Utente
Buongiorno,
vorrei avere per favore un consiglio su come comportarmi.
Come ho già scritto in un precedente consulto, ho una diagnosi di ipertensione del Gennaio 2020 dal "mio" cardiologo della mia città, solo in base ad una misurazione fatta dalla sua assistente che era fuori norma.
Io, ritenendo di non essere iperteso, chiesi di fare un holter pressorio ma lui si rifiutò.
Quindi, più volte al giorno da allora mi sono controllato la pressione con diversi misuratori, ho fatto anche altre visite presso altri cardiologi, anche dal mio medico di base, e sempre la pressione è stata nella norma.
Ho persino acquistato un apparecchio per fare holter pressorio, ne ho fatti due, e tutti e due sono nella norma (uno l'ho fatto vedere a Luglio da un aritmologo durante la visita).
Quindi sono sicuro che da Gennaio 2020 fino alla scorsa settimana, controllandomi la pressione più volte al giorno, ho avuto la pressione nella norma.
Da circa una settimana però, la mattina la pressione, che prima era sotto i 130/80, ora è anche sui 140/90, per poi scendere un po' nelle successive immediate misurazioni, anche se più alta di 130/80.
Ma quello che mi fa pensare sono i picchi di pressione che ho avuto durante una riunione online per lavoro con 200 persone (sono in smart working a casa), sono emotivo ma non pensavo fino aquesto punto: la riunione è durata tre ore e queste sono le misurazioni 179/90, 156/93, 149/99, 152/86, 149/100, 175/109, 169/96, 165/98, 163/100, 126/97, 128/98.

Poi quando è finita la riunione la pressione si è normalizzata 108/68.

Vorrei sapere per favore che dovrei fare?
quei valori capisco da solo che sono alti, e sono sicuro anche che sono pure valori corretti, la macchinetta automatica l'ho confrontata con un'altra automatica, una manuale e persino durante una misurazione professionale da un medico.
Possono essere spiegati solo con una stanchezza da lavoro, mancanza di sfogo (sto chiuso a casa tutto il giorno e sto diverse ore per lavoro al pc), poca attività fisica, e nel caso dei picchi pressori, con emotività e pure arrabbiatura?

A parte i picchi pressori che ho scritto, di sicuro da 7 giorni c'è un aumento della pressione, sia sistolica che diastolica che non ho avuto prima in questi mesi in cui mi sono controllato e che non mi so spiegare.

Per completezza aggiungo che a Luglio 2020 ho effettuato un test da sforzo massimale negativo, ma ci sono stati dei valori pressori alti durante lo sforzo:
"Test interrotto al 88% della frequenza massima teorica.

Clinicamente ed elettricamente negativo per ischemia miocardica indotta.

Normale incremento cronotropo ed eccessivo rialzo pressorio (200/90 mmHg).

Test indicativo per normale tolleranza allo sforzo fisico.

Non si documentano inducibilità di aritmia.
"
A Settembre 2020 mi hanno inserito un loop recorder (su indicazione di un aritmologo) "al fine di monitorare il burden di aritmie atriali (AF/AT) e ventricolari" e durante il ricovero la pressione è sempre stata nella norma.

Grazie
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
sinceramente non capisco perché si sia sottoposto all impianto di un loop,recorder.

detto questo lei probabilmente si gioverebbe di piccole cose di beta bloccanti dati i valori pressorimrefistrati durante un banale stimolo ansiogeno ( riunione)

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dr. Cecchini,
io sono bradicardico, posso prendere lo stesso il betabloccante? ed esattamente quale?


Per quanto riguarda il loop recorder, mi scusi ma non ho capito la Sua frase, il motivo l'ho scritto prima ed è quello riportato nel referto della visita di Luglio:
"al fine di monitorare il burden di aritmie atriali (AF/AT) e ventricolari".
Cerco di spiegare nel dettaglio. Nei diversi holter ecg che ho eseguito da me (con un dispositivo holter mio) e che ho fatto vedere all'aritmologo, ho diversi run sopraventricolari, ma con un totale di sopraventricolari nell'ordine di circa 100 in 24h, una sola micro FA documentata di 45 battiti a Gennaio, alcuni BEV nelle 24h (da 0 a una ventina nelle 24h, nei diversi holter fatti), Di questi BEV alcuni sono relativamente precoci, detto dall'aritmologo. Più precisamente ha detto che NON sono precoci, ma neanche tardivi, li ha definiti relativamente precoci, cadono nella parte discendente dell'onda T del battito sinusale, poco prima che finisca l'onda T. Mi ha fatto fare un'altra RMN, anche perché la precedente, a detta sua, era dubitativa per via di una frase del radiologo che però mi aveva rassicurato dicendomi che non era nulla e di stare tranquillo. Ora anche la RMN che ho fatto poco prima dell'inserimento del loop recorder è negativa. Ricordo quasi esattamente quello che mi ha detto l'aritmologo a Luglio, quando io gli ho espresso le mie titubanze all'inserimento del loop recorder: "io non faccio il mago caro mio, non posso fare una prognosi senza una RMN e un loop recorder che monitori ..." o qualcosa di molto simile. Io ho subito circa due anni fa un'ablazione di focus ectopico fascicolo posteriore ventricolo sinistro, effettuata da un altro aritmologo presso un altro centro.
Detto questo, potrebbe per favore spiegarmi quello che Lei mi ha scritto? pensa che sia stato eccessivo inserire il loop recorder?

Grazie
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Sinceramente penso che sia stato eccessivo l impianto di un loop,recorder per banali aritmie come le,sue.

Non so che frequenza media lei abbia all holter ; certo un beta bloccante come il nebivololo le,sarebbe utile .

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno Dr. Cecchini,
queste sono le frequenze di un recente holter di Settembre in una giornata in cui non ho fatto attività fisica tranne qualche rampa di scale più volte al giorno, ma subito dopo un periodo di diverse settimane in cui ho fatto molto nuoto a mare, sicuramente ora sono a frequenze un po' più alte:
HR media: 62
HR min.: 40
HR max.: 112

Posso lo stesso assumere il betabloccante?
Se sì, non le chiederò la posologia perché so che è contrario alle regole di Medicitalia, ma cercherò di farmelo prescrivere alla prossima visita di controllo a fine mese, sperando sia possibile visto il lockdown.

Grazie anche per il Suo parere riguardo il loop recorder, era quello che pensavo anche io e devo dire che il loop che mi hanno inserito, dopo aver studiato il manuale tecnico e parlato telefonicamente con un tecnico dell'azienda che lo costruisce, non rileva i run sopraventricolari, né semplici BEV, anche se frequenti. Quindi non capisco come si possa valutarne il burden come mi ha detto questo aritmologo. Sicuramente però rileva eventuali micro FA che dovessi avere, come quella che ho avuto. Cercherò di chiarire al prossimo controllo.


Cordiali saluti