Utente 414XXX
Gentilissimo dottore, avrei una domanda molto importante da porle circa un mio ecg sospetto, visto che ho l'impressione che il mio cardiologo (con il quale ho un rapporto quasi parentale) mi abbia benevolmente mentito per non esacerbare la mia ipocondria o, spero di no, che non abbia saputo interpretare il referto elettrocardiografico. La questione è questa: nell'ottobre 2017 mi furono refertate da un centro cardiologico anomalie di tipo ischemico in d2, d3, avf, v3, v4, v5. Appurato che tali anomalie si modificassero col respiro dal mio cardiologo di base, fui rispedita a casa con "anomalie di ripolarizzazione aspecifiche". Negli ultimi tempi mi sono informata meglio sulla sindrome di Brugada e ho letto che un sopraslivellamento in v3 (anche in assenza di v1) deve essere preso in considerazione. Quindi ho chiamato il mio cardiologo e ho chiesto se le mie anomalie erano sopraslivellamenti, lui mi risponde "assolutamente no, sono solo invertite le onde T". Allora gli chiedo se si tratta di ripolarizzazione precoce, e mi dice di no. Tuttavia io ho inviato il mio ecg alla sua mail cecchinicuore e lei mi ha risposto che avevo "anomalie del tratto s-t", per cui, dato che sono certa della sua massima oggettività, le chiedo se avevo effettivamente un sopraslivellamento del tratto s-t nelle derivazioni sopracitate. Se non ricorda il mio ecg posso rimandarglielo, gliene sarei davvero grata. Una piccola informazione può salvarmi da questo dubbio sulla sindrome di Brugada che mi sta tormentando... Le auguro serene feste.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
lei ha dei problemi di ansia e di ossessione.
Il suo ecg non ha niente a che fare con la Brugada

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 414XXX

Lo so dottore, sono in cura psichiatrica e ho anche piccoli squilibri elettrici cerebrali documentati da eeg (non è epilessia vera e propria ma devo prendere un farmaco antiepilettico). Può dirmi solo se ricorda se avevo un sopraslivellamento del tratto st nella derivazione v3 oppure avevo solo le onde T invertite? Grazie e mi scusi...

[#3] dopo  
Utente 414XXX

Interpreto la sua non risposta come una conferma al fatto che ho proprio il sopraslivellamento del tratto s-t, e non le onde t negative come ha detto (mentendo) il mio cardiologo. Quindi grazie lo stesso, vorrà dire che cambierò cardiologo

[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei vuole capire cio' che io non ho detto, perche' essendo una persona ossessiva pensa di essere ammalata, cosa che NON e'.
Lei non ha alcun sopraslivellamento.
Come le ho gia' detto piu' volte lei non ha bisogno di un cardiologo.

Con questo il mio consulto finisce qui.

Lei e' liberissima di cercare altre opinioni fra gli altri Cardiologi qui sul sito.

La saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#5] dopo  
Utente 414XXX

Comprendo la sua risposta, e me ne dispiaccio. Ma, vede, si tratta di una mia eccessiva attenzione ai dettagli e ai tecnicismi. Il dubbio era nato dal fatto che, in risposta all'allegato del mio ecg, lei stesso aveva risposto con le seguenti parole: "ha numerose alterazioni del tratto s-t". La frase in italiano rimanda ad un'anomalia che convoglia anche "s", ma nel linguaggio medico ovviamente non potevo sapere che si riferisce solo alle t negative. Perché proprio la Brugada? Perché soffro ormai da 2 anni di fascicolazioni ininterrotte (non ho carenza di minerali) e tra le cause ipotizzate c'è una disfunzione dei canali del sodio. Per la Brugada invece c'è la causa accertata della disfunzione dei canali del sodio, ecco perché avevo pensato ad una sovrapposizione delle due cose in virtù del nesso causale. Grazie se leggerà ancora, e mi scuso per il disturbo.