Utente 480XXX
Buonasera sono una ragazza di 32 anni e nel 2015 durante la gravidanza mi e stato scoperto il PFO.
DOPO l'espletamento sono andata da un professore di cardiochirurgia pediatrica consigliatomi dal mio ginecologo per ulteriori chiarimenti. Oggi mi trovo in un altra città e 2 settimane fa ho fatto un eco color Doppler. Non conoscendo bene questo problema le ho fatto delle domande e le risposte non coincidono con quelle date dal primo cardiologo,quindi vorrei chiedere un altro parere. La mia domanda è "posso fare viaggi lunghi in AEREO? Al momento non ho bisogno di nessuna terapia e il 22 febbraio farò una visita da un neurologo per avere ulteriori accertamenti..vi scrivo l esito dell' eco color doppler:
ventricolo sn con indici di funzione sistolica conservati (EDV 80 ml, ESV 20ml, CE 60%, DTD 48 mm, DTS 18). spessori parietali nei limiti (SIV 11mm). Non deficit della cinetica regionale. Bulbo aortico non dilatato ( diam 27 mm).valvola aortica normoconformata ( grad. Max 7 mm Hg). Arco aortico nei limiti. Aorta addominale nei limiti. Valvola mitralica normorappresentata, con minimo rigurgito parafisiologico. Riempimento diastolico età correlato. Atrio sn non dilatato (diam 22 mm, volume 11ml/mq). Atrio dx nei limiti ( volume ml/mq). Setto interatriale normorappresentato con minimo shunt sn-DX DI 0,3 mm. Sezioni destre nella norma con minimo rigurgito tricuspidalico senza segni di ipertensione polmonare (APP 22+5 mmHg). Foglietti pericardici normorappresentati. Conclusioni " FORAME OVALE PERVIO SENZA SIGNIFICATO NEODINAMICO E RIGURGITO MITRALICO E TRICUSPIDALICO PARAFISIOLOGICO.
SONO preoccupata perché vorrei viaggiare anche oltre oceano e ho questo forte dubbio.. il primo cardiologo mi ha detto di evitare viaggi lunghi e forti pressioni usando questi esempi non fare paracadutismo pilotare un AEREO e niente immersioni. Invece questa cardiologa mi ha detto che posso fare una vita normalissima e posso prendere l aereo visto che e pressurizzato.. Quindi chiedo un vostro parere per poter stare piu tranquilla. Vi ringrazio anticipatamente. Valeria

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Sarebbe stato utile quantificare lo shunt con un doppler transcranico o un ecocardiogramma transesofageo, poichè quello classico transtoracico presenta limiti diagnostici in questo senso e questo indipendentemente dal problema dei viaggi aerei. Per questi ultimi i rischi tromboembolici legati alle lunghe percorrenze sono più dovuti a problemi circolatori venosi che non alla presenza del PFO perchè effettivamente le cabine sono pressurizzate e tali da non incidere sul rischio secondario al problema evidenziato.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 480XXX

Innanzitutto la ringrazio per la celere risposta. Sono contenta che possa fare dei viaggi stando serena. Se per lei e utile che io faccia altri accertamenti provvederò a farli. Piuttosto la cardiologa mi ha parlato dei rischio TIA ho richiesto una visita dal neurologo visto che ho spesso mal di testa e ne approfitto per chiedere anche a lui cosa ne pensa. Crede che sia meglio fare una risonanza o tac per escludere qualunque cosa.? O crede che io non ne abbia ancora necessità? Ovviamente sarà il neurologo a decidere cosa e meglio fare però se lei mi dice che farla sarebbe m3glio provvederò a "pretederla". Grazie infinite.