Ecocolordoppler penieno-scrotale

Salve dopo mesi di epididimiti, secchezza, atrofia, bruciore al glande e prepuzio sono state escluse mts, lichen s.
a. Ho fatto anche una biopsia al prepuzio con esito di infiammazione cronica e congestione vascolare, l’infiammazione aumenta in erezione, due anni fa ho usato un farmaco Isotretinoina per acne e nel periodo di assunzione ho avuto intorpidimento e disfunzione erettile risolta alla sospensione del farmaco con i sintomi che ho adesso... i medici che ho consultato sono concordi che il mio sia un problema vascolare, devo idratare il glande costantemente ma sento bruciore e le vene nel solco balano-prepuziale sono gonfie... può aiutarmi a capire qualcosa questo esame che eseguo questa mattina?
Cos’altro posso fare?
La situazione è così da settembre nessuno capisce cosa sia... durante una cistoscopia ho scoperto di avere una stenosi nell’uretra membranosa e sono stato da Barbagli il quale mercoledì mi farà un uretrografia mi ha detto che probabilmente la stenosi li è presente da molti anni e non ha a che fare con i problemi alla pelle, anche lui ha escluso malattie dermatologiche... l’ecocolordoppler ha rivelato delle cisti e dei noduli ma il radiologo ha detto di non preoccuparmi ma non so se è il caso allego il referto: didimi regolari per dimensioni, struttura e vascolarizzazione.
Nella testa dell’epididimo di sinistra e’ presente formazione cistica di circa 2 millimetri, in corrispondenza della tunica vaginale della coda epididimaria omolaterale si rilevano due formazioni nodulari non vascolarizzate di 4-5 millimetri, contigue a margini regolari e struttura ipoecogena.
Normale l’epididimo destro.
Lo studio cd mostra a sinistra modeste estasie venose sopra testicolari con reflusso di basso grado.
Non si riscontrano alterazioni strutturali sull’asta nei seni cavernosi ne’ a livello della fascia di buck.
Non si riscontrano segni di trombosi a carico dei vasi dorsali del pene.
[#1]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,5k 420 2
caro lettore
è stato visitato e seguito da uno dei massimi urologi italiani
ne parli con lui dei suoi problemi
cordiali saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#2]
dopo
Utente
Utente
Ha ragione dottore ma con Barbagli la visita e’ stata mirata sulla stenosi uretrale essendo lui un uretrologo di eccellenza e mi ha fatto fare l’uretrografia nel suo centro dove la stenosi è stata trovata nel tratto bulbare non membranoso come aveva evidenziato l’urologa nella cistoscopia e per fortuna non è molto lunga e mi farà sapere come procedere, per il resto (infiammazione, bruciore, secchezza) sono seguito nell’ospedale della mi città dove mi hanno fatto fare anche una risonanza pelvica e ho avuto oggi il risultato che porterò al medico tra un mese...lei mi sa dire qualcosa al riguardo?


Esame eseguito secondo piano multipli mediante sequenze t1- e t2 dipendenti.


Non formazioni espansive nello scavo pelvico.

Vescica ben distesa e pareti regolari.


Prostata di dimensioni nei limiti.

In corrispondenza nella zona periferica di sin in sede posteriore è apprezzabile focale di alterazione di segnale di 10 mm ipointensa nelle sequenze T2 dipendenti come da esiti flogistici.


Non linfoadenomegalie pelviche ne’ versamento peritoneale.

È escluso un tumore alla prostata?
[#3]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,5k 420 2
caro lettore
risolva il problema uretrale e, dopo, potrà rivolgersi ad un andrologo che possa capire il suo problema erettile
cordiali saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#4]
dopo
Utente
Utente
Mi scusi dottore ma forse mi sono spiegato male, la stenosi fini ad ora sembra non essere implicata con i problemi di bruciore e secchezza etc etc quindi siccome i batteri sono sempre risultati negativi e dalla risonanza si evidenzia una flogosi nella prostata cosa potevo fare.... non ho problemi di erezione ma di infiammazione, lo specialista adatto dipende dalla causa dell’infiammazione. Chiedevo appunto che strada intraprendere, domani faccio il prelievo del sangue per verificare il psa visto che non l’ho mai controllato senza la guida di nessun medico perché sto soffrendo e nessuno capisce perché, proverò anche questo, in ultimo consulterò un neurologo anche per sapere se ci possa essere implicazione del nervo pudendo perché nessuno mi aiuta
[#5]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,5k 420 2
caro lettore
personalmente non credo m9lto alla possibilità che una infiammazi9ne del nervo pudendo possa alterare i meccanismi vascolari erettili che sono alla base di una disfunzione erettile

cordiali saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#6]
dopo
Utente
Utente
Ha ragione dottore infatti il mio problema non è la disfunzione erettile che non ho
[#7]
dopo
Utente
Utente
Salve dottore dopo mesi inizio ad evidenziare il problema, ho visto che il mio meato sta cambiando, la forma a taglio verticale ha assunto una forma ad S più storto, nonostante mi è stato detto che io non abbia il lichen soffro di bruciori e sono negativo a tutto, l’uretrografia retrograda e minzionale ha evidenziato una stenosi bulbare ma al meato uretrale i medici non hanno capito il mio cambiamento, risulta sempre più appiccicato e quando avevo il catetere ed inserivo il liquido sentivo bruciore in punta, solo l’infermiere che mi assisteva si è accorto che la stenosi riguardava anche la punta, perché il bruciore lo sentivo proprio in punta....perché si è ristretto il meato infiammato da mesi in assenza di batteri e di un lichen a 32 anni?
[#8]
dopo
Utente
Utente
Salve dottore ho iniziato ad avere piccole perdite di urina post-minzione cosa significa? Mi è venuta una stenosi anche al meato che mi sembra più stretto?
[#9]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,5k 420 2
caro lettore
un caso come il suo deve essere affrontato e facilmente risolti da uno specialista che la possa conoscere , visitare e seguire nel tempo
cordiali saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio