Utente 184XXX
Buongiorno.

Avevo già scritto il 14/5 scorso, con conseguenti cortesi e sollecite risposte del Dott. Cecchini. Ora aggiorno il tutto con qualche aggiunta.
Ho quasi 56 anni sono alto 1.795 m e peso 78 kg (l'altezza riportata precedentemente era errata e il peso ora è diminuito).
In seguito a ipertensione non controllata l’holter cardiaco aveva evidenziato dei sottoslivellamenti di ST con inversione della T asimmetrica nelle deriv. Sin e infer. - F.c. min 48 f.c. max 133 -Sokolow 110 e l’ecocardio aveva dato questo esito :

Ventricolo sx di dimensioni nei limiti DTD 51 mm con ipertrofia concentrica SIV 15 mm PP 12 mm. FE 60%.
Valvola aortica tricuspide con conservato movim. di ap. e chiusura.
Aneurisma del bulbo aortico 40 mm. Aorta ascendente 36 mm. Atrio sx di dimensioni nei limiti 34 mm. Mitrale ispessita con normale movim. di ap. e chiusura, E/A < 1. Sezioni dx normali. PAPs normale. VCI normale 21 mm normocollassabile. Assenza di versamento pericardico.

Il medico mi ha quindi detto che ho una moderata ipertrofia ventricolare da ipertensione anche dovuta al fatto che sono altamente ansioso .In seguito ho fatto le analisi del sangue compreso i parametri renali più un’ecografia renale , tutto con risultati ottimi senza valori alterati.
Quindi il mio medico mi ha dato da prendere 1cp al mattino di ramipril 10 mg che assumo da più di un mese .
Nel frattempo mi è ritornata una non piccola sindrome ansiosa che già tanti anni prima avevo avuto.
Le misurazioni della pressione durante questo mese però , nonostante il ramipril e molto dovuto all’ansia secondo il mio medico , riportavano spesso una pressione minima tra 95 e 105 (qualche volta anche più alta in preda all'ansia vedendo tali valori) con una massima praticamente sempre buona e con battiti frequentemente intorno ai 100 in piedi mentre a riposo sempre sotto i 90 tranne qualche mattina appena alzato che arrivavano anche a 110/120 (frequenza che ho anche sulla cyclette ad andatura moderata (circa 16 km/h con resistenza pedali media)).
In seguito a tutto ciò il mio medico ha deciso per ora di associare al ramipril 10mg anche 7 gocce mattino, pomeriggio e sera di bromazepam 2,5 mg/ml e una cp da 80 mg di sotalolo da dividere 40mg al mattino e 40 mg la sera, terapia da rivedere a settembre/ottobre , non ora col caldo, forse per associare al ramipril l'amlodipina al posto del beta bloccante, dato che essa ora , mi ha detto, col caldo porterebbe ad es. a gonfiamenti vari.
Vorrei sapere cosa ne pensate di questo schema terapeutico e se tale dosaggio di sotalolo può portare a qualche disfunzione erettile (anche se non faccio tutto questo sesso) o lo si potrebbe sostituire con altro beta bloccante meno influente su questo o se posso provare solo associando l’ansiolitico per ora monitorando la pressione.
Vi ringrazio moltissimo.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il sotalolo non e' certo tra i beta bloccanti il piu' adatto a controllare valori rpessori; semmai il nebivololo potrebbe giovarle.
Ma noi non possiamo prescrivere terapie per via telematica.
Ne parli con il suo CArdiologo

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 184XXX

Ok.
La ringrazio moltissimo per il suggerimento e La saluto cordialmente.