Utente 545XXX
Buongiorno gentili medidi di MedicItalia, sono un ragazzo di 31 anni, diagnosi di depressione moderata e attacchi di panico, in cura da circa una settimana e mezzo con cipralex 10gocce/dì, solo da 4 giorni ho raggiunto la dose piena, ho episodi di tachicardia improvvisa (fino anche a 140-150 BPM) con vampate di calore e sensazione di morte imminente, stamattina, dopo l'ennesima "crisi" ho fatto un ECG in farmacia, anche se "purtroppo" solo dopo che la frequenza era calata un pochino, dal risultato dell'ECG mi viene comunicato: "TACHICARDIA SINUSALE A 100 BPM. ALTERAZIONI SECONDARIE DEL RECUPERO. QT: 340 msec; QTc: 430 msec (ai limiti alti della norma)."
Volevo chiedervi, ai limiti del consulto online, se i valori da me riportati sono "preoccupanti", siccome ho letto che il Cipralex porta (anche se raramente) ad un allungamento del tratto QT, volevo sapere sE PUò essere l'influenza del farmaco ad aver "alterato" tali valori.
Vi ringrazio anticipatamente della disponibilità.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L' ECG e' come un film e va visto per sapere se sia bello o brutto, non ci si puo' certo fare un'idea in base a cio' che pensano gli altri.
Se vuole me lo puo' inviare alla mia posta elettronica a patto che sia completo dei dati anagarfici, databe leuogo di esecuzione.
Altrimenti, per ovvi motivi medico legali, non potro' esprimere alcuna opinione.

mail cecchinicuore@gmail.com
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 545XXX

La ringrazio della celerità dottore, glielo invio subito.