Utente 105XXX
Buonasera
Vorrei sapere perché il Fluimucil,preso per altro motivo, ha effetti miracolosi sulla mia prostatite decennale ?


Ho una prostatite che non passa con niente con colture sempre positive a Enterococco e pseudomonas.
Il fatto che funzioni questo farmaco cosa indica ? Per quanti giorni è possibile proseguire la terapia ?

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

il prodotto, da lei citato, contiene della N-acetilcisteina, derivato dell’amminoacido cisteina; questo farmaco è sostanzialmente un mucolitico capace di fluidificare tutte le secrezioni mucose o mucopurulente.

L’acetilcisteina svolge anche un’azione di potenziamento del sistema antiossidante del glutatione, uno dei più importanti meccanismi di difesa intracellulare ed ancora è capace di antagonizzare i radicali liberi dell’ossigeno che sono i principali responsabili di numerosi fenomeni infiammatori.

L’attività mucolitica e drenante dell’acetilcisteina è dovuta, molto probabilmente, alla sua capacità di ridurre i ponti disolfuro, tipici delle proteine presenti nel muco.

Tutte queste attività farmacologiche complesse della N-acetilcisteina, come si può intuire, sono importanti anche per la fluidificazione ed il drenaggio del secreto prostatico e quindi sono capaci di ridurre tutti i processi infiammatori che interessano questa ghiandola maschile.

Queste sono tutte le possibili azioni biochimiche attraverso cui questo farmaco sembra risultare positivo anche contro i sintomi scatenati dalla sua prostatite.

Per quanti giorni è possibile poi, nel suo caso specifico, proseguire questa terapia è un'informazione che solo il suo urologo di fiducia può darle.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 105XXX

Mi scusi dottore. Come potrà leggere bene dai miei precedenti interventi sono molto disperato. 11 anni di prostatite. Prostatite come detto sostenuta da enterococco sicuramente,ma probabilmente, anche da germe contratto in Ospedale 11 anni fa a seguito di Cistografia retrograda eseguita malamente. Il problema è che quando tratto enterococco e pseudomonas alla fine non miglioro quasi per niente. Inoltre e purtroppo il germe ospedaliero tale Corynebacterium è difficilissimo da coltivare in laboratorio e spesso o non si rileva o non viene espulso. L’urologo non sa come aiutarmi. La situazione è complicata. A seguito della prostatite non riesco nemmeno quasi più a camminare dal dolore all’inguine che si irradia ai glutei. Quindi non riesco nemmeno più a correre, cosa che a mi dava sollievo per i dolori. Saprebbe per caso suggerirmi una strada ? Mi creda sono diperato al limite delle mie forze fisiche e morali perché tutti i giorni sto male.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

da questa postazione, difficile suggerirle una strada ; chieda eventualmente altre ragioni ed una indicazione terapeutica mirata in diretta sempre al suo urologo di fiducia.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 105XXX

Mi scusi dottore.
Il medico di base ha preferito prescrivermi una risonanza del bacino con contrasto per vederci meglio. Secondo la sua esperienza è possibile che la pubalgia sia causata solo dalla prostatite seppur cronica ? La pubalgia è sopraggiunta solo negli ultimi due anni.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Segua ora l'indicazione ricevuta; potrebbe essere forse utile a chiarire il suo particolare problema clinico.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com