Utente 510XXX
Salve a tutti dottori , sono stato operato per condilomatosi anale e rettale il 19 novembre , quindi 12 giorni fa , avevo una vasta zona coinvolta , trattata con rimozione chirurgica , anche in zona dello sfintere , perianale , e all interno del retto. . . Ho avuto molto dolore , trattato con Moment act , sto trattando la zona con ozonia 15 , dentro e fuori , come mi ha detto il chirurgo . . . Ora volevo dire che ho delle vere e proprie difficoltà ad andare in bagno ancora oggi , dal giorno dell intervento ad ora ho evacuato solo tre volte , il dolore è fortissimo , e perdo ancora sangue solo quando defeco , so che è normale , ma mi chiedevo , dopo quanto tempo potrò tornare ad avere un evacuazione normale ? Ci vorrà ancora molto per riprendermi ? Indicativamente quali sono i tempi di ripresa da questo intervento ? Sto assumendo verapamil per cefalea a grappolo e questo potrebbe rallentare la guarigione ? Mi sento davvero un morto che cammina . . . Tra L altro vedo che i condilomi si sono già ripresentati , c’è un modo di agire meno invasivo per le prossime rimozioni ? Grazie, vi prego di aiutarmi. Ah dimenticavo sono un ragazzo di 26 anni :)

[#1]  
Prof. Marco Catani

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Buongiorno e buona domenica,

lei capirà che lo strumento che stiamo utilizzando pone dei grossi limiti sia nel capire, interpretare e poter alla fine dei consigli.
Che ci voglia molto tempo per poter arrivare alla guarigione dal trauma chirurgico che ha subito, è fuori di dubbio.
Il fatto che lei affermi che si siao già "ripresenti" i conditomi, può essere reale ma potrebbe essere anche una scelta terapeutica decisa dal chirurgo. questo modo di agire si potrebbe intraprendere in vaste estensione di condilomi, dove l'asportazione completa potrebbe comportare un interessamento massivo della regione,
Il fatto che lei continui a perdere sangue dall'ano solo dopo la defecazione è segno che la ferita ancora non è chiusa.
Credo che sia banale, ma ripetere magari potrebbe essere utile: potrebbe prendere dei prodotti che possano rendere le feci meno compatte in modo tale che il passaggio, durante la defecazione, sia meno doloroso.
ci faccia sapere
ps consulti anche il suo chirurgo
cordiali saluti
Marco Catani
http://www.marcocatani.it
Il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale