Utente
Salve dottore,
20 giorni fa ho una crisi ipertensiva improvvisa con diastolica 108 e pressione toracica . Lentamente la pressione è migliorata. Ho fatto controllo cardiologo , ecg da sforzo ,esami del sangue . Tutto dopo periodo di iper lavoro e stress prolungato per parecchi mesi
Non risulta nulla di fuori norma. Continuo a misurare la pressione . Appena mi sveglio è intorno 75 108 65. Durante il giorno mediamente intorno 85 115 80.
Il problema è che se mi innervosisco o sto al pc concentrato la pressione diastolica va sopra 90. Oggi ho dovuto interrompere , un po’ di sangue dal naso soffiando , pensantezza alla testa e sensazione che sangue dentro la testa scorra e nausea . Non so che fare. Se prendessi una pastiglia per pressione non c’è rischio che durante la notte si abbassi troppo ? I sintomi sembrano pensare ansia anche che mi pare quasi impossibile che abbia effetti così pesanti . Non può essere qualcosa di differente dalla sola ansia ? Qualche tipo di tumore o altro ? Nel caso sia ansia secondo lei pensa possa uscire da questo problema ? Esistono farmaci che bloccano queste reazioni del corpo ?

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei non ha bisogno di alcuna terapia e NON deve assumere alcun farmaco.
Inoltre la epistassi NON ha niente a che vedere con i valori pressori (che lei ha normalissimi)


Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
12% attualità
20% socialità
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Prima di una terapia occorre fare una diagnosi. Faccia un Holter pressorio delle 24 h che ci dira' quali sono i valori medi della sua PA.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#3] dopo  
Utente
Ieri sera sono tornato a casa un po' stanco avevo la pressione diastolica 96. Stessa cosa mi succede se mi concentro al pc(io lavoro al pc - settore informatico). Credo di passare un periodo di esaurimento nervoso dovuto ad periodo prolungato di iperlavoro. La pressione sembra alzarsi sopratutto per influenza nervosa o mentale.
Ho monitorato la pressione per settimane piu volte al giorno: la diastolica rimane mediamente nel range 85-90. Se mi stanco o innervosisco o mi concentro la pressione puo' rimanere per parecchie ore (a volte è successo anche tutto il giorno) intorno a 95-100.
A volte leggero acufene per qualche secondo (non dipendente dai valori pressione). A volte leggero formicolio a mano sinistra. Credo ci sia di fondo una iperattivita' del sistema simpatico. Non so bene come potrei ripristinare il mio corpo.
Il dottore mi ha dato RAMIPRIL 1.25 mg dicendomi che passato il periodo difficile potrei toglierlo.
Ho anche colesterolemia 260. Peso 78kg-alto 174cm. Mangiavo in modo conpulsivo il pane. Ho eliminato completamente il pane dalla dieta. Ridotto le quantita' di pasta 50gr. Verdura e frutta gia' la mangiavo gia' prima.
Prendo monocolina 10 mg + omega3-6-9 due pastiglie al gg.
Non saprei se un apporto di b12 o altri integratori particolari potrebbero aiutare il mio stato(
Forse triptofano vegetale o fosfatilserina?) .

[#4]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
12% attualità
20% socialità
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Faccia l'Holter pressorio. L'automisurazione nel suo caso può dar luogo a valori fuorvianti. Ovviamente durante la registrazione delle 24 h deve cercare di essere sereno. L'ansia non ha mai aiutato nessuno.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#5] dopo  
Utente
Tutti gli esami risultano negativi. C'e' ogni tanto quache estrasistole BEV . Anche la pressione ora è nella norma. Credo di aver trovato la causa principale del problema : reflusso gastroesofageo/ sindrome gastro-cardiaca che mi crea distrurbi al batttito cardiaco quando disteso/semidisteso. Ci ho messo un bel po' a capirlo perche' ora ho un reflusso piu' forte e quando mi sdraio ho degli episodi di tachicardia o cardiopalmo piu' o meno forti, aria dall'esofago , pesantezza tratto esofago. Ultimanente ho pure dei giorni con pressione piu' bassa di 10 punti (che sia effetto del reflusso sul nergo vago?). Fino a un mese fa avevo intorno 80-83/110-120... ora capitano giorni che la ho 72-106.
Sto attendendo da mesi gastroscopia che avro' a marzo. Quello che ora mi disturba eccetto i problemi di reflusso è che quando mi distendo nonstante il battito cardiaco rimanda invariato in frequenza intorno 50-60 bpm sento il cuore pulsare forte ... in particolare se mi giro sul lato sinistro(lato cuore) il cuore tende aumentare un po il battito (magari arriva a 70bpm )e battere forte ... lo sento cosi' forte in intensita' (non tanto la frequenza ma la forza)che mi infastidisce e mi impaurisce e mi distendo supino non di lato per dormire.
Attualmente sto prendendo vitamina c, vitamine b da inizio anno. Una volta alla set prendo vitamina d3 400ui. Pantoprazolo 20mg.
Ho scoperto che da quando prendo integrazione di vitamina b (in primis b12) ho evacuazione regolare come un orologio ogni giorno mentre prima da sempre avevo dopo 2-4 giorni. Mi sento piu' lucido e meno stressato.
Il fatto di girarsi sul lato sinistro in che modo influisce sul cuore? forse il cuore va a poggiarsi sullo stomaco o sul esofago infiammati e questo gli crea problemi? Impressione intuitiva da non esperto sembra quasi che il cuore per contrastare i disturbi di segnale elettrico creato dal reflusso rafforzi la contrazione (notare che dal ecg i casi bev sembrano generarsi per onda T troppo lieve o disturbata)

[#6] dopo  
Utente
Ho deciso di farmi da solo un esame privato

24hU--/METANEFRINA/norMETANEFRINA , creatinina , colesterolo, psa, eletrroliti

Queste crisi ipertensive che capitano anche se non di frequente non le capisco. L'ultima che ho avuto con picco 160/100 era ancora piu' strana la pressione era alta senza tachicardia. Come se all'improvviso il corpo decidesse mentre guardi la tv di pompare forte per mezzora e poi ritorna normale. A me pare strano che uno ansioso sfoghi ansia con la gittata cardiaca e non con la tachicardia. Come al solito malessere , stordimento , tremore come da febbre , senso di bruciore fronte durante pressione alta. Unico sintomo che non trovo di frequente nella pressione alta è il tremore febbrile che sembra piu' assimilabile ad ansia, almeno da quel poco che so io. Cmq è possibile pure che le due cose siano simultanee perche' mi spaventano queste crisi senza causa apparente. Anche il reflusso non puo' essere secondo me causa perche' non ho sentito extrasistole e il tracciato ecg era normale per quel poco che ho visto. Un altra cosa che secondo me fa pensare a qualche squilibrio ormonale è che quasi sempre le crisi vengono in ora di cena. Non conosco bene i cicli circadiani di rilascio del surrene ma a spanne direi che in quel ora c'e' un incremento perche' il corpo si prepara alla digestione.

Quasi tutti i sintomi sono simile al feocromocitoma. E' raro ma voglio eliminare questa possibilita' dalla lista . Spero di non averlo

[#7] dopo  
Utente
Le metanefrine sono normali. Ma ho trovato purtroppo la causa del mio malessere. Il cuore non c'entra,non c'entra neppure ansia ma ho una sindrome di barret e il cuore a volte ha delle variazioni nel ritmo o pressione a causa del reflusso e iperdistensione gastrica. Anche le temporanee neuropatie del trigemino credo siano legate. Assunzione di vitamina b accelera la guarigione velocemente. Ho una visita oncologica domani. Mese dopo mese mi sento più stanco, senza energie