Utente
Saluto tutti con la certezza di avere una risposta alla mia domanda.

Sono un uomo di 48 anni. Da circa un anno e mezzo ho saltuarie perdite di sangue rosso vivo durante la defecazione. Ultimamente però queste perdite si sono fatte più frequenti ed abbondanti per cui mi sono deciso ad andare da un chirurgo proctologo che mi ha diagnosticato, dopo visita ed anoscopia, un prolasso mucose rettale di III grado.

Per risolvere il problema mi ha consigliato un intervento chirurgico con tecnica longo, utilizzando il cosiddetto stapler. (ovviamente dopo aver eseguito prima dell'intervento una colonscopia)

La cosa, però, su cui sono rimasto perplesso è che il chirurgo mi ha informato che a seconda dei casi può utilizzare anche due stapler monouso ad intervento.

La informazione mi giunge nuova in quanto, documentandomi, ho letto che si utilizza solo uno stapler ad intervento. (Ciò però non significa niente perché ovviamente non sono medico, né ho avuto modo di consultare un altro chirurgo)

Qualcuno può chiarirmi se con la tecnica Longo, per casi analoghi al mio, si possono utilizzare anche 2 stapler ad intervento?

Vi ringrazio anticipatamente per i chiarimenti che vorrete fornirmi.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Si', e' possibile utilizzare un doppio Stapler. Ma lei non si preoccupi della tecnica utilizzata: quelli sono argomenti per gli addetti ai lavori... Pensi soprattutto ad affidarsi ad un Centro che abbia buona esperienza nel campo: questa e' la garanzia migliore che puo' avere per la buona riuscita dell'intervento.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Dr. Spina La ringrazio per il suo intervento.
Non mi preoccupavo della tecnica che spero realmente senza eccessivi dolori (parlo ovviamente della prima defecazione post intervento), ma se era corretto quello che mi aveva detto il medico o meglio ancora se avevo compreso bene io.

Altro discorso per il centro a cui affidarsi. Io sono di avellino ma abito a vietri (SA) e non è sempre facile, per noi profani, individuare un centro che abbia le garanzie da Lei citate. Soprattutto se uno si rivolge alle Strutture Pubbliche.

Non a caso ho dovuto scartare alcuni proctologi perchè operavano soprattutto in strutture private, non convenzionate...ovviamente.
Se poi chiedessi qualche consiglio su qualche centro pubblico di provata esperienza sulla tecnica Longo nella mia zona (tipo ospedale di cava, di Nocera, di Salerno, ecc.) non so se ci sia qualcuno che mi possa consigliare, senza ovviamente urtare la suscettibilità di nessuno.
Grazie ancora

[#3]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Gentile signore

l'equivoco nasce, secondo me, sulla corretta definizione di patologia: un conto è un prolasso emorroidario ed un conto è un prolasso mucoso rettale con sindrome da ostruita defecazione.

Se nel primo caso si effettua una emorroidopessi sec. Longo, con una sola Stapler PPH03, nel secondo caso invece la resezione transanale del retto STARR (Stapled Trans Anal Rectal Resection) viene effettuata con due emisuture, una anteriore ed una posteriore, utilizzando appunto due Stapler PPH01.

Dal 2007 inoltre è entrata in commercio una nuova suturatrice dedicata proprio a questo e voluta dal Prof. Longo (Transtarr EES).

Per eventuali ulteriori chiarimenti può sempre provare a consultare l'elenco dei colleghi proctologi della sua zona presente sul nostro sito.

Sperando di aver esaudito la sua richiesta la saluto cordialmente.

Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#4]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Non deve pensare che i bravi Chirurghi lavorino soltanto nelle strutture private o in chissa' quali regioni fortunate: anche nella sua zona ce ne sono di molto validi, e la maggior parte di essi opera negli Ospedali piu' grandi della sua regione. Magari ci sara' un pochino da aspettare, ma per fortuna il suo non e' un problema che per forza deve essere risolto domani mattina!
Un aiuto puo' venirle dai seguenti elenchi:
https://www.medicitalia.it/specialisti/
https://www.medicitalia.it/medici-specialisti-provincia/
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#5] dopo  
Utente
Ringrazio entrambi i medici che sono intervenuti.
Siete stati esaurienti ed avete cmunque dissipato i miei dubbi.
Per quanto riguarda la suturatrice che userà il chirurgo che mi ha visitato penso che utilizzi ancora il vecchio tipo, ma se raggiunge lo stesso scopo, la cosa non mi preoccupa più di tanto.
Vi auguro un sereno inizio settimana.

[#6]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Contento di esserle stato utile ricambio l'augurio di serenità.

Cordialmente
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#7]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
E' proprio come le dicevo: i dettagli tecnici li stabiliscono i tecnici... Fermo restando che lei ha ovviamente diritto di sapere che materiale e' stato poi utilizzato; e non mi riferisco soltanto alla stapler, ma anche a fili di sutura, clip metalliche, farmaci e strumenti vari: tutti dati che comunque vengono normalmente riportati anche nella cartella clinica.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com