Utente 503XXX
Soffro di ipertensione. Nello specifico, in condizioni standard la massima si attesta sui 140-135, mentre la minima è tendenzialmente 90-87. Il problema è che, per imput esterni, schizza, inizio a sudare diffusamente e i battiti accelarano. Quanto appena scritto è eccessivo rispetto alla normare reazione all'imput attesa. Non credo di essere ansioso "mentalmente", anzi, i miei conoscenti mi descrivono come una persona calma in questo senso (almeno esternamente) sudore a parte.

Soffro di iperidrosi a mani e piedi che praticamente sono costantemente bagnati. Nel resto del corpo sudo più della media.

non sempre mi sveglio riposato, di notte mi sveglio sempre una volta per andare in bagno. Raramente anche due. Non prendo sonno facilmente e se vorrei dormire il mattino non ci riesco.

La mia concentrazione, se pur buona quando c'è, non è sempre stabile. Ma questo può essere dovuto al mio sonno. (non prendo caffè)

Qualche anno fa, per via di riscontri pressori elevati, mi hanno fatto una serie di analisi e sono giunti ad una conclusione: una eccessiva attività del simpatico. Ai tempi il medico disse che non se la sentiva di darmi betabloccanti (se ricordo bene) vista la mia giovane età. In quei giorni mi diedero Triatec (un dosaggio basso) ma sostanzialmente inutile. Mi disse che non era una soluzione, di continuare a monitorarmi e continuare a fare sport. Troppo presto quindi un nulla di fatto.
Non sto prendendo il triatec.

Mi chiedo, credete che mi aspetteranno i betabloccanti oppure sono presenti altre vie?
Spero di non aver sbagliato sezione, non sapevo se endocrinologia o neurologia. In caso, perdonate la mia ignoranza.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il beta bloccante , da ciò che lei h scritto è il farmaco perfetto per lei

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 503XXX

La ringrazio per la cortese risposta.
Quindi teoricamente (con i dovuti se e ma del caso) il beta bloccante giusto potrebbe porre rimedio contestualmente ai problemi elencati, specie ipertensione ed iperidrosi.
Ero solo un po' intimorito dai possibili effetti collaterali. La colpa non è mia, ma del modo in cui le informazioni vengono esposte in rete nella maggior parte de casi.

La saluto e ringrazio.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L’amore maggior parte della gente che scrive in rete non sa di cosa si parli specie quando si parla di farmaci.
I beta bloccanti sono conosciuti ed impiegati da molti decenni e sono farmaci formidabili.
Proprio perche efficaci occorre saperli usare.

Tutto qui
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza