Utente 453XXX
Buon pomeriggio gentili Dottori,
vi scrivo per esporvi la mia situazione, che negli ultimi tempi sto cercando di valutare.
Sono un ragazzo di 24 anni, ho una relazione stabile da diversi anni e abbiamo regolari rapporti sessuali da circa 4 anni.
Non abbiamo mai avuto nessun tipo di problema a letto, anzi, abbiamo un ottimo feeling.
Credo di avere un piccolo problema al pene, ovvero. Riesco a scoprire il glande completamente senza nessun problema, la pelle del prepuzio scende al di sotto del glande senza il minimo problema e senza che il frenulo risulti teso.
La pelle rimane però appena sotto al glande, e se io la abbasso ulteriormente per distenderla, sia completamente che parzialmente, riesco a farlo senza provare dolore ma il frenulo va in tensione e la punta del glande si piega un po' verso il basso.
Ho notato che, effettuando questo movimento (ovvero il movimento di completa distensione del prepuzio, che altrimenti rimane "arrotolato" sotto al glande), alcune volta avverto una stimolazione intensa e nel giro di pochi secondi posso arrivare ad eiaculare, anche se in realtà, masturbandomi normalmente, arriverei dopo un po' di tempo. Io credo sia dovuto alla sollecitazione causata dalla tensione del frenulo e dal glande che si piega.
Io non ho mai sofferto di eiaculazione precoce con la partner, nè durante i preliminare nè durante la penetrazione, (tralasciando le primissime volte, in cui ero molto emozionato). Però il movimento di distensione del prepuzio, (che ho sperimentato solo autonomamente con la masturbazione, questo caso non si è mai verificato con la partner) con la relativa tensione del frenulo, in un primo momento va a sollecitarmi intensamente e mi farebbe raggiungere l'orgasmo rapidamente, nell'arco di pochissimi secondi.
Se invece vado a forzare un po', è come se temporaneamente mi desensibilizzassi leggermente, e il problemi non si verificasse più anche distendendo in continuazione la pelle del prepuzio.
Spero di essere stato chiaro. Vorrei capire da voi se questa cosa è normale, dato che non sono circonciso, oppure se una casistica del genere sia anomala, e quindi se sia necessario, nell'eventualità, ricorrere ad una frenuloplastica.
Vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il suo chilometrico post sembrerebbe descrivere un quadro clinico potenzialmente normale.Quanto ci trasmette credo che non possa essere interpretato da alcuno al di fuori di lei.Personalmente credo che,se in erezione il maschio percepisce una minore distensibilità del prepuzio con riverberi sulla eiaculazione,sia corretto ricorrere ad una frenuloplastica.Va da se che solo un medico reale possa dare un giudizio contingente.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it