Utente
Cari dottori,

Dopo mesi pressoché tranquilli, torno a scrivervi perché da venerdì c’è qualche sintomo strano.

Ripartendo all’indietro, dopo un episodio di tachicardia notturna l’anno scorso, ho fatto: svariati ECG, 2 ECO, 1 holter giornaliero e 1 holter settimanale, 1 Tac coronarica.
Il tutto è risultato negativo, a parte l’holter settimanale che ha evidenziato tratti di pr corto.

Siccome i cardiologi che ho visto non erano sicuri del pr corto, ma non volevano rischiare il SEF, mi hanno fatto fare un test dell’adenosina, andando quindi a rilevare con un ECG che non ci fossero vie accessorie.

Risultato: negativo, non vi è alcuna via accessoria,
Quindi tutto tranquillo.


Ora veniamo a venerdì: durante la masturbazione, quando stavo per eiaculare, ho sentito un tonfo allo stomaco, e per circa 15 secondi il mio cuore batteva così: I II III II II II I I I.

Era come un motore che cerca di partire, cioè faceva il battito a mezzo, e recuperava subito con uno o due consecutivi, per poi fare una pausa, rifare questi battiti strani, e una volta fermo ripartire normale.
Il tutto con battito normalissimo a 65-70.

Da allora, dopo 5 giorni, ogni volta che ci riprovo, quando arrivo al momento del piacere succede questo! Non mi succede mentre corro, faccio sport, mangio o altro, solo quando sto per concludere il rapporto! E ovviamente, non riesco a concludere, sia solo che con partner, e questo mi sta veramente facendo impazzire.


Ma perché fa così durante il sesso?
Che meccanismo si è attivato improvvisamente che non riesco più a eiaculare senza avere il cuore che sembra incepparsi?


Non fumo, bevo solo un paio di birre la settimana, e sono 65 kg per 176 cm, non so riesco a cambiare i dati del mio profilo.


Grazie mille per l’attenZione.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
L' holter che ci aveva postato a Luglio dello scorso anno postrava delle extra sopraventricolari anche ripetitive e dei tratti di pre eccitazione.
I disturbi che lei lamenta durante le sue pratiche e' legato a quello, fastidioso ma non pericoloso

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Caro dottore,

Grazie mille per la risposta.
Difatti abbiamo fatto per questa pre eccitazione un test all’adenosina in laboratorio elettrofisiologico che ha confermato che anche non vi è via accessoria manifesta o latente, quindi no WPW o altre tachicardie sopraventricolari. L’elettrofisiologo mi ha quindi detto che il mio PR corto è dovuto ad una via di conduzione rapida tipica dei giovani, perfettamente fisiologica. Avendo poi anche il pr corto intermittente ed isolato, e spesso coincidente con le extrasistoli, quasi sicuramente sono appunto le extrasistoli stesse ad accorciarmelo.

Quello che vorrei capire però è perché improvvisamente così d’un tratto, ha iniziato a scatenarsi questo meccanismo di colpo venerdì, ed ogni giorno che ci riprovo, da 5 giorni mi succede puntuale e uguale per intensità e numero. Sempre con ritmo normale, e sempre
Lì, nulla accade durante sport o altri sforzi. sempre con svariate doppiette o triplette, che mi danno proprio quella sensazione di vuoto d’aria tipica delle montagne russe o dell’aereo. E soprattutto vorrei capire che cosa si può fare al riguardo, perché comunque io gradirei tornare alla mia initmità con la mia partner quanto prima.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Quello che accade lo sa gia', sono banali extra sopraventricolari che mi pare eccessivo trattare con farmaci
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza