Utente 435XXX
Gentili Dottori, sono un cardiopatico di 45 anni. Fin da bambino ho sempre avuto il classico soffio al cuore per un difetto della valvola mitralica.
Ho vissuto normalmente senza prendere farmaci fino a due anni fa quando ho avuto un arresto cardiaco. Mi hanno allora impiantato in defibrillatore ICD che, aimé, mi ha dovuto salvare la vita un paio di volte l'anno scorso. Nel maggio 2017 mi hanno riparato la mitralica e da allora sembra non ci siano stati più episodi di FV o FA. A settembre 2017 un holter ha rilevato 1600 battiti ectopici ventricolari isolati poliformi con 16 coppie. Per l'aritmologo non c'era da preoccuparsi. Al quel tempo, oltre al beta bloccante, che prendo ancora, prendevo amiodarone, sospeso poi a metà dicembre 2017. Un nuovo holter, effettuato recentemente, in aprile 2018, indica invece 2 battiti sopraventricolari isolati e ben 4200 battiti ectopici ventricolari isolati con 1 tripletta e 69 coppie. Nel referto è scritto anche "periodi di trigeminismo". Adesso, visto questo incremento di battiti ectopici ventricolari, sono preoccupato, e chiedo qui un parere, visto che la prossima visita aritmologica sarà a giugno.
Sono in terapia con metoprololo 100mg 1/2 cp x2 v. al giorno; pantoprazolo 20 mg 1 cp al giorno; acido folico 5 mg 1 cp al giorno a mesi alterni; triatec 2,5mg 1/2 cp al giorno; coumadin 5 mg secondo terapia. Grazie. Buona giornata e buon lavoro.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il fatto che sia portatore di ICD la deve tranquillizzare.
Puo' darsi che il Collega le proponga di riprendere il Cordarone.
Solitamente , se tale farmaco dovesse creare problemi tiroidei, io prescrivo la mexiletina come antiaritmico ventricolare.
Purtroppo non e' piu' in Commercio ma si trova in preparazione galenica ed e' molto maneggeviole, non avendo evvetti collaterali.

Cordialita'

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 435XXX

Gentile Dott. Cecchini la ringrazio per la risposta.
A dicembre chiesi io di sospendere l'amiodarone perché sebbene i valori tiroidei erano più o meno nella norma, avevo fastidio agli occhi e spesso mal di testa. Le chiedo: non esiste il modo di risolvere il problema chirurgicamente?
So di persone che hanno risolto con un ablazione.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Dipende molto dal tipo di aritmie.
La presenza di un ICD inoltre complica le cose.
La terapia farmacologica che le ho suggerito e' consigliabile

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza