Utente 483XXX
Salve vorrei chiedere un informazione, essendo che esce quasi sempre positivo enterococco faecales nello spermiocoltura perché i medici danno sempre cure non adatte a base di chinoloni tipo levofloxacina o ciprofloxacina quando invece la terapia su questo batterio ho visto che si deve eseguire in maniera diversa per debellare questo tipo di batterio..? La terapia che si esegue è: aminoglicosidi associati a glicopeptidi oppure a beta-lattamici oppure farmaci tipo quinupristina o dalfopristina... In attesa di un vostro parere porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

se presente antibiogramma per carica batterica significativa, senza ansie inutili, bene riconsultare in diretta il suo andrologo od urologo di fiducia.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione mirata e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 483XXX

Lo so sono dottore ma quando eseguo spesso terapia antibiotica sotto antibiogramma e poi escono sempre gli stessi batteri con zero risultati tanti urologi girati con le stesse ipotesi sempre terapie standard a questo punto è lecito sapere se la terapia è valida oppure è sbagliata. In attesa di un suo riscontro le porgo cordiali saluti

[#3] dopo  
Utente 483XXX

Il fatto dottore è che ho disturbi importanti quando urino sarebbero getti incompleti deboli ed intermittenti più nicturia. Detto ciò ho fatto sempre terapie antibiotiche orali ed a volte pure intramuscolo con singole antibiotici scelti sempre dall'antibiogramma i risultati sono sempre uguali sarebbero zero anzi talvolta mi hanno rovinato lo stomaco e urinario talvolta più peggio. Quindi mi chiedevo se realmente la terapia con due antibiotici mirati fosse possibile per debellare questo tipo di batterio però essendo nello sperma forse l'antibiotico risulta impenetrabile arrivarci dentro quindi sarebbe opportuno andarci direttamente facendo le infiltrazioni prostatiche perché non ho altri modi per debellare questo batterio. Per questo ho chiesto se era quella la terapia giusta.... In attesa di ulteriori chiarimenti le porgo cordiali saluti.

[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

da questa postazione, difficile darle "ulteriori chiarimenti” soprattutto sulle "infiltrazioni prostatiche”, strategia terapeutica tutta da verificare che non ha ancora ottenuto un’”approvazione” condivisa da tutti gli urologi.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#5] dopo  
Utente 483XXX

Sicuramente meglio di intossicarsi inutilmente con terapie che mai risolvono il caso ma bensì tutt'altro... cmq poteva almeno solamente dirmi se era la giusta scelta terapeutica oppure non valeva farla perchè non arrivava a penetrare la prostata come gli altri farmaci... aspetto un ultima sua risposta dopodiché non le chiedo più nulla di ciò. In attesa le porgo cordiali saluti

[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Certo, in alcuni casi, “una terapia con due antibiotici mirati” "rende più possibile debellare" un problema infiammatorio legato ad una infezione della prostata questa indicazione parte sempre da un urologo che ha potuto valutare la sua situazione in diretta.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#7] dopo  
Utente 483XXX

Ok nel tentativo di fare un ultimo ciclo terapeutico con la speranza che riesce a debellare il batterio penetrando nel tessuto prostatico, porgo cordiali saluti e grazie per la risposta immediata.