi bruciava il pene internamente, ma non è stato dato peso e il mio dottore non ha nemmeno risposto roba da non credere.

Prima NON avevo di tutti sti problemi nel modo più assoluto! Tutto è avvenuto in quell'asso di tempo (26Giugno-4Luglio) ora sono sparite persino le erezioni che non rispondono nemmeno al Rabestrom mentre prima di questa data le avevo! E' davvero stranissimo. Quindi o è la pomata, o la masturbazione o ambedue le cose. Oppure è venuto qualcosa all'interno del pene in quell'asso, un danno dei nervi, una qualche placca nei vasi sanguigni o non saprei! Il dottore non sono io! Gli speicialisti siete voi, giustamente.

Ma sto facendo il possibile per venirne a capo della situazione. Mentre sulla questione della possibilità della pomata Reparil Gel di essere entrata nella rete vascolare, e intaccare quindi la funzionalità del pene (corpi savernosi e spungiosi) in particolare l'erezione noto che nessuno si è pronunciato a riguardo. Quindi è una cosa possibile, e non impossibile come mi è stato detto (per ovvi motivi).

Grazie ancora per la vostra attenzione sperando di ricevere un ultima risposta a l quesito della Pomata o su cosa possa quindi essere successo: quel che è certo è che non è 'uso del vaccum dal momento che lho usato ad Aprile-Maggio. E fino al 4 Liglio non avevo NESSUNO, ribadisco, di quetsi problemi.

Vi terrò comunque aggiornati sulla situazione

[#11] dopo  
471987

dal 2018
Gentili Dottori, vi vorrei informare su una cosa imporante.

Ho contattato la MEDA l'azienza farmacologica produttrice della pomata Reparil Gel, spiegando loro tutti i sintomi che presento durante la sua applicazione. Mi hanno detto che hanno preso in carica la cosa e che la riferiranno immediatamente alla AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) per gli effetti indesiderati che presento. Mi ha scritto dopodichè un Dottore, e mi scrive una cosa terribile che in letteratura scientifica uno degli ingradienti, "Eparina", inibisce la 5-alfareduttasi e antagonizza i recettori degli androgeni:

“Heparin-binding epidermal growth factor-like growth factor stimulates androgen-independent prostate tumor growth and antagonizes androgen receptor function." (Adam RM, Kim J, Lin J, Orsola A, Zhuang L, Rice DC, Freeman MR
Endocrinology. 2002, Dec . 143(12):4599-608) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12446587

" Because dihydrotestosterone was approximately 4-fold more potent than testosterone in stimulating basal FSH release, we examined the effects of testosterone in the presence of heparin, an inhibitor of steroid 5-reductase activity (Krzanowski and Troop, 1968; Steinberger and Fisher, 1971; Leveque and Grotjan, 1982). If the action of testosterone is mediated in part via 5a-reduction to dihydrotestosterone (or other 5a-reduced metabolites), inhibition of steroid 5-reductase should shift the testosterone dose-response curve to the right." (Interaction of progesterone with testosterone and dihydrotestosterone on follicle-stimulating hormone release by cultures of rat anterior pituitary cells. Leveque NW, Grotjan HE Jr. 1982 Aug;27(1):110-7) https://watermark.silverchair.com/biolreprod0110.pdf

Non è mica finita. La dietilamina salicilato come sembra essere simile alla struttura e l'effetto della Methyl salicylate che blocca la produzione di prostaglandine e causa disfunzione piastrinica. "reducing the formation of prostaglandins, and cause platelet dysfunction." (Gilman, A.G., T.W. Rall, A.S. Nies and P. Taylor (eds.). Goodman and Gilman's The Pharmacological Basis of Therapeutics. 8th ed. New York, NY. Pergamon Press, 1990., p. 653) https://toxnet.nlm.nih.gov/cgi-bin/sis/search/a?dbs+hsdb:@term+@DOCNO+1935

Adesso le cose sono notevolmente peggiorate. La pelle del pene è di un colore strano, sciolta e larga e brucia, il pene intorpidito al massimo nessuna sensibilità al ghiaccio, il pene al tatto brucia parecchio. Le vene sul lato destro del pene non si vedono più. Ora noto un intopodimento anche nel resto del corpo, in particolare le mani. Non ho libido o desiderio e nessuna erezione di mattina o nuttorna, manualmente non le ottengo. Il Viagra non funziona! È passato un mese, niente è risolto o migliorato! Sembra un CRASH TOTALE del mio corpo. Ho perso anche 7 Kili ed è assurdo. Ho perso completamente i muscoli. Leggendo su internet sono in tanti (sono più di 10.000!) ad avere i miei stessi identici sintomi dall'uso di un farmaco chiamato Finasteride e simili che hanno inibito la 5-alfareduttasi e bloccando i recettori DHT.

Io prima di quella maledetta pomata non avevo NESSUNO di questi problemi. NESSUNO! Che si trattasse di danni ai nervi, venosi o del pavimento perlivo o IPP o un danneggiamento del legamento sospensivo mi sembra assurdo. Ecco trovata la causa si tutto è Reparil gel!!

Ma che cavolo mi ha dato, sto dottore????? Questo è semplicemente terribile!!!!!!! Ecco perchè presento tutti questi cavolo di problemi esattamente uguali alle 10.000 persone che hanno usato la Finasteride!!! (Cfr. https://forum.propeciahelp.com/)

Io sono Shokkato.

[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prima che le sue ansie si avvitino eccessivamente su loro stesse è inderogabile che lei si sottoponga alla visita diretta di un nostro Collega specialista in urologia. A distanza le possiamo solo dire che gli effetti collaterali della finasteride sono ben noti, specie quando si parla di assunzione nel soggetto giovane per contrastare la caduta dei capelli (quindi per scopi non urologici). Si tratta comunque di un farmaco completamente diverso dagli eparinoidi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#13] dopo  
471987

dal 2018
Diverso o no, presento gli esatti sintomi delle persone che hanno usato finasteride. La Reparil Gel è praticamente una finasteride topica! Sulla finasteride ho letto davvero cose sconvolgenti, persone che sono da anni in queste condizioni e non migliorano per niente! Si, andrò immediatamente a farmi vedere da un Urologo anche perchè il mio dottore di Genova è irreperibile dato il disatro che è venuto. Speriamo di risolvere questa situazione assurda. Vi aggiorno.

[#14] dopo  
471987

dal 2018
Aggiornamento. Sto facendo i dovuti esami, che a giorni vi riporterò. Nel frattempo, (2 mesi orsono) nulla è cambiato o migliorato. Nulla!

Continuo a sostenere con documentazione alla mano che mi sia stata causata la Sindrome di Fanisteride e non solo per l'uso della Pomata.

Volete sapere cosa ho ancora scoperto?

Ebbene, Oltre al Reparil Gel il cui ingradiente pare inibisce la 5Alfa-Reduttasi e i recettori degli Androgeni (DHT) mi è sttao dato come avevo detto anche Veronuton, tre compresse al giorno 500mg (1500mg!) affinchè agisse sul mio pene, dato che avevo le vene dilatate (ora scomparse, sciolte).

Sul sito https://forum.propeciahelp.com/ ho letto di molti casi (almeno un centinaio) come la Sindrome di Finasteride dopo l'uso del Saw Palmetto (Serenoa Repens) che presentano i miei stessi identici sintomi, ed ho controllato in letteratura scientifica, è una pianta in grado di inibire la 5alfa-Reduttasi e bloccare i recettori degli Androgeni DHT come anche la Sophora Flavescens (Cfr. https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_5%CE%B1-reductase_inhibitors.

Questo mi ha fatto riflettete.

Il prinicipio del Veronuton e cioè Oxerutina (o Rutin in inglese) è una sostanza estratta dal fiore e foglie della Sofora del Giappone (Sophora Japonica).

Ho visto su moltissimi siti web che è pure questo un maledetto inibitore della 5Alfa-Reduttasi e dei recettori degli androgeni DHT!

"Estratto di Sophora japonica: inibisce la produzione di DHT (brevettato)" (http://www.hansderma.net/product-page/hr3-clinical-hair-solution-8vials-x-5ml)

Su questo sito straniero, si legge anche più esplicitamente con tanto di un disegno esplicativo che la:

"(...) (SOPHORA JAPONICA) Questo estratto impedisce la formazione di DHT inibendo la 5-alfa reduttasi (...) ". (http://www.de-klinika.rs/estetska-hirurgija-kose/mezoterapija-kose/)

La letteratura scientifica alla mano lo conferma chiaramente è un anti-androgeno! Cfr. New Botanical Materials with Anti-Androgenic Activity Tomoyuki Koyama Tokyo University of Marine Science and Technology Japan http://cdn.intechopen.com/pdfs/24269/InTech-New_botanical_materials_with_anti_androgenic_activity.pdf ; A review on phytochemical, ethnomedical and pharmacological studies on genus Sophora, Fabaceae Panthati Murali Krishna, Department of Pharmacognosy, Nalanda College of Pharmacy, Indi http://www.scielo.br/pdf/rbfar/v22n5/aop03112.pdf

Avete ancora dubbi a riguardo? Io no!

Mi sono stati dati due anti-androgeni, questo in particolare che hanno letteralmente - distrutto - il mio pene!

Roba da non credere!