Utente
Buongiorno, non so se sto scrivendo nella sezione giusta ma non sapevo dove orientarmi.
Da qualche anno mi è stato diagnosticato al pronto soccorso colon irritabile, perché avevo dolori allucinanti al lato sinistro in basso e avevo alvo tendenzialmente stitico con tanta aria nella pancia, in più non andavo in bagno da 15 giorni ben che sia stata sempre regolare. Da quel giorno niente dolori, solo leggeri fastidi e feci più molli "alternate" se così si può dire, a feci normali o feci più dure (a palline o solo più dure). Da un pò di tempo invece ho iniziato a soffrire di pesantezza al livello dello stomaco, sotto lo sterno, fin un po' sopra l'ombelico! Pochi giorni dopo il fastidio è sparito e questa mattina alle 7.30 mi son svegliata con un forte mal di pancia tipo dolore da ciclo soprattutto lato sinistro, ho sentito tre o quattro borbotti di stomaco e sono corsa in bagno! Le feci erano un po' dure ma formate e sono stata molto meglio e mi sono riaddormentata. Al risveglio ho avuto sensazione di dolore sempre nello stesso punto con ancora lo stimolo di andare in bagno con tanta aria. Aggiungo che soffro di emorroidi il che non aiuta quando ho questi episodi di feci dure e mi ritrovo a defecare con grande dolore. Prenoterò una visita dal gastroenterologo intanto volevo sapere un vostro parere.. Si tratta sempre di colite o colon irritabile?
Grazie e buon lavoro.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Colite e' in realta' un termine improprio con il quale si indica per lo piu' la Sindrome del Colon Irritabile. Cio' che le hanno detto in Pronto Soccorso e' dunque senz'altro condivisibile, ma di certo la cura dei suoi disturbi non puo' esaurirsi con una visita fatta appunto in urgenza. Giusto quindi affidarsi al Gastroenterologo che, se avra' la necessaria pazienza per seguirla nel tempo, certamente le indichera' le soluzioni piu' adatte al suo caso. Nel frattempo mi permetto di consigliarle la lettura di questo interessante articolo https://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/332-colon-irritabile-sindrome-dell-intestino-irritabile-ibs.html
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Volevo raccontarle un fatto accaduto ieri sera dopo essere andata in bagno. Dopo circa due ore dalla defecazione (sempre dolorosa e faticosa) sono riandata in bagno per fare pipì e sentendomi un po' "sporca" dietro, mi sono pulita con la carta igienica e infatti ero ancora poco sporca e insieme ho trovato una goccia di sangue come se fosse "inacquata" cioè, un rosa pallido di dimensioni millimetriche. Ho riprovato a pulirmi dopo altre due ore e non vi era più niente.. solo un piccolo bruciore e pizzicore che mi è durato tutta la notte.
Come ho già detto soffro di emorroidi e ho una piccolissima ragade scoperta da pochissimo.
La mia paura è che vedendo il sangue dopo due ore credo che non sia normale.. potrebbe essere un tumore? Mia madre dice che non dovrei preoccuparmi dato che ho le emorroidi ma avendo avuto anche un attacco di colon irritabile qualche giorno fa mi fa pensare.. Ho 21 anni!
Aggiungo che la settimana prossimo ho appuntamento con il Gastroenterologo.. e il 2 Febbraio con il proctologo.

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Lei ha non una, ma addirittura due buone ragioni per trovare sangue sulla carta igienica: le ragadi e le emorroidi. Non vedo perche' andare a pensare ad un'eventualita' (il cancro del colon-retto) che alla sua eta' e' veramente di riscontro eccezionale! Faccia comunque le visite programmate, cosi' risolvera' i suoi problemi e quando non trovera' piu' sangue non ci sara' piu' motivo per spaventarsi.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente
Gentile dottore.. mi hanno spostato la visita dal gastroenterologo al 5 Aprile!!!! Sono sinceramente arrabbiata perché ora dovrò aspettare tanto e non so che fare.
Dalla mail precedente volevo solo sapere se era normale vedere il sangue Due o Tre ore dopo la defecazione visto che io sapevo che essa avviene assieme alla defecazione stessa.

Ringrazio.

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Vedere del sangue che fuoriesce dall'ano non e' mai una cosa normale: anche per questo e' consigliabile una visita specialistica. Provi magari in qualche ASL limitrofa: a volte i tempi di attesa nei centri piu' piccoli sono ridotti.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#6] dopo  
Utente
Il fatto di vederlo dopo può avere una diversa diagnosi?
Scusi per la banalità della domanda ma vorrei tranquillizzarmi un poco, comunque domani mi recherò alla ASL sperando in tempi di attesa minori. La visita dal proctologo per fortuna è fissata sempre il 2 Febbraio.
Aggiungo che ogni volta (non sempre) che trovo del sangue, provo forte bruciore se pulisco con la carta! Se provo a premere verso l'interno dell'ano sento bruciore più intenso e riesco a localizzare il dolore.

Cordiali Saluti.

[#7]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Con grandi probabilita' si tratta di una patologia benigna del canale o del margine anale: il 2 febbraio avra' la risposta certa.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#8] dopo  
Utente
Questa mattina mi sono recata alla ASL della mia città e anche qui i tempi di attesa sono molto lunghi. Verso Marzo è possibile fare la visita, meglio che aspettare il 5 Aprile comunque.
Dice che è un problema questo? Aspettare così tanto per una visita? O è meglio farla prima?

Attendo risposta e auguro un buon fine settimana.
Saluti.

[#9]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Intanto il 2 febbraio fara' la visita proctologica. Un Proctologo e' sempre comunque un Medico, che in genere e' Specialista in Chirurgia e che quindi riguardo alle problematiche addominali, colon irritabile compreso, normalmente ha una buona esperienza: cominci con il chiedere a lui qualche consiglio!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#10] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
La scorsa settimana ho fatto la visita dal Proctologo.
Una buona notizia, le emorroidi non ci sono più e sono molto felice per questo ma purtroppo ancora la ragade persiste e continua a crearmi problemi.
Ho chiesto anche per questo fastidio addominale anche lui mi ha detto che potrebbe trattarsi di colon irritabile dato dallo stress.
Ora spetterò solo la visita dal gatroenterologo.
La visita dal proctologo mi ha parecchio tranquillizzata infatti non ho più questi fastidi solo un leggero mal di pancia mattutino che passa dopo essere andata in bagno ma durante tutta la giornata sto benissimo.
Sto cercando di mangiare verdura, frutta e pesce ed evitare fritti, cioccolata o cose pesanti e sembra che stia funzionando, ho preso anche 2 chili!
Anche se comunque il dolore alla defecazione ancora persiste...

[#11]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La presenza di una ragade giustifica senz'altro il dolore alla defecazione: forse dovrebbe farsi prescrivere un'apposita terapia per questa fastidiosa ferita.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#12] dopo  
Utente
Gentilissimo Dottore, mi scuso per la mia scortesia a scriverle continuamente.
Questa mattina a seguito di un fastidioso mal di pancia (al basso ventre) sono andata in bagno e ho fatto feci molli, all'inizio erano formate ma poi son diventate meno formate. Dopo di questo il dolore è passato ma dopo pranzo, sentendo ancora lo stimolo sono andata in bagno e mi è uscito solo muco. Era bianco e trasparente e filamentoso. Non vi era sangue, solo dei semi di kiwii mangiato in questi giorni.
Ho chiamato di nuovo il mio dottore che mi consiglia di vedere se questo episodio di muco continua e in caso fare una colonscopia perchè sospetta un infezione/infiammazione al colon visto i miei fastidi alla pancia continui, l'aria, la flatulenza e adesso il muco.

Entro la settimana prossima prenoterò una visita, la mia paura è che ci sarà d'aspettare, come per la visita dal g.enterologo. Ho provato anche ad informarmi per un esame privato ma mi viene a costare parecchio!
La mia domanda è: se aspetto 1, 2 o 3 mesi (o forse più) la mia situazione si può aggravare? Il medico dice che non vuole darmi farmaci fin che non sappiamo bene di cosa si tratti, quindi per adesso mi limito ad assumere relaxcol e cerco di mangiare bene, altro non faccio. Ma questa situazione sta diventando pesante soprattutto mi limita di molto nelle mie azioni quotidiane, come per esempio uscire.
Ringrazio molto.

[#13]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La capisco. Provi a spostarsi di qualche chilometro: spesso capita che citta' o paesi limitrofi hanno meno lista di attesa per effettuare questo tipo di esame.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#14] dopo  
Utente
Domani mattina mi recherò al laboratorio esami per eseguire i seguenti:
-Emocromo + forumla
-Ves
-Pcr
-Anti transglutaminasi
-Ferritina
-Sidermia
-Calproctectina immunometrico feci

Andando in bagno ogni mattina sempre alle 10.30/11.00 e non prima (non ci riesco proprio anche sforzandomi), volevo chiederle se raccogliendo le feci questa mattina tardi e mettendole in frigo, portandole domani, andava bene lo stesso!
E volevo aggiungere.. in caso di colon irritabile la calproctectina e la pcr dovrebbero risultare positivi o negativi?
Grazie mille!

[#15]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Il campione conservato in frigorifero dovrebbe poter essere accettato, ma dipende da quello che decide di fare il singolo laboratorio, quindi meglio fargli una telefonata per avere conferma o meno.
La calprotectina fecale puo' risultare positiva in presenza di malattie infiammatorie croniche del colon, mentre la PCR e' un indice di infiammazione aspecifico che aumenta in molte condizioni.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#16] dopo  
Utente
Buongiorno sono appena stata a ritirare le analisi, purtroppo la calprotectina fecale e Anti transglutaminasi non sono ancora pronte.
L'emocromo e la formula credo vadino bene nel senso che nessun valore è al di sotto o sopra il valore di riferimento.

SIDEREMIA 68mcg/dl 45-150

FERRITINA 29ng/ml 11-306

PROTEINA C REATTIVA NEGATIVA 0,0 - 0,8

VES 2 mm/h


Volevo sapere: cosa significa il valore VES 2 e PCR NEGATIVA? La Ferritina anche se non è ne al di sotto ne al disopra non è un po' bassa?

Ringrazio.

[#17]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
In condizioni normali la VES dovrebbe rimanere sotto il valore 10, mentre la PCR negativa vuol dire che non si e' elevata. Tutto nei limiti, dunque...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#18] dopo  
Utente
La ringrazio.

[#19]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Di nulla.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#20] dopo  
Utente
Buonasera.
Domani andrò a ritirare il risultato della calprotectina se è pronta, nel frattempo volevo fare due domande:

- Una ragade che sanguina (intermittenza) puo' in qualche modo influenzare il risultato della calproctectina?
Mi spiego meglio, ho questa ragade che a volte sanguina, ora, il giorno che ho raccolto le feci non ho visto sangue ne sulle feci (ho guardato attentamente) ne sulla carta igienica, quindi spero che non vi era traccia ma mi è venuto questo dubbio. (mi sanguinano anche le gengive ultimamente e ingerisco sangue).

- Per risultare negativo, qual'è il valore di riferimento della calprotectina?

Ringrazio.

[#21]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Il limite dovrebbe essere di 15 microgrammi, oltre il quale si puo' sospettare una patologia infiammatoria. Le ricordo che pero' non e' sufficiente questo accertamento per fare diagnosi: questo e' solo uno dei parametri da utilizzare. E che io sappia non e' influenzato dal sanguinamento anale.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#22] dopo  
Utente
Sono andata a ritirare le analisi.. che dire.. è tutto nei limiti tranne la calprotectina che invece di essere tra 0 e 50 è di 85!! Sono molto preoccupata, oggi andrò subito dal mio medico e fra 10 giorno avrò la visita dal gastroenterologo. Ho paura che sia qualcosa di grave, ho letto che valori alti della calprotectina possono indicare anche tumori maligni e questa è la mia preoccupazione più grande!
Cosa mi puo' dire a riguardo? Ci sono altre patologie che possono far alzare i valori?

[#23]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Ci sono le malattie infiammatorie croniche del colon, come gia' le avevo scritto.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#24] dopo  
Utente
Si mi ricordo, infatti sono andata in giro su internet per controllare.. ma queste infiammazioni croniche da quanto leggo danno anche febbre o febbriciola e perdita di peso, cose che non ho assolutamente, in più leggo che in caso di Morbo di Chron per esempio la Ves e la pcr salgono. Sono un po' dubbiosa.

Ma comunque la ringrazio per il tempo dedicatomi.
Cordiali saluti

[#25]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Infatti questo dato non basta per fare diagnosi: bisogna fare tutta una serie di accertamenti per arrivare alle giuste conclusioni. Ma anche questo, se rilegge quanto scritto fin'ora, glielo avevo gia' detto...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com