Utente 505XXX
Buonasera,
sono un ragazzo di 18 anni e in questi ultimi giorni ho riscontrato un problema che mi inquieta parecchio. Le ultime quattro volte che mi sono masturbato ho notato che l'orgasmo non era accompagnato dalla stessa quantità di spermatozoi di sempre ma molto meno. Inizialmente non ho fatto molto caso al problema ma l'ultima volta che è successo la cosa mi ha lasciato un po' perplesso perchè ho ben notato di aver eiaculato poco. Dopo l'orgasmo è iniziato un lievissimo fastidio come quello che si prova quando bisogna urinare ma molto più lieve. Preso dal panico, sono andato a informarmi su internet ed ho trovato diverse risposte al riguardo ma soprattutto una in particolare mi ha colpito. Ho sentito parlare di eiaculazione retrograda e leggendo le cause mi sono impaurito molto dato che sono un ragazzo in salute ancora adolescente che non ha subito nessun intervento in quella zona e non prende nessun tipo di farmaco antidepressivo ecc. Ho inoltre osservato la mia urina dopo e non mi è sembrato che avesse nulla di strano. Riflettendoci su, ho pensato che magari fosse sbagliato il mio modo di maturbarmi dato che quando arrivo all'orgasmo,per ottenere più piacere stringo in glande nella mano(non forte ovviamente) per poco e poi lascio fuoriuscire gli spermatozoi. Volevo precisare che ormai mi masturbo in questa maniera quasi da sempre. Poi pensando è venuta fuori anche un altra cosa che potrebbe anche essere fuori luogo, un mese fa ho sofferto per qualche giorno di un dolore al testicolo destro poi sparito del tutto e, il mio medico di base mi ha rassicurato che probabilmente era solo una piccola infiammazione.E ora mi sorge il dubbio che magari le cose potrebbero essere collegate. Sono molto intimorito da questo problema e vorrei sapere secondo voi come dovrei procedere. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Dubito che lei abbia potuto vedere la quantità di spermatozoi, piùttosto si sarà modificato il volume che dipende da idratazione ed astinenza soprattutto. Ci metta un bel pietrone su, dorma tranquillo e se dopo sette giorni di astinenza ed idratazione il problema si ripresnetasse, con tutta calma, contatti collega. Eviti panico e scempiaggini quali eiaculazione retrograda e varie ed eventuali.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org