Utente 472XXX
Buonasera sono ormai più di due anni che nel mio sperma ci sono grumi gialli gelatinosi. Ho fatto molti controlli e non ho alcuna infezione, alcuna patologia, soltanto un'infiammazione a carico delle vescicole seminali. Ho provato sotto consiglio di vari andrologi a cui mi sono rivolto a risolvere il problema con degli integratori a base di serenoa repens, tuttavia ci sono stati lievissimi miglioramenti ma nulla di rilevante. Volevo chiedere un consiglio su che via intraprendere e magari discuterne con l'andrologo perché questi grumi mi destabilizzano molto e vorrei tornare ad avere uno sperma normale come quello di qualche anno fa. Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

se ecografie delle vie seminali e della prostata nella norma e valutazioni colturali negative, potrebbe forse trattarsi di un problema esito di una pregressa infiammazione delle vie uro-seminali.

Risenta ora in diretta il suo andrologo od urologo di fiducia e si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione clinica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 472XXX

Grazie dottor Beretta per la risposta, ovunque mi rivolgessi mi hanno sempre suggerito di utilizzare integratori per questa infiammazione che non hanno apportato miglioramenti. Esistono altre tipologie di farmaci che potrebbero risolvere il mio problema? Ovviamente domanderò all'andrologo prima di agire. Però volevo chiedere se potesse tracciarmi una via. Grazie ancora in anticipo

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

si "traccia una via" quando si è prima fatta una precisa diagnosi e nel suo caso, da quello che ci scrive questa non è ancora arrivata.

Se comunque desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-terapeutiche.html

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html

https://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com