Prolasso mitralico in ragazza

Salve Egr. Dottori,
ad una ragazza di 16 anni (compiuti da poco), a seguito di un elettrocardiogramma richiesto dal pediatra per rilasciare certificato per attività sportiva, viene poi consigliato un Ecocardiogramma Transtoracico color-doppler (motivo: Riscontro occasionale di BBD all' ECG di superficie) dal quale è stato refertato:

Ventricolo sn di normali dimensioni endocavitarie e spessori parietali. Non evidenti alterazioni della cinetica segmentaria con osservata funzione globale di pompa (F:E:: 55-60%)

Ventricolo dx di normali dimensioni e normale funzione sistolica longitudinale (TAPSE: 25mm)

Atri di normali dimensioni. Setto interatriale apparentemente integro.

Radice aortica, aorta scendente, arco aortico ed aorta addominale di normale dimensioni nei distretti esplorabili.

Non evidenza di alterazioni a carico dei foglietti pericardici.

Valvola aortica apparentemente tricuspide con normale movimento delle semilunari; al color-doppler: normale flussimetria transvalvolare.

Valvola mitrale di normale morfologia e con normale movimento di apertura dei lembi; lieve prolasso del lembo mitralico anteriore. Al color-doppler: lieve insufficienza transvalvolare.

Lieve insufficienza tricuspidalica con normale stima indiretta della PAPs (20 mmHg).

Lieve insufficienza della valvola polmonare non clinicamente significativa.

Normale funzione diastolica.
Conclusioni: Cuore normale in architettura e funzione. Si segnala lieve prolasso del lembo mitralico anteriore da sottoporre a controllo ecocardiografico ogni due anni.

Sia il dottore che ha eseguito l'esame che il pediatra dopo, dicono che il prolasso non deve destare preoccupazione ma allo stesso tempo "hanno spaventato" non poco la piccola paziente in quanto gli hanno detto che deve prestare molta attenzione a capogiri (mai avuti), mal di testa se colpiscono un solo lato, svenimenti (mai avuti).
Gli hanno dato il benestare per attività sportiva ma non a livello agonistico, quello che cortesemente vorremmo chiedere e se il prolasso in questione deve destare preoccupazione (anche per il futuro) e a cosa la paziente può andare incontro.

Grazie mille per la gentile risposta e cordiali saluti.
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 78,4k 2,8k 2
Vede purtroppo la diagnosi di prolisso mitralico e spesso abusato nel senso che il vero prolisso mitralicia É una malattia grave che spesso richiede un intervento chirurgico di riparazione o sostintuizione valvolare
Una cosa invece totalmente diversa É l atteggiamento prolassante di uno dei lembi, di riscontro estremamente frequente e privo di evoluzione e di complicanze.
Detto questo ovviamente non posso vedere i. Filmato della esame eseguito dalla piccola paziente di pertanto non posso esserle utile più di tanto

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la cortese risposta, gent. Dr. Cecchini,
capisco (e già sapevo) che senza poter vedere l'esame non può ........
chiedo venia ma, considerato che il dottore che ha eseguito l'esame e fatto il referto è un cardiologo,
secondo lei è comuqnue consigliabile consultare un altro (o due) cardiologo e far vedere l'esame per confermare se si tratta di vero prolasso o se invece diagnostica un atteggiamento prolassante di uno dei lembi?

Se me lo consente vorrei altresì chiederle:
poichè la ragazza vorrebbe tanto poter entrare nelle forze dell'ordine (accademia o in polizia), dovesse trattarsi di prolasso gli hanno già detto che non potrà mai farlo ma, se invece si trattasse di un atteggiamento prolassante di un lembo, a suo avviso potrà partecipare ai concorsi/selezioni e in caso di superamento non dovrebbero esserci motivi (cardiaci) per non essere dichiarata idonea?

La ringrazio ancora.
Cordialmente
[#3]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 78,4k 2,8k 2
Nel secondo caso certamente si
Ma l importante É la salute della ragazza.


Arrivederci
[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dr. Cecchini,
vorrei aggiornarla per avere un suo parere in merito.
LA ragazza in questione è stata portata a visita presso un altro cardiologo il quale ha detto che lui esclude il prolasso, dicendo addirittura che non vede nemmeno un atteggiamento prolassante.
Ad ogni modo ha fatto fare l' holter cardiaco (dicendo che poi avrebbe fatto lui stesso il doppler).
Dall'holter è venuto fuori:
Frequenza cardiaca max 125
Minima 45 bpm
Media 74
Rilevate fasi di aritimia sinusale respiratoria
Rare (14) extrasistoli sopraventricolari isolate ed una extrasistole ventricolare
Assenza di pause
Anomalie della ripolarizzazione in parete inferiore che si accentuano in corso di tachicardia sinusale.

Dalla tabella finale dell' holter si evince che la forbice maggiore fra bpm minimi e massimi è stata durante la notte quando fra le
3.00 e le 4:00 = minimi 45 - medi 59 - max 108
5:00 - 6:00 = minim 47 - medi 81 - max 119
6:00 - 7:00 = minim 63 - medi 93 - max 125

Anche durante il giorno comunque:
14:00 - 15:00 = min 55 - medi 79 - max 109
10:00 - 11:00 = min 63 - medi 83 - max 122

Il cardiologo ha parlato di tachicardia che in una ragazza di poco più di 16 anni bisogna valutare attentamente dicendo che forse può allora essere causata da un prolasso (che in prima battuta aveva però escluso).
Adesso la ragazza deve fare un elettrocardiogramma sotto sforzo e poi il cardiologo gli farà di nuovo il doppler (precedentemente effettuato da un altro dottore in un laboratorio di analisi).

Può dirci in linea di massima che idea si è fatto lei da questi pochi elementi?
E ...... ci sarebbero dei consigli da seguire? (siamo un pò confusi e senza ancora risposte)

Grazie mille e cordiali saluti
[#5]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 78,4k 2,8k 2
Sono tutti valori normali
Lo dica ai suoi cardiologi

Smettete di far noia a quella povera ragazza

Saluti

Cecchini

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test