Sensazione spilli arti inferiori

Buonpomeriggio,
Mi rivolgo a voi per un disturbo che non passa.
Da un mese avverto sensazione di indolensimento agli arti inferiori, come se indossassi un gambaletto, e in corrispondenza piedi freddi.
Stamattina mi son svegliata e da quel momento avverto una sensazione di aghi (da sotto il ginocchio fino alla caviglia, e ogni tanto leggermente all'inguine) . . . Premetto che da una settimana assumo daflon 500 per 2 volte al giorno, perche due anni fa lavorando all'inpiedi mi fu consigliato per il loro gonfiore.

Sarei grata per una consultazione in merito.

Ringraziando anticipatamente
Auguro buona giornata
[#1]
Dr. Lucio Piscitelli Chirurgo vascolare, Chirurgo generale, Chirurgo d'urgenza 6k 229 22
CON I LIMITI DI UN CONSULTO A DISTANZA

Gentile Utente,
la sua condizione potrebbe esere ascrivibile a cause diverse e da vagliare con opportuno approfondimento.
Se le parestesie (sensazione di puntura) potrebbero riconoscere un'origine nevritica, il gonfiore e le parestesie associate richiamerebbero invece l'ipotesi di una patologia venosa.
Ha mai praticato un ecocolordoppler?

Lucio Piscitelli
https://www.medicitalia.it/luciopiscitelli/#sede_1
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentilissimo dottore,
Innanzitutto la ringrazio per avermi risposta.
Due anni fa lavorando per molto tempo all'inpiedi con conseguente gonfiore ai piedi, effettuai un ecocolordoppler :
DESTRA:visualizzato l'asse femoro-popliteo profondo che appare normale per decorso e calibro con flusso euciclico con gli atti del respiro. CUS realizzabile su tutto l'asse esplorato. Vena Safena Interna pervia con lieve incontinenza lungo tutto l'asse. Collaterali sovrafasciali di coscia e di gamba pervi e incontinenti. Vena Safena Esterna pervia normale per decorso e calibro e continente. Pervie e continenti le perforanti di Dodd, Boyd e Cockett.

SINISTRA: Visualizzato l'asse venoso femoro-popliteo profondo che appare normale per decorso e calibro con flusso euciclico con gli atti del respiro. CUS realizzabile su tutto l'asse esplorato. Vena Safena Interna pervia con lieve incontinenza lungo tutti l'asse. Collaterali sovrafasciali di coscia e gamba pervi e incontinenti. Vena Safena Esterna pervia normale per decorso e calibro e continente. Pervie e continenti le perforanti di Dodd, Boyd e Cockett.

Mi fu consigliata, almeno per i giorni in cui dovevo lavorare svolgendo quella mansione, una calza elastica e massaggi con gel accompagnati da una terapia con " daflon 500" per un mese 1 sera e 1 mattino ed altro mese 1 al giorno.

Dopo la terapia non ho riscontrato più il disturbo.

Ad oggi, la situazione è cambiata.
Dato il momento pandemico, svolgo poco movimento, opero al pc..

I piedi non si gonfiano, ma avverto di continuo la sensazione di puntura (all'interno coscia e al di sotto del ginocchio) ed almeno una volta al giorno la sensazione di calza stretta a partire da sotto il ginocchio.

C'è da dire che ho riscontrato una discopatia lombare l4-l5, ma a me preoccupa la situazione circolatoria in tal caso.

La ringrazio anticipatamente di cuore per un suo consulto,
Augurandole una buona giornata
[#3]
Dr. Lucio Piscitelli Chirurgo vascolare, Chirurgo generale, Chirurgo d'urgenza 6k 229 22
Alla luce di quanto ha aggiunto una rivalutazione flebologica potrebbe essere indicata.

Lucio Piscitelli
https://www.medicitalia.it/luciopiscitelli/#sede_1
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#4]
dopo
Utente
Utente
Non so se per fortuna o meno, il problema sarebbe causato dalla schiena, associabile ad uno schiacciamento della vertebra lombare e forse da una ernia. Mi è stato consigliato di ripetere una risonanza.

Non so se in quel caso potrebbero esserci problemi con qualche arteria lungo il midollo osseo,sottostante la vertebra, che magari potrebbe essere soggetta a compressione.. Potrebbe essere una causa per la sensazione di parestesia?

Ne approfitto per ringraziarla per la sua disponibilità e tempestività.
[#5]
Dr. Lucio Piscitelli Chirurgo vascolare, Chirurgo generale, Chirurgo d'urgenza 6k 229 22
L'origine vertebro-radicolare dei sintomi parestetici è verosimile.
Esistono osservazioni secondo le quali la dilatazione di plessi venosi periradicolari potrebbe comportare una stimolazione della radici nervose, ma la eventuale conferma di una patologia già definita ("schiacciamento di una vertebra lombare e forse un'ernia") potrebbere far propendere più verosimilmente per questa seconda ipotesi.
Il gonfiore resta più facilmente attribuibile alla insufficienza venosa rilevata all'ecocolodoppler di cui ha riferito ("lieve incontinenza delle safene").

Lucio Piscitelli
https://www.medicitalia.it/luciopiscitelli/#sede_1
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa