Utente 456XXX
Salve sono un ragazzo di 19 anni che tra un meno di un mese ne compirà 20. Ormai è passato un anno da quando sono andato all'ospedale per la prima volta per problemi legati alla respirazione poi scoperto che si trattava di ansia che vi venne diagnosticata precisamente da uno psichiatra diversi mesi fa ossia Novembre. In questo anno sia 2017 che 2018 ho fatto innumerevoli visite soprattutto al cuore dove ho addirittura perso il conto degli elettrocardiogrammi e ecocardiogrammi svolti, gli unici numeri precisi sono i due test da sforzo e l'unico holter cardiaco 24h fatto a Luglio. Le ultime visite ossia ElettroCardio e EcoCardio li ho fatti verso metà Gennaio 2018 ma stavolta non per mia paura ma perché essendo che mio padre è cardiopatico avendo lui la sua visita di controllo mi ha detto se volessi farla anche io e dato che una visita in più non fa male ho accettato. Il blocco di blocca destra però mi fu "diagnosticato" già dal primo elettrocardiogramma non dal cardiologo stesso ma dal dottore di base di mio padre che mi disse che avevo un RITARDO DI BRANCA DESTRA sinceramente non ricordo cosa mi disse di preciso, per tranquillizzarmi mi disse però che era così comune ed innocuo che non viene neanche considerata una patologia e addirittura mi disse che anche uno sportivo molto famoso lo aveva. Vorrei sapere però dato che questo blocco di branca destra o ritardo che sia è a tutti gli effetti un'anomalia begnina del sistema elettrico del cuore non è più probabile che ci possa essere un arresto cardiaco rispetto ad una persona che non lo ha? Inoltre è possibile che questo blocco di branca destra porti il cuore di una persona ad invecchiare più velocemente accorciando così l'aspettativa di vita? Grazie per le eventuali risposte alle due domande. ( Ho deciso di fare questo consulto per saperne di più su questo problema che personalmente ho anche io, anche perché da quanto ho capito io potrei avere una possibile ereditarietà nell'avere l'infarto dato che mio padre lo ha avuto a soli 49 anni. C'è da dire che lui fumava molto ed è arrivato a fumare 4 pacchetti di sigarette al giorno. Io peso molto e devo dire che dovrei iniziare a fare una dieta però grazie a dio non fumo, quasi mai bevo e da un po' ho smesso anche con la caffeina quindi coca cola e caffè in se ).

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
il eitardo della conduzione destra è. una variante della normalita e non comporta riduzione ne della qualita ne della quantita di vita.
quindi smetta di preoccuparsi.

deve preoccuparsi dei 30 kg di troppo, per questi davvero accorciano la vita, oltre a renderla difficile e non piacevole

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza