Utente 435XXX
Buongiorno,
Sono una ragazza di 21 anni, studentessa di infermieristica e giocatrice di pallavolo.
Da qualche mese ho iniziato ad avere dei tremori alla mano destra, in particolare facendo certi movimenti. La situazione ultimamente è peggiorata, così ho fatto un'elettromiografia (negativa) e un rx cervicale che ha evidenziato una rettilinizzazione del rachide. In questo ultimo mese il tremore è evidente quando la mano è in posizione supina e si sono aggiunti dolore e rigidità nello scrivere, nell'aspirare con la siringa e quando gioco. La rigidità mi sta dando molti problemi, a volte sento delle scosse a livello del pollice.
Avrei dovuto fare una risonanza magnetica cervicale ma per claustrofobia non sono riuscita. Cosa devo fare? Dovrei vedere un fisiatra?

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

i tremori potrebbero indicare un semplice problema di ansia oppure avere una causa neurologica (difficile alla sua età).

Mi farei eventualmente vedere dal neurologo, per escludere entrambe queste eventualità.

Certamente, non mi sembra trattarsi di un problema di tipo chirurgico (inteso come chirurgia della mano).

Buona giornata.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#2] dopo  
Utente 435XXX

Grazie per la risposta,
Ho già effettuato la visita dal neurologo con esiti negativo.
Il.mio medico di base ha consigliato di vedere un fisioterapista per rinforzare la muscolatura della spalla e del braccio, attribuendo il problema ai continui insulti fisici dovuti allo sport.
Secondo lei devo porre il quesito in un'altra sezione?

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Provi in medicina fisica e riabilitativa.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale