Utente 467XXX
Salve
Qualche giorno fa ho stupidamente portato il pene in erezione e aderente alla mia pancia verso il basso ho sentito subito un dolore fra l’attacco del pene e il pube destro, oggi a distanza di 5 giorni se palpo sento dolore precisamente nel canale di attacco fra pene e pube in erezione ho come la sensazione che ci sia qualcosa che ostruisce o cmq che indolenzisce quella parte... non è una sensazione di dolore ma quasi di costrizione non so se sono riuscito a spiegarmi...
come mi devo comportare rischio di essermi procurato un danno serio e poi soprattutto cosa può essere successo?
Spero vivamente in una risposta
Grazie

[#1]  
Dr. Andrea Militello

52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)
ACRI (CS)
MILANO (MI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Salve
a come descrive sembra essere un piccolo trauma del legamento sospensore

nulla che debba farci preoccupare

indispensabile una valutazione con visita andrologica
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#2] dopo  
Utente 467XXX

Grazie mille per la risposta dottore, il dolore pero l'avverto nella parte sinistra il legamento sospensorio non si trova al centro? Cmq sono stato visitato dal mio andrologo e sia palpando che con ecografia non ha riscontrato nulla e come spiegazione mi ha detto che essendo stato operato di ernia inguinale due mesi fa questo mio stupido movimento puo aver tirato un po la rete. E' possibile secondo lei?
Se invece fosse un trauma del legamento sospensorio rischio che si possano formare delle fibrosi devo star tranquillo? Un ultima cosa il mio medico ha detto un paio di giorni tranquillo e poi potevo riprendere l'attivita sessuale a distanza di 5 giorni ho provato ad avere un paio di erezioni ma avverto fastidio aspetto qualche altro giorno oppure nonostante questi fastidi posso riprendere?
Grazie e spero in una sua risposta
Un saluto

[#3]  
Dr. Andrea Militello

52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)
ACRI (CS)
MILANO (MI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Direi di aspettare ancora qualche giorno, in modo che non ci siano interferenze durante l’attività sessuale.
Sicuramente il suo andrologo ha posto una diagnosi più mirata
personalmente rimango dell’idea che potrebbe esserci un piccolo trauma legamentoso, chiaramente di nessun danno per l’apparato urogenitale
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#4] dopo  
Utente 467XXX

La ringrazio tanto per la sua risposta e accoglierò il suo consiglio di star fermo ancora qualche giorno... la mia unica paura era quella di aver potuto creare un danno ai corpi cavernosi ma da come mi ha risposto deduco che non e’ possibile visto che parla di piccoli traumi legamentosi e dei corpi cavernosi non fa nessuna menzione
La ringrazio ancora
Un saluto

[#5] dopo  
Utente 467XXX

Dottore mi scusi un ultima domanda, il fatto di aver provato ad avere un paio di erezioni con questo dolore puo aver causato ulteriori problemi oppure no? Sono un ragazzo molto ansioso e ho paura di aver peggiorato la situazione
Spero in una sua risposta
Grazie

[#6]  
Dr. Andrea Militello

52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)
ACRI (CS)
MILANO (MI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
no, onestamente non penso che si siano creati ulteriori problemi.
è passato un po' di tempo, come sta nel frattempo?
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#7] dopo  
Utente 467XXX

Salve dottore, mi scusi tanto se poi non le ho più risposto, quel problema poi si è risolto e la ringrazio per la calma e i consigli che mi ha saputo dare.
Oggi le scrivo a distanza di mesi perché ho bisogno di un suo nuovo parere e sapere se quello che ho fatto mi mette a rischio per eventuali danni.
In seguito a quel problema mi sottopposi a visita urologica e il medico che mi visito mi disse che dovevo star attento perché vista la mia deviazione congenita potevo essere più predisposto per problemi di possibile morbo di Peyronie.
Io sono andato completamente in tilt anche perché sono così da sempre e non ci ho mai pensato così ho cominciato ad avere comportamenti ossessivi che so essere sbagliati infatti vorrei intraprendere un percorso psicologico però il mio dubbio è che possa aver creato qualche danno al mio pene. Ieri per verificare la mia curvatura mi sono procurato molteplici erezioni tutte molto brevi di un minuto circa e tutte mai concluse con l'euaculazione nell'arco della giornata, forse una decina in totale e nella penultima quando il pene stava cominciando a inturgidirsi ho sentito dolore soprattutto nella zona ventrale come se il sangue spingeva ma non passava cmq è stata una vera e propria fitta che mi ha lasciato il pene indolenzito e dolente nella successiva erezione. Ripeto so di aver fatto qualcosa di sbagliato e me ne pento però vista la sua grande gentilezza volevo sapere se ho corso un rischio procurandomi un elevato numero di erezioni di eventuale danni ai corpi cavernosi e sapere quel dolore in erezione da cosa può essere stato causato visto l'assenza di colpi o flessioni subiti e se questo può aver creato problemi all'interno del mio pene?
Mi auguro davvero possa leggere questo post
Le faccio tanti auguri di buon Natale
Un saluto