Utente 494XXX
Buongiorno gentili Dottori,
Vorrei chiedervi due informazioni:
1) A mia madre, qualche anno fa, le è stato diagnosticato un blocco di branca sinistra e mio padre, è "affetto", ormai da molti anni, da ipertensione. A mia madre, dopo diversi controlli negli anni, non è stato riscontrato nessun altro tipo di problema al cuore (quindi il BBS non è associato a nessuna malattia o problema al cuore). Mio padre, invece, assume da anni la classica pillola anti-ipertensiva. Detto ciò, vorrei chiedere se il blocco di branca sinistra (non associato ad altri problemi cardiaci) può incidere negativamente sulla quantità e sulla qualità della vita e se mio padre, pur assumendo una adeguata pillola anti-ipertensiva che stabilizza la pressione, che rischi corre.

2) Avendo dei genitori con queste "caratteristiche", è molto probabile che un giorno possa soffrire anche io di questi problemi? Quindi, ciò che vorrei sapere è: il BBS e l'ipertensione hanno natura ereditaria?

Grazie mille.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il BBsin di per se' si associa ad una quantita' di vita e qualita' di vita normali. Gliel'ho gia' scritto il 3 agosto scorso...

Un BBsin in una donna senza cardioptia apparente va sempre indagato attentamente...( ha eseguito una scintigrfia da sforzo? una TC coronarica?)

Mentre c'e' familiarita' sicuramente per la ipertensione questa non c'e' per il BBsin

Mantenga pertanto i valori rpessori entro i 120/70 mmHg, non fumi , porti il coleterolo totale sotto i 200 mg/dl e LDL al di sotto di 100 mg/dl

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 494XXX

Grazie per la risposta,Dottore.
Comunque, non so con precisione quali esami ha effettuato mia madre, ma so con certezza che ha effettuato negli anni vari controlli e non le è stato mai diagnosticato alcun tipo di problema al cuore se non, appunto, il BBsin. Cosa vuole intendere con: "Un BBsin in una donna senza cardioptia apparente va sempre indagato attentamente.."? Più precisamente, vorrei capire perché il BBsin deve essere indagato attentamente, anche se a mia madre non è stato riscontrato nulla di anomalo a parte il BBsin nei vari controlli negli anni.
P.S.: tempo fa, leggendo un referto di mia madre ho letto una cosa del genere : "non si necessita di ulteriori esami, in quanto il rischio è pressocchè pari a 0". ( non so se può esserle d'aiuto).
Mille grazie.
Distinti saluti.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Un BBsin puo' essere un equivalente ischemico, ecco perche' vannoe seguito esami per escludere un eventuale problema ischemico (scintigrafia da sforzo o TC coronarica.

Una frase del tipo "non si necessita di ulteriori esami, in quanto il rischio è pressocchè pari a 0" , non ha alcun senso.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 494XXX

Grazie ancora Dottore.
Quindi, da ciò che ho capito, per escludere problemi ischemici non bastano normali ecg ed ecocardiogrammi?

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Assolutamente no....

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 494XXX

Mi perdoni se continuo a disturbarLa,
un'ultima domanda: per quanto riguarda l'ipertensione, se si assume una adeguata pillola anti-ipertensiva associata ad un buon stile di vita, i rischi sono sempre più alti rispetto ad una persona non affetta da ipertensione oppure sono gli stessi di una persona non affetta da ipertensione?

[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
I rischi si riducono ovviamente ma non si azzerano.
Le ricordo, a tale proprosito, che i valori pressori a riposo debbono essere mantenuti al di sotto dei 120\70 mmHg.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#8] dopo  
Utente 494XXX

Certo, Dottore, so benissimo che in ogni caso una percentuale di rischio è sempre presente per tutti, ma ciò che volevo capire è se i rischi che corre una persona affetta da ipertensione (curata con pillola anti-ipertensiva e stile di vita adeguata) risultano gli stessi che corre una persona NON affetta da ipertensione.

[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Come le ho detto RIDUCE il rischio di incorrere in patologie cardiovascolari ma non le impedisce così come
Un diabetico ben curato ha sempre un rischio in più rispetto ad un non diabetico
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#10] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
I rischi si riducono ovviamente ma non si azzerano.
Le ricordo, a tale proprosito, che i valori pressori a riposo debbono essere mantenuti al di sotto dei 120\70 mmHg.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#11] dopo  
Utente 494XXX

Buongiorno Dott. Cecchini,
Mi perdoni se la disturbo nuovamente, ma ho ricordato che tempo fa Le chiesi già quali rischi poteva correre una persone che soffre di ipertensione, ma curata adeguatamente con una pillola anti-iperntensiva e adeguato stile di vita e Lei mi rispose testuali parole: " una persone che assume una adeguata pillola antiipertensiva torna ad avere i rischi di persone dello stesso sesso ed età..". Per tale motivo, non riesco a capire la discordanza tra questa risposta che mi ha dato tempo fa e la risposta che mi ha fornito in questo post. Forse non avrò ben capito io! Quindi, alla fine vale la Sua risposta dell'altra volta (una persona che cura adeguatamente l'ipertensione ritorna ad avere gli stessi rischi di persone con stesso sesso ed età) oppure quella che mi ha dato in questo post (una persona che cura adeguatamente l'ipertensione ha, comunque, un rischio in più rispetto a chi non soffre di ipertensione)?
Grazie mille.
Distinti saluti.

[#12] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Dipende da quando inizia la terapia ipertensiva.
Se si inizia piuttosto tardi la ipertrofia si e' gia creata e la terapia riesce solo a contrastare il peggioramento

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#13] dopo  
Utente 494XXX

Ora ho capito, Dottore.
Allora per avere una risposta certa, Le spiego meglio le caratteristiche: mio padre, ha scoperto di soffrire di ipertensione almeno 20 anni fa e da quel momento ha iniziato la terapia ipertensiva. Da allora, ha effettuato molte visite cardiologiche ed anche visite cardiologiche "sportive" (in quanto pratica regolarmente sport come corsa e ciclismo) ed è sempre risultato tutto nella norma, nel senso che non sono stati riscontrati problemi al cuore. Detto ciò, significa che non ha subito danni al cuore a causa dell'ipertensione, giusto?

[#14] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Dipende dalle misure del ventricolo sinistro che risultano all'ecocolordoppler cardiaco, cioe' se sia presente o meno ipertrofia ventricolare e se i volumi ventricolari siano normali.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza