Utente 472XXX
Gentili dottori,

da circa tre mesi percepisco un dolore sordo al testicolo destro, e al tatto noto due piccoli rigonfiamenti duri, come uno gnocchetto, nella zona superiore. Il dolore non è continuo, spesso è più un fastidio, ma la sua persistenza, mi sta facendo preoccupare. Il rigonfiamento non sembra coinvolgere i testicoli, ma l'epididimo, perchè è "mobile" e il testicolo, se lo sposto, appare liscio.
Ho deciso spontaneamente, a gennaio, di eseguire una visita andrologica. Il dottore sembrava più interessato alla mia situazione psicologica. Dietro mia esplicita domanda "secondo lei questa è una cisti dell'epididimo?" mi ha risposto di si. Ad essere onesto la visita mi è sembrata un po' grottesca. Mi ha prescritto ecocolordoppler scrotale oltre ad alcuni esami del sangue (PSA, LH, FSH, Prolattina,Testosterone) ed uno spermiogramma, che eseguirò a breve.

Vorrei chiedervi un parere in merito. Ha senso che io richieda una visita specialistica ulteriore? Dovrei rivolgermi ad un andrologo o ad un urologo?
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

segua le indicazioni diagnostiche ricevute che potrebbero sicuramente darci maggiori informazioni sulla sua reale situazione clinica.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html

Qui potrà trovare tutte le raccomandazioni, date dal National Cancer Institute statunitense, su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 472XXX

Gentile dottore, ritorno con i risultati degli esami eseguiti settimana scorsa.

Aggiungo i risultati di uno spermiogramma che avevo eseguito poco più di tre mesi fa, per fare una comparazione.
Ammetto di essere molto preoccupato per i risultati dello spermiogramma, che sembrano drasticamente peggiorati.
E' possibile che due spermiogrammi diano risultati così diversi in termini di motilità e morfologia?

Potrebbe suggerirmi quali sono le giuste mosse da fare?
Consideri che ho una partner e che da circa due anni cerchiamo di avere un figlio senza successo (e giudicando dallo spermiogramma ora capisco perchè).

Grazie mille


----------------------------
L'ecodoppler eseguito il 14.3.2019 ha dato il seguente referto

A Sinistra:
Plesso pampiniforme e vasi funicolari di calibro regolare, non presentano significativi incrementi al Valsalva, risultando inoltre esenti da fenomeni di reflusso. Breve reflusso retrogrado (minore di 0,5'') al Valsalva protratto, come da aumentata compliance.

A Destra:
Nulla da segnalare a carico delle strutture vascolari. In paramediana anteriore dx si rileva presenza di struttura globulare anecogena e parzialmente iperecogena, suggestiva di esiti di flogosi di ghiandola sebacea. Il calibro max risulta di 7 mm

Conlusioni:
Reperto negativo per varicocele

------------------------------------

Gli esami del sangue con parametri di riferimento


FSH (Follitropina)
5,6 mU/ml da 1,0 a 14,0
(Met.: CMIA-Chemiluminescenza)

LH (Luteotropina)
3,2 mU/ml da 1,1 a 7,0

PRL (Prolattina)
6,0 ng/ml da 2,0 a 15,0
(Met.: CMIA-Chemiluminescenza)

TESTOSTERONE tot.
7,50 ng/ml da 3,00 a 10,60
(Met.: immunometrico)

PSA (Ag.Prost.Spec.) TOTALE
0,25 ng/ml da 0,00 a 4,00
(Met.: immunoenzimatico - ELFA)

-----------------------------------------------------

Infine lo spermiogramma, che mi preoccupa molto:

Il più recente: 20.03.2019

S P E R M I O G R A M M A
CONTINENZA 3 gg da 2 a 7
FLUIDIFICAZIONE COMPLETA
ASPETTO OPALESCENTE OMOGENEO
pH (elettrodo Ingold) 8,0 da 7,2 a 8,2
VISCOSITA' NORMALE
VOLUME 3,0 ml superiore a 1,5

CONCENTRAZIONE (Cam.Makler) :
Conc.SPERMATOZOI 1,20 Mil/ml superiore a 15,00
NUMERO TOT. SPERMATOZOI 3,60 milioni superiore a 39,00
Numero totale spermatozoi (percentile) 0,6 (*)
39 = 5 PERCENTILE
255 = 50 PERCENTILE
802 = 95 PERCENTILE

AGGLUTINAZIONI (grado 0-3) 1 fino a 1
AGGLOMERATI (grado 0-3) 1 fino a 1
ROUND CELLS 600 /mmc fino a 4500
LEUCOCITI 180 /mmc fino a 1000

MOBILITA' (a 1 ora a 30 C) :
- PROGRESSIVI RAPIDI (PR) 2 %
- PROGRESSIVI LENTI (PL) 4 %
- TOTALE PROGRESSIVI (PR+PL) 6 % superiore a 32
- Totale progressivi (percentile) 0,9 (*)
32 = 5 PERCENTILE
55 = 50 PERCENTILE
72 = 95 PERCENTILE

- NON PROGRESSIVI 5 %
- IMMOBILI 89 %
ELEMENTI VITALI 45 % superiore a 58

NORMALMENTE RAPPRESENTATE LE
COMPONENTI SPERMATIDICA E
SPERMATOCITICA.

MORFOLOGIA (WHO 5^ed.) :
- FORME NORMALI 1 % superiore a 4
- Forme normali (percentile) <0,5 (*)
4 = 5 PERCENTILE
15 = 50 PERCENTILE
44 = 95 PERCENTILE

- ANOMALIE DELLA TESTA 17 %
- ANOMALIE DEL COLLO 0 %
- ANOMALIE DEL FLAGELLO 0 %
- ANOMALIE MULTIPLE 82 %

-Determinazioni Biochimiche
- FRUTTOSIO (conc.) 560 mg/dl da 150 a 500
- Fruttosio (Tot.) 16,80 mg/eiac. da 4,50 a 18,70
- FOSFATASI AC. 215 UI/ml da 200 a 800
- Fosfatasi ac. 645 UI/eiac. da 450 a 3140

SPERMIOCOLTURA
- COLONIE : NESSUNA CRESCITA APPREZZABILE.

---------------------------------------------

Lo spermiogramma precedente, in data 12/12/2018

LIQUIDO SEMINALE: ESAME CHIMICO-FISICO E MORFOLOGICO (secondo WHO 2010)
Volume 2,5 mL > 1,5
Aspetto Opalescente (Opalescente)
pH 8,4 > 7,2
Fluidificazione Normale (Normale)
Viscosita' Normale (Normale)
Concentrazione Spermatozoi * 2,0 x10
6/mL > 15,0
Numero totale spermatozoi * 5,0
Motilita' spermatozoi:
Motilita' totale (progressiva e non progr.) 91 %
Motilita' progressiva 83 %
Morfologia (forme normali) 23 %
Cellule germinali Presenti (Presenti)
Leucociti Rari (Rari)
Emazie Assenti (Assenti)

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

la giusta mossa ora da fare è quella di sentire in diretta un bravo ed esperto andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana e non perdere altro tempo prezioso in internet.

Se comunque desidera poi avere qualche informazione sulla complessità che accompagna un’infertilità di coppia, può leggere anche gl’articoli sempre pubblicati sul nostro sito e visibili agl’indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1446-antiossidanti-radicali-liberi-fertilita-maschile.html

https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-vita-ed-infertilita.html

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 472XXX

In effetti sto attendendo indicazioni in questo senso dal mio medico di base.
Vorrei però chiederle intanto se con i risultati attuali è possibile ipotizzare in linea di massima una causa per il quadro riferito dallo spermiogramma.

Sto anche pensando che uno dei due spermiogrammi abbia dato risultati errati (il primo). È possibile?

E infine: è possibile escludere che la massa rilevata dall'ecodoppler sia causa dei problemi rilevati dallo spermiogramma?

Grazie mille

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

in prima battuta ora, sotto il consiglio mirato del suo andrologo di fiducia, ripeta l’esame del liquido seminale in un laboratorio dedicato ed aggiornato e poi si potrà forse discutere su basi più reali il suo problema andrologico.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com