Utente
Gent.mi dottori e professori,
vorrei porgervi il mio caso che mi sta dando non pochi grattacapi.
Innanzitutto io sono un ragazzo di 21 anni, sportivamente ben allenato, e che gestisco regolarmente la mia alimentazione.
Causa esame universitario, nell'ultimo periodo (oltre a notevole stress) ho consumato moltissimi caffè e the in lattina.
Unici "vizi" alimentari sono rappresentati dalla preferenza di carni rosse a quelle bianche e il mangiare tendenzialmente piccante ( ammetto che l'uso del peperoncino è assai frequente nel mio pranzo).
Ma giungo al problema: Venerdi scorso mi si sono presentate emorroidi. Inizialmente non sanguinanti, poi da circa 4 giorni è subentrato il sanguinamento.
Ho dunque iniziato a prendere preparazione H e Daflon 500, con risultati altalentanti: le emorroidi si sgonfiavano e rigonfiavano. Poche ore fa uno strano episodio. In seguito ad uno starnuto ho contratto improvvisamente i muscoli anali e il sanguinamento è aumentato copiosamente, ma solo per poco. Trascorse un paio d'ore mi sono recato in bagno per defecare e, al termine effettuando operazioni di pulizia, oltre a notevole sangue, ho in pratica staccato (ma senza forzare assolutamente) un piccolo pezzo di "carne" dalle emorroidi, e ora il dolore è decisamente inferiore e il fastidio quasi nullo.
MI scuso per la spartanità con la quale ho enunciato il problema, ma in primis quest'ultimo evento mi ha lasciato un po'sbigottito!
vi ringrazio per la cortese attenzione

[#1]  
Dr. Marco Catani

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
gentile utente,

credo sarebbe opportuno sottoporsi a visita modica dal suo medico curante se espero di questa patologia o da uno specialista che potrebbe essere consigliato dal curante stesso se lui non fosse esperto.

la valutazione a distanza soprattutto in questi casi è estremamente fallace.

ho il sospetto che anche i medicamenti che lei ha cominciato ad utilizzare non siano stati prescritti da un medico, essendo viceversa frutto di una autoprescrizione.

le consiglio comunque di azzerare l'uso del peperoncino, per lo meno in questo periodo.

mi tenga informato.

cordiali saluti
Marco Catani
http://www.marcocatani.it
Il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#2] dopo  
Utente
Gent.mo Prof. Catani,
per prima cosa La ringrazio per la risposta.
Le devo però annullare il sospetto dicendo che i medicamenti mi sono stati prescritti dal mio medico curante.
Obiettivamente devo ammettere che stamane, anche dopo le ore di sonno, la situazione è immutata ( molto meno fastidio e dolore in diminuzione).
Certamente provvederò a prenotare una visita presso uno specialista, ma era mia curiosità (e per tranquillizzarmi) avere qualche delucidazione in più in tempi abbastanza brevi ( e comprendo quanto sia difficile effettuare una diagnosi a distanza).

RingraziandoLa nuovamente, Le porgo i miei più cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Marco Catani

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
gentile utente,

mi fa veramente piacere la sua risposta, mi deve perdonare ma spesso accade che le persone a volte chiedendo ad amici o parenti leggendo anche su internet decidano di assumere farmaci senza "passare" dal medico.

è verosimile che possa trattarsi di patologia emrroidaria.

mi tenga informato

cordiali saluti
Marco Catani
http://www.marcocatani.it
Il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#4]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
Le ricordo che i nostri consulti non sostituiscono la visita medica, come gia' segnalato dal collega Catani.
Ma probabilmente quello che lei ha rimosso(un piccolo pezzo di "carne" dalle emorroidi) era un trombo emorroidario fuoriuscito e "munto", con le manovre di pulizia, da un vaso emorroidario congesto,trombizzato ed ulcerato."L'espulsione" di tale trombo, accompagnato dal sanginamento, ha ridotto la tensione del gavocciolo emorroidario trombizzato e la sintomatologia dolorosa ad esso collegata. La visita coloproctologica e la proctoscopia sono indispensabili per una conferma ed una precisa valutazione del grado di prolasso emorroidario.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#5] dopo  
Utente
Ringrazio sia il Dott Catani, sia il Dott Oriano per il vostro aiuto.
Certo, sono ben conscio che sia indispensabile una visita specializzata. Infatti nella precedente risposta al Dott. Catani affermavo io stesso che avevo necessità di soddisfare una mia curiosità, in attesa di una visita specialistica, ed eventualmente attuare qualche consiglio da Voi proposto.

Vi ringrazio ancora per le risposte.

[#6]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
Le sembrera' poco ma, in attesa della visita coloproctologica e oltre ai farmaci prescritti dal suo medico curante, solo abluzioni o semicupi con acqua calda.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com