Utente 210XXX
Gent.mi Dottori,

ho 39 anni, non fumo, bevo poco, faccio regolare attività fisica, seguo un’alimentazione corretta e sono piuttosto magro (altezza: 174 cm - peso: 68 kg).
Entrambe i miei genitori e mio fratello soffrono di ipercolesterolemia.
Tengo sotto controllo regolarmente i valori eseguendo ogni anno le analisi del sangue.
I valori del colesterolo totale, del colesterolo ldl e dei trigliceridi sono al di sotto del limite; purtroppo i valori del colesterolo hdl sono sempre sotto i limiti e i valori della lipoproteina-a sempre abbastanza alti, nonostante il corretto stile di vita e l’assunzione di integratori come niacina e l-carnitina. Non ho mai eseguito una terapia farmacologica (statine…), anche sotto consiglio di alcuni diabetologi che hanno analizzato la mia situazione.
Dalle ultime analisi risultano i seguenti valori:
COLEST TOT: 194 mg/dl – COLEST HDL: 44 mg/dl – COLEST LDL: 130 mg/dl – LIPOPROTEINA-A: 742 mg/l
La cosa che più mi preoccupa è la lipoproteina-a che, nonostante gli integratori e il corretto stile di vita, non accenna mai a scendere.
La mia domanda è se convenga o meno iniziare una terapia farmacologica o continuare con il corretto stile di vita tenendo sotto controllo i valori, consapevole del fatto che comunque i valori del colesterolo hdl e della lipoproteina-a non vedono miglioramenti. Questo anche in considerazione dei problemi che i miei familiari hanno avuto a causa della dislipidemia.
Ringraziando anticipatamente porgo i miei più cordiali saluti
Alex

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Tali valori non scenderanno mai, neppure con i farmaci.
La regolare attivita' fisica che sta gia' facendo e' l'unico antidoto

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 210XXX

Grazie mille dottore,

secondo lei quindi iniziare una terapia leggera a base di statine (come consiglierebbe il mio medico di base) non avrebbe senso giusto?

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non ha un grande senso perche' il colesterolo totale e' normale , la frazione LDL modestamente aumentata.
Puo' aver senso in senso generico per proteggere l'endotelio, li dove si forma la placca.
L 'importante e' assumere quotidianamente piccole dosi di aspirina

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza