Utente
Buongiorno dottori, vi espongo rapidamente la situazione per ottenere un chiarimento e una possibile guida su come agire in caso:

Stanotte, intorno alle 5:00, mi sono svegliato a causa di palpitazioni molto forti, sudorazione e battito accelerato (battiti credo non superiori ai 100, comunque). L'episodio è durato una ventina di minuti e si è risolto pare eruttando numerose volte. Mi capita spesso di percepire il battito del cuore quando sono steso, mentre da seduto o in piedi mi capita molto raramente. I miei battiti a riposo sono fra i 58 e i 65 nonostante sia un tipo sedentario, con aumento a 75-80 quando ho problemi gastrici. Sin da piccolo ho effettuato molti ECG, un ecocardio da ragazzo e due prove da sforzo (una intorno ai 13 o 16 anni e l'ultima nel 2018) a causa di una madre molto ansiosa e ipocondriaca che mi ha un po' condizionato durante la crescita psicologica, comunque ogni esame è sempre risultato negativo, anche gli ultimi ECG e test da sforzo fatti nel 2018 a causa di fitte al torace, dolore braccio sinistro e vertigini che mi hanno portato a visitarmi. Premetto che sono un soggetto ansioso e soffro di disturbi gastrici a causa di una possibile ernia iatale che dovrei confermare tramite gastroscopia appena riuscirò a trovare la forza psicologica per affrontarla (sin da piccolo ho sempre avuto la forte fobia del soffocamento e dello svenimento, quindi gastroscopia e sedazione sono le mie nemiche naturali assolute). Non bevo, non fumo, faccio vita sedentaria come già detto sopra, ho alcuni zii con problemi cardiaci dove uno è morto all'età di 40 anni, ma si trattava di un forte fumatore. I miei genitori non sembrano avere patologie particolari, quindi, da ignorante in materia, non credo di poter parlare di familiarità per quanto riguarda patologie cardiache. Avviandomi alla conclusione, le mie richieste sono queste: secondo voi dovrei fare altri esami cardiologici per identificare meglio queste palpitazioni notturne o sarebbe il caso di chiudere il capitolo cuore e concentrarmi principalmente sulla componente psicologica e/o gastrica? Vi ringrazio per l'attenzione e come sempre un ringraziamento particolare per il servizio che offrite e per la professionalità che mostrate.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Mi pare che la causa gastro esofagea giustifichi il tutto.
Esegua una gastroscopia.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta, Dottor Cecchini. Le auguro una buona giornata.

[#3] dopo  
Utente
Buongiorno dottore, premetto che sono in attesa della visita gastroenterologica, vorrei farle rapidamente una domanda: ieri notte ho avuto un nuovo episodio di palpitazioni notturne e gonfiore allo stomaco, questa volta accompagnato da tachicardia ma credo fosse più dovuta allo spavento per l'essermi svegliato di soprassalto. La mia domanda è: questi episodi, nel tempo o nell'immediato, possono provocare qualche danno cardiaco? Come sempre la ringrazio per l'attenzione.

[#4]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Nessun danno cardiaco.
Sono solo fastidiosi

Arrievderci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#5] dopo  
Utente
Buonasera dottore, mi perdoni per l'ennesimo disturbo, ma ho trovato per caso la cartella dell'ultimo test da sforzo al cicloergometro eseguito il 17/01/2017 e gradirei un suo parere:

"Il paziente si è esercitato secondo il WHO per 5:47 min:sec, ottenendo un livello di lavoro di Carico Max.: 75 Watt. La frequenza cardiaca a riposo inizialmente era di 139 bpm; è salita ad una frequenza cardiaca massima di 176 bpm, che rappresenta il 103% della frequenza cardiaca massima prevista per l'età. La pressione sanguigna a riposo era di 120/80 mmHg; è salita ad una pressione sanguigna massima di 150/80 mmHg. Il test di esercizio è stato arrestato a causa di Esaurimento muscolare.

Interpretazione

Sommario: ECG a riposo: Ritardo aspecifico destro..
Capacità funzionale: corrispondente all'età.
Variazione FC sotto sforzo: Eccessivo incremento cronotropo..
Variazione PA sotto sforzo: A riposo: normale - variazione normale.
Disturbi tipo angina pectoris: nessuno.
Aritmia: nessuna.
Variazione tratto ST: nessuno.
Impressione complessiva: Prova da sforzo normale.

Conclusioni

Test ergometrico massimale, a medio carico lavorativo, negativo per ischemia miocardica o aritmie indotte dallo sforzo.
Eccessivo incremento cronotropo da stato d'ansia."

In conclusione: secondo lei, poiché questo test da sforzo risale al 2017, sarebbe il caso di ripeterne un altro, magari insieme ad altri esami cardiologici prima di concentrarsi sulla componente gastrica? O dovrei concentrarmi sulla componente gastrica e mettere da parte o comunque rimandare eventuali esami cardiologici?

Con questo rinnovo i miei ringraziamenti e la saluto cordialmente, in attesa di una sua risposta.

[#6]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei non ha niente al cuore

Curi l ansia

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza